I miti dell'Antica Roma

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In antichità la superstizione superava di gran lunga la scienza e gli uomini erano soliti inventare miti e divinità per spiegare tutto ciò che non riuscivano a spiegare con la ragione. In particolare i miti dell'antica Roma erano diversi e sin da bambini attraggono la nostra curiosità. Tra i più celebri c'è il mito di Romolo e Remo quali fondatori della città eterna, ma ce ne sono anche tantissimi altri. In questa guida ve ne mostreremo alcuni. Oggi infatti parleremo dei miti dell'Antica Roma.

26

Romolo e Remo

Romolo è il mitico fondatore di Roma secondo l'antica leggenda, che su di lui aveva intessuto un racconto avventuroso. In una forma primitiva di tale leggenda, Romolo, insieme al fratello Remo, appariva come figlio di una schiava e di un fantasma fallico, mentre più tardi la storia venne adeguata alla grandezza di Roma, e i due gemelli diventarono figli di un dio e di una principessa. Remo era il fratello di Romolo e secondo la tradizione sarebbe stato ucciso da quest'ultimo per avere, con atto sacrilego, saltato il solco delimitante l'area della futura città di Roma.
Infine Romolo fondò la città di Roma.

36

Il ratto delle sabine

Dopo la fondazione di Roma, Romolo si dedicò a popolarla. Organizzò a tal fine un evento a cui furono invitati i Sabini. Questi vi si recarono con le loro donne che nel mezzo della festa furono rapite dai romani. I sabini imbracciarono così le armi, marciando contro Roma. Ma la guerra durò poco quando le donne dei sabini, supplicarono i loro uomini a smettere di lottare in quanto loro stesse si erano affezionate ai romani. I sabini accettarono tale armistizio e si unirono alla popolazione romana divenendo un unico popolo.

Continua la lettura
46

Le oche del Campidoglio

Un'altra leggenda molto famosa è quella delle oche del Campidoglio. La storia si svolge sul colle Campidoglio, dove si trovava il tempio della dea Giunone e lì vi erano che le sue oche sacre. In quel periodo i Galli assediavano la città di Roma, mettendola a ferro e fuoco. I soldati romani, ridotti agli stenti, si erano rifugiati sul Campidoglio ed erano davvero tentati di uccidere le oche per sfamarsi. Fortunatamente decisero di risparmiare le oche i quanto sacre alla dea Giunone. Di notte, mentre i soldati dormivano, le oche iniziarono a starnazzare. Uno dei soldati quindi, svegliato dal rumore, si reca vicino alle mura della rocca e vede che i Galli stavano risalendo il colle. Riesce così a sconfiggere qualche Gallo prima che lo starnazzare delle oche svegliassero anche tutti gli altri soldati, che accorsi in aiuto del primo, sconfissero l'esercito Gallo.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

La leggenda di Robin Hood

Chi non conosce questo incredibile personaggio reso celebre anche da molte opere cinematografiche, non ultima quella di Walt Disney? Meno conosciuta forse è invece la sua leggenda tradizionale inglese e soprattutto le sue basi di realtà. Sì perché...
Letteratura

I miti greci più famosi

"Mythos" è il termine greco che significa "mito". In origine era semplicemente "parola, discorso". In seguito fu il racconto dell'esistenza di esseri onnipotenti e immortali, di forme affini a quelle umane che si chiamarono Dei o Numi. Questi furono...
Danza

I miti della danza: Carla Fracci

Nella Penisola Italiana, esistono numerosi talenti negli svariati ambiti culturali e tra i miti della danza classica è molto famosa la ballerina Carla Fracci (20 Agosto 1936): chiunque la conosce per la propria fama internazionale, compresi quelli che...
Letteratura

Come nasce il mito delle sirene

Se pensiamo alle sirene, ci viene subito in mente l'immagine di splendide creature per metà umane e per metà pesci, capaci di ammaliare con il loro fascino. Possiamo trovare storie sul loro conto in qualsiasi ambito della narrativa, dalle favole per...
Letteratura

La mitologia greca nella cultura occidentale

Fra i popoli antichi, il più civilizzato e il più avanzato, in senso artistico e culturale, fu sicuramente quello greco. Dopo la conquista romana, l'arte, la filosofia e la mitologia greca vennero esportate e, grazie alle conquiste dell'impero romano,...
Arti Visive

Guida delle penne da disegno

La gamma di penne da disegno a disposizione di un artista, è ampia e variegata. Si va dalle penne più tradizionali, fatte con le piume d’oca, a quelle realizzate tagliando in maniera adeguata rametti di bambù o giunco, arrivando infine alle penne...
Arti Visive

Vita e opere di Michelangelo Buonarroti

Michelangelo Buonarroti, nacque a Caprese nel 1475 e morì a Roma nel 1564. Era un architetto, uno scultore, un pittore ed un poeta. Da Caprese tornò a Firenze con la famiglia e, a tredici anni, entrò come apprendista al Ghirlandaio. Tra le sue opere...
Letteratura

I 10 migliori libri gialli

Il giallo è un genere di narrativa popolare di successo nato verso la metà del XIX secolo e sviluppatosi nel Novecento. Dalla letteratura il giallo si è esteso agli altri mass media, prima alla radio e al cinema, poi ai fumetti e alla televisione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.