L'arte di Raffaello in breve

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'arte di Raffaello . Raffaello Sanzio è un pittore ed architetto italiano, di talento del Rinascimento. Spesso il suo nome viene pronunciato insieme a quelli di Leonardo e Michelangelo. Essi infatti hanno segnato la storia della cultura e dell'arte italiana, tant'è che le opere di Raffaello ad oggi sono conosciute e sparse in tutto il mondo. Successivamente sarà esposta in breve la vita e l'arte di Raffaello.

25

Lo sposalizio della vergine prima opera di Raffaello

Raffaello nacque a Urbino nel 1483. Inizialmente si formò nella scuola del Perugino ma un contributo notevole derivò anche dall’ambiente artistico della sua città natale. Entrò a contatto anche col Pinturicchio a Siena. La prima opera datata e firmata da Raffaello è Lo sposalizio della Vergine, del 1504, ispirato da un’idea del Perugino. Tra il 1504 ed il 1508 Raffaello si spostò a Firenze e proprio nel periodo fiorentino gli vennero commissionate da privati diverse opere, come la Madonna col Bambino (1504) e la Madonna del cardellino (1507). Sempre a Firenze Raffaello aveva rivelato anche doti di ritrattista, cercando di rendere le caratteristiche esteriori e interiori del personaggio che rappresenta. La prima delle Stanze Vaticane ad essere affrescata fu la famosa Stanza della Segnatura, dipinta secondi temi dottrinali. I soggetti rappresentati sono Disputa del Sacramento, Scuola di Atene, Parnaso, Virtù e la Legge.

35

La bottega creata da Raffaello concepita come un'impresa

Nel 1511 si passa alla seconda stanza, a tema religioso e politico: la Stanza di Eliodoro. In questo caso i soggetti affrescati sono la Cacciata di Eliodoro dal Tempio, il Miracolo di Bolsena, la Liberazione di San Pietro dal carcere, Papa Leone Magno ferma Attila. È evidente in questa stanza un nuovo senso cromatico, più caldo, unito al massimo sviluppo della luce, in una contrapposizione di chiari e scuri. Alla morte di Giulio II nel 1513, il successore Leone X, pensò di confermare a Raffaello gli incarichi ricevuti precedentemente. Non potendo però seguire tutti questi lavori, il pittore ricorse spesso all’aiuto di collaboratori. Per questo Raffaello creò una grande bottega, concepita come un’impresa in grado di assumere incarichi importanti. Tra il 1514 ed il 1517 Raffaello affrescò la terza delle Stanze Vaticane, la Stanza dell’Incendio di Borgo, che comprendeva quattro affreschi: Incendio di Borgo (1514), Battaglia di Ostia (1514-1515), Incoronazione di Carlo Magno (1516-1517), Giuramento di Leone III (1517).

Continua la lettura
45

Dieci arazzi che Raffaello disegnò per la Cappella Sistina

Contemporaneamente il pittore fu incaricato di disegnare dieci arazzi per la Cappella Sistina, la cui tessitura fu poi realizzata a Bruxelles. Intanto Raffaello progettò anche opere architettoniche, tra cui la Cappella Chigi in Santa Maria del Popolo, Villa Madama e la basilica di San Pietro a Roma. Raffaello decorò anche le Logge Vaticane, comprese nel complesso del Palazzo Vaticano.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

L'arte nei Musei Vaticani

I Musei Vaticani racchiudono un patrimonio artistico secolare, raccogliendo tutte le opere d'arte accumulate nel tempo dai diversi Papi che si sono succeduti e rappresentano una tappa importante per chi vuole visitare la città. Si trovano in Viale Vaticano...
Arti Visive

Correggio: vita e opere

Correggio è il nome d'arte di un pittore italiano: Antonio Allegri, nato e morto proprio nella città di Correggio, in provincia di Reggio Emilia. È considerato uno dei maggiori esponenti della pittura del Cinquecento. Il suo stile è nato da uno studio...
Mostre e Musei

I 5 capolavori da non perdere presenti agli Uffizi

In tutto il mondo, uno dei musei più famosi è la Galleria degli Uffizi a Firenze. Al suo interno è possibile ammirare un eccezionale patrimonio artistico, specialmente di capolavori rinascimentali. Molte delle pregiatissime opere in esso contenute...
Mostre e Musei

I migliori musei presenti in Italia

L'Italia è uno dei Paesi europei che vanta un patrimonio artistico e culturale davvero superlativo, grazie ai resti dei monumenti storici che hanno lasciato le popolazioni che l'hanno conquistata. Pertanto, rappresenta una meta turistica eccellente per...
Mostre e Musei

I musei più importanti di Firenze

Per raccontare i musei più importanti di Firenze servirebbero dei tomi. Intere enciclopedie di migliaia di pagine. La culla del Rinascimento e indiscutibilmente una delle città più importanti al mondo per chi ama l'arte, Firenze offre gallerie e musei...
Arti Visive

Breve storia dell'arte moderna

L'arte moderna rappresenta un insieme di idee in evoluzione tra un certo numero di pittori, scultori, scrittori ed artisti che, sia individualmente che collettivamente, hanno cercato dei nuovi approcci nel creare arte. Anche se l'arte moderna è iniziata,...
Mostre e Musei

Come visitare la Galleria Palatina a Firenze

Chi è amante dell'arte e capita nel capoluogo della Toscana, non può perdersi importanti luoghi da ammirare. Uno dei siti più interessanti ed importanti da visitare a Firenze è sicuramente la Galleria Palatina. La Galleria in questione è ubicata...
Mostre e Musei

Come visitare Galleria Borghese a Roma

Tappa obbligata per chi decide di visitare Roma è sicuramente la Galleria Borghese. Il Museo, ospitato nelle sale della Villa Borgese Pinciana fin dal 1902, conserva alcuni tra i maggiori capolavori dell’arte italiana a cavallo tra il Seicento e il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.