Johann Strauss padre: vita e opere

di Sara Vlad tramite: O2O difficoltà: media

Johann Batipste Strauss nacque a Vienna il 14 marzo del 1804. È ricordato oggi come uno dei più noti compositori e direttori d'orchestra austriaci. È ritenuto anche il "padre del Valzer" assieme all'amico Joseph Lanner, giacché promosse la diffusione del ballo viennese in tutta Europa. Con i due compositori, il ballo popolare venne trasformato in una musica per l'aristocrazia. Johann Strauss ebbe cinque figli, dei quali tre divennero compositori. Ecco spiegato perché, per differenziarlo dal figlio omonimo, la parola "padre" viene posta alla fine del suo nome. Vediamo ora come riassumere le principali tappe della vita ed elencare le opere di questo grande maestro viennese.

1 Johann Batipste Strauss nacque nel 1804. I suoi quattro fratelli morirono subito, sopravvissero soltanto lui e la sorella maggiore Ernestine. Johann visse nella locanda gestita dai suoi genitori, all'interno della quale ebbe ben presto la possibilità di entrare in contatto con la musica. Ascoltava, infatti, le occasionali esibizioni dei viandanti e dei marinai che vi soggiornavano. Il padre si suicidò per i debiti eccessivi, e prese le cure dei suoi figli un tale di nome Golder.

2 Quando Johann ricevette da lui in regalo il suo primo violino, vi si dedicò con passione. Da quel momento in poi, i suoi conoscenti e familiari scoprirono il suo più grande dono: la musica. I genitori però non apprezzarono molto questa inclinazione, poiché volevano assicurargli un destino più sicuro. Lo fecero lavorare, dunque, come rilegatore, ma ben presto Strauss si stancò e fuggì. Lo ritrovò un suonatore di nome Polischansky, che lo riportò a casa, e si fece dare il permesso dai suoi genitori di introdurlo alla musica.

Continua la lettura

3 A 15 anni Johann entrò a far parte di una delle più celebri orchestre di Vienna, quella di Michael Pamer, dove conobbe Joseph Lanner.  Con lui instaurò una grande amicizia, tanto che Johann diventò membro del suo gruppo di musicisti, suonando la viola.  Approfondimento Come imparare a ballare il valzer (clicca qui) Il quintetto si ingrandì fino a diventare orchestra, ma la relazione durò fino al 1825.  Durante uno dei loro concerti, Lanner mosse una critica a Strauss, il quale originò una discussione che provocò la rottura del loro legame.

4 Nel 1825 Johann sposò Maria Anna Streim, che gli diede cinque figli: Johann, Josef, Anna, Teresa, Eduard e Ferdinand, che ben presto morì. I tre maschi (Johann, Josef, Eduard) divennero a loro volta compositori. Tra di essi spicca il maggiore, Johann Strauss, che diventò il più grande compositore della famiglia Strauss.

5 Nel 1833 Johann Strauss padre effettuò la sua prima tournée che lo portò ad esibirsi a Budapest, Dresda, Lipsia e Berlino. A Praga conobbe la Polka, danza molto vivace che lo influenzò nella creazione delle sue opere. Nel 1837, viaggiando in Francia, ebbe l'occasione di conoscere le danze popolari a quadriglia. Grazie a loro trasse l'ispirazione per comporre le opere che lo rendono celebre ancora oggi e che influenzarono il resto della sua famiglia.

6 Il 28 giugno 1837, in occasione dell'incoronazione della regina d'Inghilterra, Vittoria, il compositore venne ricevuto dall'aristocrazia inglese e suonò nel corso dei festeggiamenti reali. Nel 1848, i moti popolari che si diffondevano in Europa giunsero a Vienna, e contribuirono ad aumentare il rapporto divergente tra Strauss padre, monarchico, e il suo primogenito omonimo, simpatizzante della rivoluzione.

7 Fu proprio in questo periodo (1848) che Johann Strauss padre compose l'opera più conosciuta ed apprezzata della sua produzione, La Marcia di Radetzky, altresì nota con il nome di "Radetzky-Marsch op. 228". La suonò il 31 agosto 1848 in onore del Feldmaresciallo austriaco Radetzky, il quale, durante le Cinque giornate di Milano, contrastò la resistenza del re Carlo Alberto. Il compositore morì di scarlattina a Vienna, il 25 settembre 1849, all'età di 49 anni. Oggi è più celebre il figlio Johann, tuttavia Johann Strauss padre è ricordato per aver composto 152 Valzer, 32 Quadriglie e una trentina di Marce e Polke.

Johann Sebastian Bach: vita e opere Johann Sebastian Bach è universalmente considerato uno dei più grandi geni ... continua » Mozart: vita e opere Wolfgang Amadeus Mozart fu un compositore austriaco conosciuto oggi in tutto ... continua » La musica nel romanticismo Nel Romanticismo la musica si sviluppò inizialmente dal 1770 con la ... continua » Franz Schubert: vita e opere Franz Schubert è uno dei compositori più apprezzati della musica classica ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Vivaldi e le Quattro Stagioni

La musica classica ha conosciuto il suo periodo di massimo splendore nel periodo che va dall'undicesimo secolo fino ai primi decenni del novecento. Nata ... continua »

Puccini: vita e opere

Giacomo Puccini nasce a Torre del Lago, in provincia di Lucca, nel 1858. Tutta la sua famiglia era dedita alla musica tant'è che la ... continua »

Il Faust di Goethe

La letteratura ci ha regalato figure importantissime legate ad opere stupende ed indimenticabili che sono entrate nel cuore e nell'anima delle persone durante gli ... continua »

Correggio: vita e opere

Correggio è il nome d'arte di un pittore italiano: Antonio Allegri, nato e morto proprio nella città di Correggio, in provincia di Reggio Emilia ... continua »

Giuseppe Verdi: vita e opere

Nella guida odierna vi racconterò di uno dei più grandi compositori italiani di tutti i tempi, ossia Giuseppe Verdi. Vi accompagnerò nella storia della sua ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.