Guida alla Galleria Nazionale dell'Umbria

di Vale Baudelaire tramite: O2O difficoltà: facile

La Galleria Nazionale dell'Umbria è uno dei più importanti musei dell'Italia centrale: fu fondata nel 1863 e oggi è situata al terzo piano del Palazzo Comunale o dei Priori di Perugia, edificio gotico tra i più superbi e possenti palazzi pubblici italiani.
La collezione raccoglie tra le più importanti e significative opere umbre e dell'Italia centrale tra il XIII e il XIX secolo.
Vediamo, in questa guida, le principali opere che possiamo ammirare alla Galleria Nazionale dell'Umbria.

Assicurati di avere a portata di mano: Biglietti Guida

1 Alcune opere presenti all'ingresso All'ingresso del palazzo, nel grande e decorato salone, è subito possibile ammirare uno splendido crocifisso ligneo databile prima metà del 1200, proveniente dalla chiesa di Santa Maria di Roncione presso Deruta.
Superato il salone di ingresso, all'interno della Galleria Nazionale dell'Umbria è possibile ammirare la maggiore raccolta di opere di artisti legati per nascita o per tradizione di lavoro alla regione Umbria. Si va, per quanto riguarda le epoche, da pittori del XIII secolo al Perugino e al Pinturicchio, ultimi maestri umbri del Rinascimento. Artisti di altre regioni, come L'Angelico, Benozzo Gozzoli, Piero della Francesca, sono presenti con poche ma importanti opere.

2 Raccolta di sculture e altri dipinti Inoltre, potremmo anche ammirare una vasta raccolta di sculture e, nella sala detta Corridoio del Tesoro, possiamo anche trovare delle oreficerie, smalti ed avori.
Tra i dipinti più famosi, spicca la Nicchia di San Bernardino, opera del Perugino, dei suoi allievi e del Pinturicchio. La bellezza dell'opera risiede nel fatto che le figure sembrano vivere di una vita propria. Anche la bellissima Madonna e bambino di Agostino di Duccio svetta nella sua solennità, mentre del Perugino c'è Adorazione dei Magi, olio su tavola databile fine del 1400 ed anche il Polittico della Misericordia realizzato nel 1464 da Piero della Francesca.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Le opere più importanti Tra i pezzi più famosi, si distingue il Reliquiario di San Giuliana, costellato di rame dorato, un gioiello dell'oreficeria umbro-senese del quattordicesimo secolo, capolavoro di equilibrio e di imponenza.  Destinato in origine a contenere il teschio della Santa, invece che un semplice oggetto potrebbe sembrare, nello slancio delle colonnine tortili, una vera e propria architettura vista col cannocchiale alla rovescia.  Approfondimento I migliori musei presenti in Italia (clicca qui) Tra le sculture, la più famosa risulta essere una meravigliosa formella di bronzo, denominata Flagellazione di Francesco di Giorgio Martini del 1480.  Ma possiamo ammirare anche delle bellissime opere dei Pisano, di Arnolfo di Cambio e Agostino di Duccio.

Non dimenticare mai: L'Umbria presenta un patrimonio artistico molto ampio e variegato Se siamo appassionati del Rinascimento, non possiamo non visitare questo museo. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Il sito del museo

Piero della Francesca: vita e opere È stata proprio la maniera dell'artista a influenzare particolarmente la ... continua » I musei più importanti di Firenze Nella culla del Rinascimento, cioè a Firenze, si respira un'aria ... continua » Guida alla Galleria Internazionale d'arte Moderna di Venezia La penisola italiana è un Paese ricco di grandi monumenti architettonici ... continua » I 10 migliori musei di Torino Torino ex capitale d’Italia è una città ricca di storia ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Giotto: le opere principali

Giotto di Bondone, forse diminutivo di Ambrogio o Angiolo, conosciuto semplicemente come Giotto (Vespignano, 1267 circa – Firenze, 8 gennaio 1337), è stato un pittore e ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.