La leggenda di Guglielmo Tell

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Guglielmo Tell, nonostante sia stato eletto eroe nazionale svizzero, è un personaggio avvolto nella leggenda e nel mistero. Si pensa sia vissuto fra il XIII e il XIV secolo, e che sia stato un uomo molto intelligente e, soprattutto un abile balestriere. La sua vicenda è legata alla nascita della prima Confederazione Svizzera del 1° agosto 1291. Nella seguente guida vi parleremo della leggenda di Guglielmo Tell.

24

Nascita e processo

Narra la leggenda che Guglielmo Tell e la sua famiglia vivessero in montagna, a Burglen, situata nel Canton Uri. Qui la famiglia viveva soprattutto di caccia e Guglielmo si distingueva dagli altri cacciatori per la sua incredibile abilità nella caccia con la balestra. Si racconta che nel 1307, Gessler, il locale amministratore dei beni della famiglia degli Asburgo, decise di far erigere il "Cappello imperiale" nelle principali piazze della Svizzera. Davanti a questo simbolo, tutti i passanti dovevano inchinarsi, altrimenti avrebbero ricevuto come pena la confisca di tutti i beni e il rischio di condanna a morte per lesa maestà.
Guglielmo Tell, attraversando la piazza principale di Altdorf, ignaro del cappello e del suo significato, tirò dritto senza inchinarsi. Fu quindi citato e costretto a comparire davanti ad un tribunale in pubblica piazza, presieduto da Gessler stesso.

34

Condanna a morte e prova liberatoria

Tell fu condannato a morte ma Gessler gli propose una possibilità per ottenere la libertà: dare prova della sua grande abilità con la balestra centrando, con un solo tiro, una mela a 200 passi di distanza. Guglielmo accettò la proposta, reputandola di facile riuscita. A questo punto Gessler scoprì il suo piano: fece legare il figlio di Guglielmo, il piccolo Gualtierino, ad una quercia, e pose sopra la sua testa la mela che il nostro eroe avrebbe dovuto colpire. Tell ovviamente riuscì nell'impresa ma, nascosta nella giacca, gli fu rinvenuta una seconda freccia, che era destinata ad uccidere Gessler se la prova fosse fallita. Quest'episodio scatenò l'ira dell'ammistratore, che fece incarcerare Tell, su un'isoletta nel bel mezzo del lago di Zugo.

Continua la lettura
44

Vendetta e ultimi anni

Nel corso della traversata, scoppiò una violenta tempesta sul lago: i carcerieri di Tell decisero di liberarlo ritenendo il suo aiuto necessario per condurre la barca in salvo. Una volta raggiunta la riva, Guglielmo Tell riuscì a saltare giù dall'imbarcazione per sfuggire alle guardie. Per tre giorni si nascose tra i boschi che circondavano il lago, e qui, il terzo giorno, uccise Gessler. Secondo la leggenda, Tell morì nel 1354, nel tentativo di salvare un bambino caduto nelle acque di un fiume in piena.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

5 esercizi per un tenore

Il tenore in ambito musicale è la più alta delle voci maschili all'interno di un orchestra. Nei primi due secoli della storia del melodramma italiano non ebbe il ruolo di protagonista, a vantaggio soprattutto delle voci femminili. La prima opera che...
Mostre e Musei

Guida al Duomo di Monreale

Narra la leggenda che la Madonna sia apparsa in sogno a un re, svelandogli dove si trovava il tesoro nascosto da suo padre e chiedendogli in cambio una chiesa a lei dedicata. Un così meraviglioso gioiello architettonico come è il Duomo di Monreale,...
Letteratura

Il periodo predinastico e i sumeri

Quando si parla di civiltà mesopotamica si fa riferimento alle popolazioni, di natura nomade, che si sono stabilite nella zona compresa tra il Mediterraneo e il Golfo Persico, in particolare nella pianura alluvionale posizionata tra il Tigri e l'Eufrate....
Letteratura

Come scrivere in modo creativo

Scrivere è uno dei modi per poter dare vita ai propri pensieri, alle proprie fantasie, lasciandone in qualche modo traccia scritta. I bravi scrittori non si limitano a porre le parole una dietro l'altra all'interno di un foglio creando semplici storie,...
Arti Visive

I 10 monumenti più belli al mondo

Quando si sceglie di visitare una città, che sia per motivi di studio o semplicemente per trascorrervi le vacanze, la prima cosa su cui ci si informa è l'itinerario da percorrere per visitarne i principali monumenti. Ogni città racchiude in sé testimonianze...
Musica

Johann Sebastian Bach: vita e opere

La musica classica è gremita di personaggi che hanno creato delle opere musicali davvero belle, sopravvissute fino ai giorni nostri. Studiare e capire le opere di questi artisti può solo giovare alla nostra cultura, apprezzando ogni giorno di più questo...
Letteratura

I migliori libri di letteratura contemporanea

È difficile stabilire con precisione una data d'inizio della letteratura contemporanea. Molti critici, ad esempio, sostengono che questa corrente si sia sviluppata a partire dall'anno 1944, con la pubblicazione dell'opera "Ficciones" da parte di Jorge...
Letteratura

Re Artù: tra mito e leggenda

Il mito di Re Artù resta sempre splendente col passare dei decenni. Possiamo capire fino in fondo questo grande personaggio tramite le infinite rappresentazioni della sua leggenda. Ci sono film, cartoni animati, libri e persino fumetti dedicati all'argomento....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.