Il periodo predinastico e i sumeri

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Quando si parla di civiltà mesopotamica si fa riferimento alle popolazioni, di natura nomade, che si sono stabilite nella zona compresa tra il Mediterraneo e il Golfo Persico, in particolare nella pianura alluvionale posizionata tra il Tigri e l'Eufrate. Fu verso il 3500 a. C. Che iniziarono a svilupparsi le prime civiltà, con i Sumeri e, più tardi, con gli Accadi, gli Assiri e i Babilonesi. Studiare questa regione è sicuramente affascinante, poiché la sua storia si è caratterizzata per l'alternarsi di numerose stirpi, con l'inevitabile precaria unità di tipo politico. Nella presente guida verranno fatti dei cenni in merito al periodo predinastico e ai sumeri.

24

Non è stata ancora chiarita l'origine dei sumeri; secondo alcuni studi si trattava di una popolazione proveniente dall'altipiano dell'Iran, mentre altri indicano il territorio dell'Indo come terra d'origine. Probabilmente, comunque, il loro fu il più antico impero ad essere apparso nella storia. Tra i maggiori monumenti architettonici sono da segnalare quelli di natura religiosa, come il tempio di Eridu e quello di Uruk. Gli stessi tempi, comunque, erano di fondamentale importanza non solo per quanto riguarda le forme di culto, ma anche per l'attività economica. Per quanto riguarda quest'ultima, i sumeri svilupparono diversi scambi con le altre popolazioni, passando rapidamente dal baratto al commercio vero e proprio, effettuato attraverso l'uso della moneta.

34

Solamente verso il 2100 a. C. Apparvero i primi palazzi reali (era il periodo della III dinastia di Ur) e iniziò ad essere realizzata la ziqqurat, un monumento la cui forma ricordava quella di un monte e che era formato da diverse terrazze sovrapposte; sulla cima era situata una cella templare. Sono numerose anche le testimonianze lasciate nell'arte figurativa, sia sui vasi, che su tazze e sigilli. Nello stesso periodo iniziarono ad apparire anche le prime statue realizzate in gesso e nel marmo mentre, nell'ambito delle pietre preziose (nel quale i sumeri mostrarono una grande abilità) si diffuse rapidamente l'intarsio.

Continua la lettura
44

La cultura sumera nacque nel periodo compreso tra la fine del IV millennio a. C. E l'inizio del III millennio; il centro era rappresentato da Tell al-Ubaid, che si trovava nella bassa Mesopotamia. Una particolarità dei sumeri era costituita dagli edifici realizzati con mattoni crudi, che aumentarono notevolmente nel periodo predinastico. A caratterizzare i sumeri era anche la loro predisposizione per l'agricoltura; il termine "sumeri", infatti, ha il significato di "terra coltivata". Viste le numerose inondazioni provocate sia dal Tigri che dall'Eufrate, i sumeri si videro costretti a cercare una soluzione; per tale motivo impararono a costruire, in breve tempo, una rete costituita da dighe e da canali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Il grifone in mitologia

La storia della letteratura è ricca di miti e leggende, che si sono sviluppate praticamente all'interno di ogni popolazione e di ogni civiltà del mondo. Nel Medioevo, si compilavano i cosiddetti "Bestiari", ovvero libri in cui si elencavano tutti gli...
Mostre e Musei

I 10 migliori musei di Torino

Torino ex capitale d’Italia è una città ricca di storia, cultura ed arte che merita di essere scoperta. Chi intende trascorre qualche giorno nel capoluogo piemontese oltre ad ammirare la Mole Antonelliana, i palazzi di epoca barocco e le tante attrazioni...
Arti Visive

Caratteristiche dell'arte mesopotamica

Le enormi civiltà dell’Egitto e della Mesopotamia (terra dei fiumi) si svilupparono 5.000 anni fa: esse avevano in comune la presenza di grossi fiumi, che servivano come mezzo di comunicazione e grazie alle proprie piene rendevano molto fertili le...
Mostre e Musei

Le mostre archeologiche più belle d'Italia

Le mostre archeologiche prevedono degli itinerari che portano indietro nel tempo per rivivere la storia di quei luoghi che hanno testimoniato la nascita della cultura tradizionale. Visitare gli itinerari archeologici non è solo sintomo di desiderio di...
Musica

Breve storia della musica leggera

Il termine musica leggera si riferisce a tutta quella produzione musicale di consumo, realizzata per poter essere divulgata e diffusa tra le grandi masse popolari. In particolare, con i suoi generi e sottogeneri, la musica leggera italiana viene considerata...
Arti Visive

L'arte celtica

Ogni qualvolta si parla di arte, è abbastanza semplice ricordare quelle più conosciute e più famose. Però sono esistiti diversi popoli che hanno diffuso, se anche per poco tempo, una nuova arte. Mi riferisco in questo caso all'arte Celtica che si...
Letteratura

La Belle Epoque

Il periodo che parte dalla fine del 1800 ed arriva allo scoppio del primo conflitto mondiale, cioè dal 1870 al 1914, viene definito "Belle Epoque" cioè epoca bella. L'Europa visse cosi un periodo di progresso, benessere e pace. Si stava diffondo fra...
Letteratura

Emilio Salgari: le opere più importanti

Emilio Salgari è uno dei più famosi autori italiani di romanzi d'avventura. Nato a Verona nel 1863 da una famiglia di commercianti, studiò nautica a Venezia. Presto decise di abbandonare gli studi per dedicarsi anima e corpo al percorso da giornalista....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.