Guida alle opere di Sandro Botticelli

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Botticelli è uno dei più famosi pittori italiani vissuti nel rinascimento. Sono moltissime le opere dell'artista in Italia, in particolar modo agli Uffizi di Firenze, dove si può ammirare tutta la sua magnificenza pittorica. Capire fino in fondo i dipinti di Botticelli e il suo stile pittorico non è però semplice come si pensa in quanto si tratta di uno dei grandi della pittura italiana, e ha un suo stile ben preciso con colpi di pennello dati in maniera particolare e un effetto scenico creato ad hoc. In questa breve guida cercheremo di dare risalto e di spiegare, per quanto sia possibile, le opere di Sandro Botticelli.

24

Il San Sebastiano

Una delle prime opere realizzate autonomamente da Sandro Botticelli è il San Sebastiano, conservato alla Gemaldegalerie di Berlino. L'opera raffigura il martirio del santo, il cui corpo statuario occupa il primo piano e funge da asse di simmetria dell'intera tela. Lo sfondo, tra cui il paesaggio, fa da contorno alla figura centrale sulla quale si regge l'intero dipinto, questo sia per dare simmetria al quadro ma anche, e soprattutto, per dare risalto all'evento che è poi il soggetto della tela. L'opera probabilmente esprime le idee dell'accademia Neoplatonica, molto in voga all'epoca, secondo la quale l'uomo occupava una posizione privilegiata all'interno del creato, ma era pur sempre soggetto ad errore e in quanto tale poteva perdere la sua condizione di favorito da Dio per cadere nelle tenebre spirituali.

34

La Nascita di Venere

Molto proficua fu la collaborazione con la potente famiglia dei Medici, al servizio dei quali Botticelli si pose e realizzò opere ritenute fra le più belle al mondo. Di questo periodo è una delle opere più conosciute del pittore, La Nascita di Venere, terminata attorno al 1485. Quest'opera, realizzata con colori delicati e linee sinuose e sensuali, mostra la nascita della Dea, bellissima, la quale giunge al mondo trasportata dal mare a bordo di una conchiglia. La dea è aiutata in questo dal soffio di due venti, Zefiro e Aura. La tela è esposta al Museo degli Uffizi di Firenze, si tratta di un autentico capolavoro di stile pittorico e di contenuto.

Continua la lettura
44

La Primavera

IL nome di Botticelli non può poi essere non associato alla famosa Primavera, immortalata spesso come copertina, su diversi testi di storia dell'arte. Il soggetto è la Primavera stessa e la modella è la stessa che ha posato per la Venere. Gli stili sono simili anche se il soggetto è totalmente differente. Altre opere fondamentali di questo artista sono la Madonna del Magnificat, e la Natività Mistica, una delle ultime tele realizzate dall'artista, in cui tra l'altro si può notare un cambiamento stilistico.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

"La primavera" di Botticelli: analisi e descrizione

"La Primavera", considerato il primo capolavoro pagano di Sandro Botticelli, è stata realizzata tra il 1477 e il 1482 per Lorenzo di Pierfrancesco de'Medici, cugino del Magnifico, destinato alla sua residenza di via Larga. Attualmente è conservata presso...
Mostre e Musei

I 5 capolavori da non perdere presenti agli Uffizi

In tutto il mondo, uno dei musei più famosi è la Galleria degli Uffizi a Firenze. Al suo interno è possibile ammirare un eccezionale patrimonio artistico, specialmente di capolavori rinascimentali. Molte delle pregiatissime opere in esso contenute...
Arti Visive

I più importanti artisti del Rinascimento

Il Rinascimento è un movimento artistico e culturale nato in Italia, con precisione a Firenze, nei primi anni del XV secolo che si protrarrà, poi, fino ai primi decenni del secolo successivo. Inoltre, questo è anche un periodo che, storicamente parlando,...
Arti Visive

Linearismo: storia, stile e maggiori esponenti

Il Linearismo è uno stile artistico, sviluppatosi in Italia agli inizi del 1400. Trae il nome dall'importanza attribuita alla linea rispetto al colore. Nelle arti pittoriche, si sottolinea la netta dominanza della forma. Questo va a scapito della profondità,...
Arti Visive

I 10 quadri più famosi della National Gallery di Londra

La National Gallery è un museo situato a Londra dal 1824. Oggigiorno esso è meta di numerosi turisti che si recano appositamente per visitare le famosissime opere che vi risiedono all'interno. In questa guida pertanto verranno presentati i dieci quadri...
Arti Visive

Breve guida alla pittura rinascimentale

Con la chiusura dell'oscuro periodo del Medioevo, si entra nell'età culturale del Rinascimento. Negli anni che vanno dal 400 al 1500 l'Europa vede una grande rinascita in ogni campo culturale, dalla letteratura alla musica all'arte in particolare. In...
Arti Visive

Come disegnare una capasanta

Molto spesso ci capita di osservare delle conchiglie e di ammirare la loro forma originale. Esse vivono nei fondali del mare, e si muovono continuamente. Ne esistono di svariate forme, dimensioni e colori. Per questa ragione presentano un'attrattiva anche...
Mostre e Musei

Come visitare la galleria degli Uffizi a Firenze

L'Italia intera è un Paese estremamente ricco di storia e cultura, capace di attirare l'attenzione dei turisti di tutto il mondo. Una delle città d'arte più frequentate in assoluto è senza dubbio la grande culla del Rinascimento: Firenze. L'imperdibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.