Guida alle opere di Giorgione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Lo pseudonimo di Giorgione si riferisce a Giorgio Barbarella (o Zorzi da Castelfranco), il famoso pittore italiano del periodo rinascimentale di origine veneziana. Il soprannome fu usato molto probabilmente in attribuzione alla statura dell'artista, insolita per l'epoca. Ma il mistero non aleggia solo sulla sua identità; tutta la sua arte non ne è scevra, tanto da renderlo uno dei pittori più imperscrutabili dell'arte pittorica in Europa. Fondò insieme a Tiziano, di poco più giovane di lui, la scuola veneziana che eccelse nel panorama della pittura del Rinascimento italiano. Nato a Castelfranco Veneto intorno all'anno 1478, in onore della città che gli diede i natali, Giorgione dipinse la "Madonna di Castelfranco" (in Sacra Conversazione), raffigurante la Madonna sul trono, attorniata ai lati dai santi Rocco e Antonio da Padova, disposti secondo la forma di un triangolo equilatero. In questo tipo di rappresentazione il paesaggio ha acquisito un'importanza tale, da segnare una vera e propria innovazione nell'arte veneziana. La presente guida ci accompagnerà alla scoperta delle opere di questo grande pittore.

24

'La Venere dormiente' è un dipinto raffigurante appunto la dea Venere distesa su un panneggio bianco, con lo sfondo di un paesaggio luminoso che riempie lo spazio alle sue spalle. 'La Tempesta' è un'opera che segna una pietra miliare nel paesaggio del rinascimento; e questo sentimento della natura si fa ricondurre in modo molto intimo al 'naturalismo' filosofico degli umanisti veneti e padovani contemporanei, raggruppati intorno all'importante filosofo rinascimentale Pietro Pomponazzi.

34

Nel panorama artistico di Giorgione, sono pochi i dipinti religiosi attribuitigli dalle fonti documentarie, tanto che i pannelli che ci mostrano 'La prova di Mosè' ed 'Il Giudizio di Salomone' si ritiene che siano tra le prime opere dell'artista. Nell'opera 'The thempest', la mano di Giorgione si rivela in modo inequivocabile, con l'assoluta bellezza del paesaggio, che si fonde morbidamente fra le varie distanze. In ogni caso, la più celebre delle immagini religiose di Giorgione è la 'Pala di Castelfranco' (o Madonna di Castelfranco di cui all'introduzione); infatti tramite la composizione di questo dipinto a mò di triangolo equilatero, il pittore rimane conforme alla ricerca di soluzioni geometriche. 'La Sacra Famiglia' e 'L'adorazione dei pastori' sono altre due opere di notevole importanza religiosa.

Continua la lettura
44

'I tre filosofi' è un'opera enigmatica, dove le tre figure sostano vicino ad una grotta buia e vuota; a volte i personaggi sono interpretati come simboli della caverna di Platone o dei Tre Re Magi, che sembrano perdersi in un tipico stato d'animo sognante giorgionesco; oltretutto il quadro è rinforzato da una caratteristica di luce nebbiosa. Il dipinto 'Il Concerto Pastorale' è privo di contorni duri e il suo trattamento del paesaggio è molto consistente rispetto alla poesia pastorale. Altri dipinti che fanno parte delle opere di Giorgione sono: 'L'adultera', 'Ritratto di vecchia', 'Giuditta con la testa di Oloferne'.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Tintoretto: le migliori opere

Talentuoso allievo di Tiziano, Jacopo Robusti o Tintoretto era così scorbutico che fu cacciato dalla bottega del maestro dopo pochi giorni, sempre che non si debba dar credito alla versione secondo cui la rottura fu determinata dalla rivalità. Vero...
Arti Visive

Tintoretto: opere e stile

Jacopo Robusti, veneziano di metà cinquecento, è stato uno dei grandi pittori del Rinascimento italiano: noto al mondo come "il Tintoretto", nome che deve al mestiere del padre, pittore di stoffe, questo artista viene ricordato perché è stato uno...
Arti Visive

Correggio: vita e opere

Correggio è il nome d'arte di un pittore italiano: Antonio Allegri, nato e morto proprio nella città di Correggio, in provincia di Reggio Emilia. È considerato uno dei maggiori esponenti della pittura del Cinquecento. Il suo stile è nato da uno studio...
Arti Visive

I 10 quadri più misteriosi al mondo

Da sempre le opere d'arte vengono analizzate e studiate da professionisti, in quanto esse sono ricche di fascini e misteri. Dietro a un'opera si nascondono infatti, storie, racconti e veri e propri intrighi, e ancora oggi su alcune di esse non si è riuscito...
Arti Visive

Andrea di Bartolo: biografia e dipinti

Andrea Di Bartolo nato verso circa il periodo del 1360/70 e deceduto a Siena nel 1428, era figlio del pittore Bartolo di Fredi e di Bartolommea di Cecco. Egli era un pittore della scuola senese. Fra i dipinti maggiormente importanti dell'artista senese...
Arti Visive

Maestro della Maddalena: biografia e dipinti

Il Maestro della Maddalena è un anonimo pittore fiorentino della seconda metà del '200. Nasce nel 1265 e si spegne intorno al 1290. La biografia dell'artista è quasi del tutto assente. Le poche notizie sono incerte. Quelle che ricostruiscono la sua...
Arti Visive

Guido da Siena: biografia e dipinti

Tanti pittori si sono distinti diventando illustri pittori, nel Duecento. Tra questi citiamo Guido da Siena. Lui nacque a Siena nel 1230 e morì sempre in quella città nel 1290. Egli era un pittore italiano che era attivo a Siena nella seconda metà...
Arti Visive

L'arte di Corrado Giaquinto

Corrado Giaquinto fu un importante pittore che visse nel 1700. Figlio di Francesco, sarto di origine napoletana e di Angela Fontana, barese, realizzò numerose opere di grande livello. Nacque nel 1703 a Molfetta e morì nel 1765 a Napoli. Visse anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.