Guida alla Sinfonia n. 9 di Ludwig van Beethoven

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

A tutti piace la musica classica, e molti hanno una vera e propria passione. Conoscere la vita e le opere dei più famosi compositori potra' solo giovare al nostro bagaglio culturale, e far apprezzare di più i grandi maestri. Tra di essi non possiamo scordarci Ludwig Van Beethoven. Ludwig Van Beethoven è stato un compositore tedesco, uno dei maggiori di tutti i tempi, vissuto nel periodo cosiddetto "Classico" e precursore del Romanticismo musicale. Buona arte del suo repertorio è entrato ormai a fare parte della "musica colta" e rappresenta un punto cardinale non soltanto per i conservatori di tutto il mondo, ma anche per ogni forma artistica che utilizzi la musica come elemento espressivo. Beethoven ha affrontato tutti i generi musicali del proprio tempo: musica da camera, strumentale, orchestrale, sinfonica e operistica). In questa guida illustreremo una delle più accreditate interpretazioni della più celebre sinfonia: la numero 9. Vi spiegheremo brevemente la storia di questa sinfonia, in modo che possiate apprezzarla di più.

24

Storia della Sinfonia

La Sinfonia N. 9 scritta da Beethoven, ultima della sua serie di sinfonie, catalogata come opera 125, in re minore, è costituita dai 4 movimenti: "allegro ma non troppo, un poco maestoso", "molto vivace" e "presto", "adagio ma cantabile" e il quarto movimento (di cui parleremo successivamente), "molto allegro, impetuoso ed energico". Una caratteristica di Beethoven, fu la sua attitudine a comporre musica al di fuori dei comuni canoni musicali, al suo tempo molto schematici e rigidi. Anche per questa peculiarità viene riconosciuto come precursore del Romanticismo musicale.

34

Quando fu completata

La Nona Sinfonia fu completata da Beethoven nel 1824, quattro anni prima della sua morte, quando ormai aveva perso completamente l'udito, particolarità, quest'ultima, degna di nota che fa di lui un vero e proprio genio indiscusso e indimenticabile del tempo. Il primo movimento inizia con un ritmo scandito, suonato pianissimo, prima con violoncello e contrabbasso e poi arricchito gradualmente dal resto degli strumenti dell'orchestra, che si aggiungono fino a raggiungere un carattere maestoso con il coro. È questo inizio "incerto" che dà la sensazione all'ascoltatore che i singoli strumenti dell'orchestra si stiano accordando.

Continua la lettura
44

Secondo e terzo movimento

Il secondo e il terzo movimento vanno considerati il proseguo del primo movimento. Qui vengono riproposti alcuni piccoli temi minori per pianoforte che Beethoven aveva scritto in tempi precedenti. Ma dove il genio del compositore raggiunge l'apice, non solo nell'ambito della stessa sinfonia, ma forse del suo intero repertorio musicale e della musica di tutti i tempi, è il movimento numero quattro. Riuscendo a coronare un suo antico desiderio, ovvero musicare "L'Ode alla gioia" di Friedrich Schiller, Beethoven, nella parte finale della nona inserisce il coro. Un inno alla gioia, le cui parole scritte da Schiller, basate sull'amore verso il prossimo e la fratellanza, è stato adottato come inno ufficiale dell'Unione Europea nel 1985 e nel 2001 è stato dichiarato patrimonio dell'Unesco.
La Sinfonia n.9 di Beethoven è certamente da annoverare tra le sue opere più celebri ed illustri, e più importanti che siano state tramandate fino ai giorni nostri. Se ancora non avete avuto modo di ascoltarla e siete curiosi, questo è il momento di provare. Ne rimarrete affascinati ed entusiasti.
Vi auguro quindi buon ascolto.
A presto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Breve storia della musica classica

In questo articolo vorrei offrire una breve storia della musica classica. La musica classica è una musica che ha delle radici molto antiche ed è un genere considerato universale. La musica classica viene infatti amata e apprezzata in tutto il mondo....
Arti Visive

I migliori film di Stanley Kubrick

Stanley Kubrick (1928-1999) è stato uno dei registi più visionari e lungimiranti del cinema contemporaneo internazionale. Pur trattando nelle sue opere tematiche tradizionali le ha rese quanto mai originali, imprimendo ad esse uno stile unico attraverso...
Musica

Richard Wagner: vita e opere

Molto spesso, quando ci troviamo a dover studiare le vita e le opere di alcuni particolari uomini importanti del passato, ci capita di voler ulteriormente approfondire alcuni aspetti, per riuscire meglio a comprendere tutte le loro opere. Per farlo potremo...
Letteratura

Theodor Hoffman: vita e opere

Theodor Hoffman: vita e opere: meglio conosciuto come Ernst Theodor Hofffmann, è stato esponete di spicco del Romanticismo tedesco. Theodor Hofffmann è stato anche compositore, pittore e critico musicale. I temi toccati da Hoffmann vanno dal genere...
Arti Visive

Klimt: le migliori opere

Gustave Klimt fu il secondo figlio di ben otto fratelli. Figlio di un orafo, Gustave Klimt sviluppò sin da subito una passione per l'arte, così come pure gli altri fratelli (due dei quali, Ernst e Georg, divennero anch'essi pittori). Nato a Vienna nel...
Musica

Guida ai più famosi pianisti del mondo

La musica è il «luogo» artistico che mette in confronto e in comune diverse razze e popoli. Spesso caratterizzata da generi molto diversi tra loro, la musica appartiene allo strumento col quale viene eseguita, che sia una chitarra o un violino. Attraverso...
Musica

La musica nel romanticismo

Il movimento culturale del Romanticismo nasce in Germania e nella prima metà del XIX secolo si diffonde in tutta Europa. Nel Romanticismo la musica si sviluppa inizialmente dal 1770 con la musica neoclassica, per terminare poi alla fine dell’Ottocento...
Mostre e Musei

Come visitare il Ludwig Muzeum di Budapest

Nessuna gita turistica a Budapest può considerarsi completa senza la visita al Ludwig Muzeum. Oltre alla Galleria Nazionale ungherese, al parlamento e al ponte delle catene, il Ludwig Muzeum è uno dei simboli di Budapest che chiunque ami l'arte contemporanea...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.