I maggiori esponenti del barocco

di Deborah Mazzagalli tramite: O2O difficoltà: media

Il termine "barocco", deriva dal francese baroque e fu inventato nel corso del Settecento per contrapporre l'enfasi e l'esagerazione del Seicento alla razionalità illuminista. Proprio per questo, il suo stile mirava a stupire e affascinare, con l'abbondanza degli ornamenti, il visitatore. Caratteristiche fondamentali di questo movimento sono la tendenza a teatralizzare le arti visive mediante l'ostentazione di uno sfarzo quasi eccessivo e il ricorso a materiali pregiati. In questa guida Illustreremo i maggiori esponenti che hanno contribuito all'affermazione del barocco in Europa.

1 Nell'ambito della pittura barocca il maggiore esponente è Michelangelo Merisi (1571-1610) detto il Caravaggio dal nome del paese vicino a Bergamo dove ebbe i natali e trascorse la sua infanzia. La sua vita è stata turbolenta e il suo carattere inquieto e burrascoso lo videro coinvolto in risse e colluttazioni. Per questo motivo la sua pittura fu poco presa in considerazione e spesso fu criticata e censurata. Ciò nonostante era molto religioso e in molte opere è trattato il tema del peccato e della pietà. È stato uno dei massimi pittori di tutti i tempi. Nell'opera di Caravaggio la luce gioca un ruolo determinante: esempi rilevanti sono la "Vocazione di San Matteo" (1599), la "Crocifissione di San Pietro" (1601) e la "Deposizione nel sepolcro" (1604), opere custodite a Roma.

2 Il barocco giunge alla sua piena attuazione grazie all'opera di Gian Lorenzo Bernini (1598-1680), figura che domina il XVII secolo con la sua straordinaria personalità. Egli vive a Roma lavorando per commissione di sette papi diversi e fu subito apprezzato per il suo talento innato di scultore e architetto raggiungendo ben presto i vertici della sua carriera. Le sue opere si ispirano alla mitologia classica ma si completano perché in esse c'è dinamismo e vivacità. Sua opera è il Colonnato di San Pietro: egli costruisce un colonnato a pianta ellittica, che simbolicamente costituisce l'abbraccio della chiesa a tutta la cristianità, e vi posiziona sopra statue colossali che rendono l'idea di maggiore altezza. Anche molte opere all'interno della Basilica si devono al Bernini: il "Baldacchino di San Pietro", opera maestosa e magistrale, la "Cattedra", studiata in relazione prospettica col baldacchino, e ancora il "Monumento funebre a Urbano VIII". Altri monumenti degni di nota sono la "Fontana dei Quattro Fiumi" in Piazza Navona, la "Scala Regia" in Vaticano e la "Fontana del Tritone". Molto bella la statua di "Apollo e Dafne": dapprima quest'opera fu definita profana, ma in realtà in essa c'è un profondo significato morale. L'opera vuole trasmettere all'osservatore la caducità della bellezza e dei piaceri della vita che con il passar del tempo si evolvono e muoiono. Altra opera di rilievo è il David che viene rappresentato nel momento di massima efficacia, e cioè nell'attimo in cui l'eroe lancia la pietra. In quest' opera c'è una forza emotiva e un dinamismo particolarmente efficace.

Continua la lettura

3 Altro esponente di rilievo dell'architettura barocca è Francesco Borromini (1599-1667).  Anche lui opera a Roma, ma il suo talento è offuscato dall'operato del Bernini; a Roma lavora al chiostro e alla facciata della chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane, l'interno della Basilica di San Giovanni in Laterano, e la di Sant'Agnese in Piazza Navona.  Approfondimento Come riconoscere lo stile Barocco (clicca qui) È da menzionare anche Pietro da Cortona, la cui arte culmina con l'affresco di Palazzo Barberini, il "Trionfo della divina Provvidenza", nel quale il pittore arriva a creare uno spettacolo teatrale di forte impatto scenico: il soffitto sembra squarciarsi per permettere l'apparizione stupefacente di un gran numero di figure volanti.  Altri importanti pittori del barocco europeo sono invece il tedesco Pieter Paul Rubens, l'olandese Rembrandt ("La ronda di notte", 1642) e lo spagnolo Velàzquez ("Las meniñas", 1656).

Breve storia dell'arte italiana L'arte italiana è caratterizzata da mutamenti, che passano attraverso i ... continua » Guida alle opere di Bernini Gian Lorenzo Bernini, uomo dotato di grande intelligenza e doti artistiche ... continua » Architettura: i principali esponenti del 700 Il Settecento fu un secolo caratterizzato da una grande alternanza di ... continua » Scultura: i principali esponenti del Rococò Tra i vari stili che hanno segnato il percorso storico/culturale ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Correggio: vita e opere

Correggio è il nome d'arte di un pittore italiano: Antonio Allegri, nato e morto proprio nella città di Correggio, in provincia di Reggio Emilia ... continua »

Tintoretto: opere e stile

Jacopo Robusti, veneziano di metà cinquecento, è stato uno dei grandi pittori del Rinascimento italiano: noto al mondo come "il Tintoretto", nome che deve al ... continua »

Guida all'arte del Bramante

Donato Bramante è una delle figure di primo piano dell'arte italiana del Rinascimento medio. Pittore e architetto dal grande talento, si formò ad Urbino ... continua »

Renoir: le migliori opere

La storia dell'arte è piena di artisti e pittori che hanno contribuito ad arricchire con la loro opera la cultura mondiale. Gli impressionisti con ... continua »

Giotto: le opere principali

Giotto di Bondone, forse diminutivo di Ambrogio o Angiolo, conosciuto semplicemente come Giotto (Vespignano, 1267 circa – Firenze, 8 gennaio 1337), è stato un pittore e ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.