La musica dodecafonica

di Alessandro Bocci tramite: O2O difficoltà: media

La seguente guida relativa al campo musicale ha l'obiettivo di spiegare cos'è e quando nacque la musica dodecafonica, in modo del tutto chiaro ed esaustivo. Verrà dunque illustrato il musicista considerato il padre fondatore di questo genere di musica speciale ed ogni sua caratteristica principale, senza tralasciare gli elementi importanti dell'argomento. Innanzitutto è necessario sapere che la musica dodecafonica viene spesso identificata con il sinonimo di musica cacofonica. Augurandovi una buona lettura, spero che apprezziate le delucidazioni esposte nei passaggi successivi!!!

Assicurati di avere a portata di mano: Interesse per la musica

1 La nascita, l'obiettivo ed i compositori famosi della Scuola di Vienna La musica dodecafonica venne ideata da Arnold Schönberg ed è un metodo compositivo esposto inizialmente nell'articolo "Komposition mit tonen" (1932). Arnold Schönberg produsse una nuova tecnica compositiva fondata sulle dodici note musicali della scala musicale temperata, e non su quelle della scala musicale tradizionale. I più famosi compositori dodecafonici creatosi durante la cosiddetta Scuola di Vienna furono anche Aleksandr Skrjabin, Anton Webern ed Alban Berg. Questo genere di composizione nacque con l'obiettivo di cambiare le funzioni della musica tonale. In questo modo un compositore può realizzare brani musicali complessi basati sul principio dell'atonalità.

2 Le regole di Schönberg Arnold: la serie La musica dodecafonica liberò l'espressione musicale dall'obbligo di seguire le regole precise dell'armonia tonale. Un esempio di opera atonale è "Tristano e Isotta" di Richard Wagner, il quale giocò un ruolo fondamentale nella dissoluzione della tonalità classica. Dopo il grande boom di interesse iniziale, la musica dodecafonica iniziò a venir percepita come qualcosa con troppa libertà e molto soggettivismo. Per risolvere tutto ciò, Arnold Schönberg creò un insieme di regole per fornire una struttura compositiva solida a questo genere di composizioni musicali. L'elemento importante della musica dodecafonica è la serie, una sequenza di dodici note musicali della scala cromatica.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 L'inversione, la retrogradazione e la serie cancrizzante La serie delle dodici note musicali viene divisa in micro-serie da tre, quattro o sei note musicali.  Nessuno dei dodici suoni della serie viene adoperato più degli altri.  Approfondimento Come comporre un brano dodecafonico (clicca qui) Si possono avere tre fenomeni: l'inversione, la retrogradazione o la serie cancrizzante.  La sequenza originale "Do-Fa-Mi" si può invertire diventando "Do-Sol-La".  La sequenza originale "Mi-Fa-Sol" diventa al contrario "Sol-Fa-Mi".  La sequenza originale "Do-Fa-Mi" si trasforma nella sequenza cancrizzante "Mi-Re-Sol".  Questo modo di creare la musica ed i suoi principi compositivi furono la base per la ricerca e la sperimentazione musicale del XX secolo, diventando così l'inizio di una nuova tecnica per far musica.

Non dimenticare mai: Approfondire l'argomento, essendo molto interessante da conoscere a fondo. Alcuni link che potrebbero esserti utili: La musica dodecafonica | Online Scuola Zanichelli La musica dodecafonica | Musipedia La Dodecafonia | UCIIM Torino Dodecafonia: definizione e regole | Andrea Cavina

Come suonare la scala pentatonica Qualunque musicista, sia che sia alle prime armi o sia un ... continua » Come Individuare le Note che Compongono Una Scala Maggiore Chi è appassionato di musica e intende fare in modo che ... continua » Breve storia della musica classica La musica classica ha radici molto antiche ed è un genere ... continua » Come leggere le note musicali In questo articolo vi spiegherò come leggere le note musicali. Le ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.