Il grifone in mitologia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

La storia della letteratura è ricca di miti e leggende, che si sono sviluppate praticamente all'interno di ogni popolazione e di ogni civiltà del mondo. Nel Medioevo, si compilavano i cosiddetti "Bestiari", ovvero libri in cui si elencavano tutti gli animali esistenti. La curiosità, però, è che in questi "Bestiari" non si parlava solo di forme animali reali, ma anche di animali mitologici e inventati, come ad esempio il grifone. Questa curiosa bestia, metà leone e metà aquila, appare spesso negli scritti e nei racconti di tante diverse culture. Ecco come si presenta il grifone in mitologia.

24

Grifone nei Paesi del Mediterraneo

Il grifone viene rappresentato con il corpo di un leone e la testa di un'aquila; a volte ha le quattro zampe di leone, altre volte le zampe anteriori sono gli artigli dell'aquila; le orecchie sono lunghe e a punta, la sua coda è un serpente. Presso i sumeri e i popoli mesopotamici, appaiono le prime raffigurazioni di un animale simile al grifone, considerate il suo archetipo. In antichità era considerato una vera e propria divinità, personificazione delle forze della natura. Il grifone compare spesso nell'iconografia dei Paesi del Mediterraneo e in quelli del Medio Oriente. Numerose leggende raccontano che il grifone sia il guardiano di immense ricchezze che difende con tutte le sue forze.

34

Con il cristianesimo

Con l'avvento del cristianesimo, il grifone venne riletto come simbolo della figura di Gesù Cristo stesso. Il leone rappresenta la parte umana, il potere regale di cui il Cristo era investito; l'aquila la sua divinità, e la capacità di risorgere dalla morte. Nel Medioevo si credeva che possedere gli artigli del grifone portasse fortuna, e soprattutto ricchezze e denaro; inoltre, se li si utilizzava come contenitori per bere, erano in grado di segnalare la presenza di veleno nella bevanda in essa contenuta, facendole cambiare il suo colore. Numerosi manoscritti medievali parlano del grifone, soprattutto quelli che raccontano delle imprese di Alessandro Magno: si narra che il grande condottiero venne più volte aiutato dal grifone a dimostrare la sua potenza e la sua intelligenza.

Continua la lettura
44

Grigone usato in araldica

Anche uno dei più grandi scrittori della letteratura italiana ha fatto riferimento alla figura mitologica del grifone. Dante Alighieri, nel Canto XXIX del Purgatorio, assiste ad una sorta di "processione" in cui sfilano quattro animali, in mezzo ai quali si trova un carro a due ruote trainato da un grifone, che simboleggia Cristo nella sua duplice natura umana e divina. Ma si possono trovare riferimenti sul grifone anche nel libro sacro ai musulmani, il Corano. L'immagine del grifone è usata oggi anche in araldica: se compare nello stemma di una famiglia indica custodia e vigilanza, perfezione e potenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Gli dei della mitologia greca

Le mitologie predominanti tramandate nel corso dei secoli sono quelle dei Greci e dei Romani. La mitologia di ogni cultura comprende dei e dee che hanno interagito con gli esseri umani, con le buone, cattive e indifferenti motivazioni. La cultura greca...
Arti Visive

Come disegnare un'aquila

L'aquila è un uccello dalle fattezze reali, che domina i cieli con il suo volo elegante e genera il terrore tra le sue prede. È un potente e forte rapace che appartiene alla famiglia degli Accipitridae. Le sue fattezze fisiche lo rendono facilmente...
Letteratura

Come nasce il mito delle sirene

Se pensiamo alle sirene, ci viene subito in mente l'immagine di splendide creature per metà umane e per metà pesci, capaci di ammaliare con il loro fascino. Possiamo trovare storie sul loro conto in qualsiasi ambito della narrativa, dalle favole per...
Arti Visive

Canova: le principali opere

L'epoca del Neoclassicismo in ambito artistico vede tra i suoi maggiori esponenti il marchese Antonio Canova. Originario di Venezia, città che gli diede i natali nel 1757, Canova viene ricordato per la bellezza delle proprie sculture. Le linee sinuose...
Letteratura

Le divinità dell'Olimpo

I Greci erano politeisti e pregavano le molte divinità per ottenere le loro grazie.La mitologia greca è affascinante e ancora oggi ai licei si studia la storia e le origini delle gesta degli dei dando origine così a miti e leggende, creando eroi, culti...
Arti Visive

La scultura nell'arte etrusca

La civiltà Etrusca si affermò nella regione compresa tra il fiume Arno e il fiume Tevere, tra il IX e l'VIII secolo a. C. E poi, alla fine del VII secolo a. C. Gli Etruschi si estesero a Sud, nel Lazio, nella Campania e poi anche nel Nord nella Pianura...
Arti Visive

Le opere più importanti di Caravaggio

Per tutta la sua vita Caravaggio viene conosciuto come un ribelle. La sua vita personale viene costantemente segnata da drammi e turbolenze. Queste sono qualità che si riflettono nei suoi dipinti del chiaroscuro. I suoi pezzi realistici, a volte considerati...
Arti Visive

I più importanti artisti del Rinascimento

Il Rinascimento è un movimento artistico e culturale nato in Italia, con precisione a Firenze, nei primi anni del XV secolo che si protrarrà, poi, fino ai primi decenni del secolo successivo. Inoltre, questo è anche un periodo che, storicamente parlando,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.