Guida alla galleria Tret'jakov

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La Galleria statale di Tret'jakov è situata a Mosca e custodisce uno dei più grandi patrimoni artistico-culturali della Russia. La denominazione di questa galleria deve il suo nome ad un mercante russo dell'Ottocento, Pavel Michajlovič Tret'jakov, il quale iniziò ad acquistare numerose opere d'arte dell'epoca, arrivando a creare una vera e propria collezione. Nel 1892, qualche anno prima di morire, il mercante russo decise di donare la sua ricchissima collezione alla Nazione.
Dopo la Rivoluzione russa del 1917, la collezione fu arricchita ulteriormente, in seguito alla cosiddetta nazionalizzazione di diverse collezioni private.  Il museo contiene al suo interno quadri dell'arte russa che vanno dall'XI al XXI secolo, comprendendo opere che spaziano dai quadri, le statue fino agli oggetti e all'arte applicata.  Questo articolo non è altro che una breve guida alla Galleria di Tret'jakov, uno dei musei tra i più belli al mondo.

25

Come raggiungere la Galleria?
Prima di tutto va detto che la Galleria è suddivisa in due parti, corrispondenti a due edifici differenti.
Una parte, comprendente le opere dell'arte contemporanea russa del XX secolo, si trova nel palazzo di Krymskij Val. Le fermate della metropolitana più vicine sono: Park kul'tury e l'Oktjabr'skaja.  L'altra parte, comprendente la collezione di quadri e di antichissime icone russe dell' XI secolo,  è situata in via Lavrusinskij,10 ed è facilmente raggiungibile con la metropolitana, scendendo alla fermata Poljanka, Tret'jakovskaja o Novokuznecskaja.
Gli orari validi per entrambe le parti del museo sono:
Lunedì: giorno feriale
Martedì, mercoledì, domenica: dalle 10:00 alle 18:00
Giovedì, venerdì, sabato: dalle 10:00 alle 21:00
Si ricorda che la biglietteria chiude un'ora prima della chiusura del museo.

35

Tra gli artisti dell'arte contemporanea russa del XX secolo ci sono sicuramente alcuni degni di nota. Tra questi sono sicuramente da citare Kandinskij, Malevič (con il famosissimo "quadrato nero") e Chagall nonchè numerosi altri artisti minori.
Vi sono inoltre quadri appartenenti al cosiddetto realismo-socialista, che risultano essere particolarmente interessanti per comprendere l'epoca sovietica.
Assolutamente da visitare.

Continua la lettura
45

Per quanto riguarda la parte comprendente i quadri e le antiche icone russe dell'XI secolo, c'è davvero l'imbarazzo della scelta.
Turisti di tutto il mondo rimangono estasiati di fronte alla minuziosa e affascinante arte delle icone russe.
Una delle icone tra le più famose al mondo e quindi degna di nota, è sicuramente quella di Andrej Rublëv ovvero "la Santissima Trinità".

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Si consiglia di consultare il sito ufficiale della Galleria per eventuali variazioni di orario.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Guida all'iconografia russa

L'arte religiosa russa è ben diversa dalla corrispettiva europea: questo grande paese, infatti, funge da secoli da punto di contatto tra popolazioni slave, mediterranee ed arabe, e tale multietnicità si è riversata inevitabilmente anche sulla cultura...
Mostre e Musei

Come visitare la galleria degli Uffizi a Firenze

L'Italia intera è un Paese estremamente ricco di storia e cultura, capace di attirare l'attenzione dei turisti di tutto il mondo. Una delle città d'arte più frequentate in assoluto è senza dubbio la grande culla del Rinascimento: Firenze. L'imperdibile...
Mostre e Musei

Come visitare la Galleria Palatina a Firenze

Chi è amante dell'arte e capita nel capoluogo della Toscana, non può perdersi importanti luoghi da ammirare. Uno dei siti più interessanti ed importanti da visitare a Firenze è sicuramente la Galleria Palatina. La Galleria in questione è ubicata...
Arti Visive

Guida alle opere di Chagall

Marc Chagall nacque a Vitebsk nel 1887 e morì nel 1985 a St. Paul de Vence. Fu un famoso pittore russo, frequentò l'Accademia di Belle Arti Russa sotto l'egida del maestro Nikolaj Konstantinovic Roerich. Nel 1908 esordì con opere che inizialmente si...
Mostre e Musei

Come visitare la Galleria austriaca Belvedere di Vienna

L'Austria è una nazione piena di bellezze naturali e artistiche, con palazzi reali dal valore inestimabile e di grande fascino. Chi di noi non ha mai sentito parlare dell'Imperatrice Sissi? Credo nessuno e come ben saprete l'Austria è stata la sua seconda...
Mostre e Musei

Guida alla Galleria Nazionale dell'Umbria

La Galleria Nazionale dell'Umbria è uno dei più importanti musei dell'Italia centrale: fu fondata nel 1863 e oggi è situata al terzo piano del Palazzo Comunale o dei Priori di Perugia, edificio gotico tra i più superbi e possenti palazzi pubblici...
Mostre e Musei

I 10 migliori musei di Torino

Torino ex capitale d’Italia è una città ricca di storia, cultura ed arte che merita di essere scoperta. Chi intende trascorre qualche giorno nel capoluogo piemontese oltre ad ammirare la Mole Antonelliana, i palazzi di epoca barocco e le tante attrazioni...
Mostre e Musei

I 5 musei più interessanti d'Italia

L'Italia è il paese con il più alto numero di siti inclusi nella lista del patrimonio dell'umanità. Tra le tante meraviglie che caratterizzano da nord a sud lo stivale italico, questa lista ha l'arduo compito di individuare i 5 musei più interessanti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.