Guida: pitturare con gli acrilici

di Veronica De Stasio tramite: O2O difficoltà: media

Quando ci si cimenta nella pittura bisogna fare uso di colori liquidi come gli acquerelli. Ai tempi antichi si utilizzavano i colori ad olio per stendere i fantastici dipinti oggi pervenuti, ma ad oggi se si usano tipologie simili ci si getta spesso con i colori acrilici. Sono più economici e più facili da reperire in commercio e già sin da piccoli se ne fa uso. In questa guida spiegheremo infatti come pitturare con questi colori e anche alcune delucidazioni per la loro conservazione.

Assicurati di avere a portata di mano: Pennelli Tubetti o piccoli vasi con i colori Tela, carta, legno levigato

1 Aspetti positivi Un aspetto che sicuramente positivo di questi colori è che mantengono la loro pigmentazione anche per lunghi periodi di tempo (se conservati adeguatamente anche per anni). Sono tra le altre cose facilmente reperibili: se ne dovete fare un largo uso consiglio di acquistare i vasetti. L'ideale è acquistare i colori primari quindi il giallo, il rosso e il blu e insieme a questi aggiungere i colori neutri cioè il bianco e il nero. In caso contrario buttatevi nei tubetti, in quanto esistono direttamente con tanti tipi di colorazione.

2 Pennelli Per quanto riguarda i pennelli, questi non necessitano di un'attenzione particolare: si potranno utilizzare i classici pennelli per olio e tempera, nelle misure e dimensioni richieste dal nostro lavoro. Una volta stesi i colori sulla tavolozza (possibilmente in ceramica) si potranno amalgamare sopra i colori con i pennelli. I colori acrilici sono molto semplici da mischiare tra loro. Un altro passo fondamentale è il supporto su cui verranno stesi i colori. Normalmente possiamo utilizzarli sia su carta speciale che su tela, su cui avremo ovviamente i migliori risultati. Anche il legno è un materiale adatto, ma bisogna prima trattarlo e levigarlo con carta vetrata per renderlo liscio e adatto alla pittura. Tutti questi materiali possono essere recuperati in negozi specializzati e il loro costo non è particolarmente elevato. Ovviamente bisogna comprarne nella quantità giusta, a seconda della nostra tecnica di pittura: se utilizziamo un colore leggero, stendendo poca quantità di esso sulla tela, non avremo bisogno di molti tubetti o vasetti. Un effetto più pieno e corposo al contrario necessiterà di una grande quantità di colore.

Continua la lettura

3 I colori Acquistati tutti gli occorrenti si può procedere con il loro utilizzo: come prima cosa bisogna vedere i colori da utilizzare e se avete acquistato i colori primari non disperatevi: basterà cercare una tavola cromatica per avere tutte le risposte sulla combinazione dei colori.  Quindi prendete una tavolozza o anche un piatto di plastica e versate i colori che scegliete: ad esempio se volete fare il verde basterà mettere un po di blu e di giallo, la gradazione dipenderà dalla quantità di uno o dell'altro.  Approfondimento Come dipingere su tela con acrilici (clicca qui) Essendo dei colori di base liquidi spetta a voi la scelta della quantità di colore che volete mettere: se un tratto più corposo potete lasciare direttamente il colore mentre se lo volete più leggero e delicato bagnate leggermente il pennello nell'acqua e prendete il colore.  A questo punto potete iniziare a spennellare!. 

4 Fine Una volta utilizzati, come si diceva nell'introduzione, sarà necessario pulire i pennelli e richiudere attentamente i colori per evitare che si secchino con il tempo. La pulizia dei pennelli è fondamentale in quanto se si lasciassero seccare i colori acrilici su di essi, questi renderebbero inutilizzabili gli stessi per le volte successive. Visto la loro resistenza ai cambiamenti, questi tipi di colore non hanno bisogno di una cura particolare e una volta stesi sarà necessario solamente attendere l'asciugatura. I tubi e i piccoli vasi contenenti i colori, andranno poi conservati in luoghi freschi, lontani da fonti di calore e ovviamente chiusi, come si diceva prima.

Non dimenticare mai: Chiudere bene i colori dopo l'utilizzo Lavare bene i pennelli dopo la pittura

La pittura a tempera: strumenti e tecniche La pittura a tempera è una delle forme artistiche più antiche ... continua » Come dipingere con colori acrilici Colori acrilici: quante volte li abbiamo sentiti nominare o ne abbiamo ... continua » Come iniziare pitturare un quadro La pittura è la più importante forma d'arte, sollecita l ... continua » Come dipingere con gli acrilici I colori acrilici entrano a far parte delle tecniche pittoriche negli ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come usare l'olio da pittura

La pittura ad olio è il metodo più comune che viene utilizzato per la realizzazione di quadri professionali. Grazie a questo componente ci si può ... continua »

Come dipingere a olio

La pittura ad olio è una delle forme più antiche e nobili di pittura, la maggior parte degli artisti famosi che si conoscono e si ... continua »

Come dipingere ad olio

La quantità di pitture disponibili oggi per dipingere su ogni tipo di supporto è davvero notevole; vi sono gessetti, penne, matite e pastelli, pitture acriliche ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.