I migliori film di Federico Fellini

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Federico Fellini nasce a Roma nel 1920, inizia la sua carriera come giornalista, fa il suo ingresso nel cinema come sceneggiatore e poi, finalmente, approda alla regia dopo una lunga gavetta. Il cinema felliniano segna il primo significativo allontanamento dal filone neorealista, i film di Fellini, infatti, sin dalle sue prime esperienze dietro la macchina da presa, si arricchiscono, rispetto al passato, di immaginazione e liricità. Egli, cioè, è abile a combinare i temi realistici alla creatività e alla fantasia. Ad ogni modo la sua opera fa compiere al cinema autoriale italiano un significativo salto di qualità. Non mancarono comunque critiche al regista, soprattutto dai neo-marxisti, che lo accusarono in primo luogo di aver abbandonato i nobili principi del cinema neorealista e in secondo luogo, di essere troppo auto-celebrativo. La risposta di Fellini alle critiche fu la realizzazione di opere di straordinario valore artistico. Di seguito tre tra i migliori film dell'autore. Fonte: http://acicastelloonline. Wordpress. Com/2012/01/21/federico-fellini-e-la-dolce-vita/.

24

La Strada

La "Strada" (1954), che gli valse il primo Oscar come miglior film straniero, è la favola triste della giovane Gelsomina (Giulietta Masina), che venduta dalla madre al saltimbanco Zampanò (Anthony Quinn), è costretta a vivere con quest'ultimo un'esistenza randagia e infelice fino al definitivo sacrificio finale. I 3 personaggi principali dell'opera Gelsomina, Zampanò e il Matto (Richard Basehart), sono stati considerati più che rappresentazioni umane, archetipi ancestrali. Siamo dunque di fronte ad un'opera per certi versi mitologica e che aspira a descrivere l'infinita solitudine dell'uomo e la sua conseguente necessità di legarsi agli altri.

34

La dolce vita

"La dolce vita" esce in Italia nel 1960 e vince il premio come miglior film a Cannes. Questa pellicola coniuga sostanzialmente due diverse volontà di Fellini, da una parte la solita esigenza di raccontare la realtà da un punto di vista squisitamente soggettivo e, dall'altra, il nascente desiderio di realizzare un'analisi della società contemporanea, in virtù dei rivoluzionari cambiamenti socio-economici che in quel periodo l'Italia stava vivendo. "La dolce vita" ha anche dei nuovi protagonisti, non più relitti umani alla Zampanò, ma individui appartenenti alla classe borghese emergente.

Continua la lettura
44

Otto e mezzo

Anche "Otto e mezzo" vince nel 1964 l'Oscar come miglior film straniero (il terzo dopo "La strada" e "Le notti di Cabiria"). Il film è accolto con immenso entusiasmo dalla critica, a cui sembra di rivedere in Fellini artisti del calibro di Joyce, Kafka e Pirandello. È un film apertamente autobiografico (come pure lo sarà "Amarcord"), che sancisce la consacrazione definitiva di Federico Fellini come mostro sacro della cinematografia internazionale. Rispetto a "La dolce vita" è un film più intimista in cui il protagonista Guido Anselmi (Marcello Mastroianni), alter-ego di Fellini, deve fare i conti coi propri conflitti interiori irrisolti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Il cinema di Vittorio De Sica

Vittorio Domenico Stanislao Gaetano Sorano De Sica, più conosciuto semplicemente come Vittorio De Sica, è stato uno degli esponenti più importanti del cinema neorealista italiano. Indimenticabile per le sue qualità attoriali, De Sica è stato il regista...
Letteratura

Il Neorealismo: letteratura e cinema

Il Neorealismo è stato un movimento letterario e cinematografico che si è diffuso In Italia, precisamente agli inizi degli anni Quaranta, subito dopo la Guerra Mondiale. Questo movimento si è diffuso per poco tempo, ma ha presentato una grandissima...
Musica

Come scrivere una canzone napoletana

Quando si fa un discorso sulla canzone napoletana, il più delle volte ci si sofferma su un mero repertorio musicale di tipo folcloristico. La musica napoletana è invece un vero e proprio genere a sé. Le sue origini si possono ricondurre al XIII secolo,...
Mostre e Musei

Guida al Museo di Capodimonte

Il Museo (o Galleria Nazionale) di Capodimonte è situato nella città di Napoli (sulla collina in cui c'è la Reggia di Capodimonte, in mezzo al bosco) ed ospita la collezione d'arte dei Farnese (una delle famiglie maggiormente famose nell'epoca rinascimentale),...
Mostre e Musei

Le cattedrali della Puglia

Nei secoli del medioevo la geografia artistica della Puglia coincide con la rete delle cattedrali, centri di spiritualità e baluardo di realtà urbane vive e operose. Cattedrali ma anche grandi chiese monastiche o basiliche santuario, realtà nelle quali...
Arti Visive

La città ideale del Rinascimento

Il Rinascimento si sviluppa prima in Italia e poi in Europa tra il 1500 ed il 1600, ed è caratterizzato dall'evolversi dell'arte, della letteratura e delle scienze. In questo periodo cambiò la società che passò dal sistema feudale del Medioevo basato...
Arti Visive

La scultura nell'arte gotica

Il periodo in cui si diffuse l'arte gotica fu un momento di profonda trasformazione, nel quale si rafforzarono le monarchie nazionali in Europa; stiamo parlando del XII secolo, ma successivamente nel XIII secolo il gotico si propagò anche in Italia....
Letteratura

Vita e opere di Voltaire

Francois Marie Arouet (1694-1778), vero nome del filosofo noto come Voltaire, fu la figura che meglio incarnò gli ideali dell'illuminismo. Egli è l'emblema dell'intellettuale moderno che non si vanta della sua vuota erudizione, ma che utilizza le sue...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.