La musica Jazz in Italia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando si parla di Jazz italiano, si farà sicuramente riferimento, sia al genere eseguito da artisti italiani, sia ad una sinergia tra musica Jazz e l'Italia. Lo stile Jazz, che ricordiamo essere nato in America, è sbarcato nel continente europeo nel lontano 1919, per poi diffondersi in Italia, non più tardi del 1930, grazie, invece, a vere e proprie orchestre Jazz, guidate da Arturo Agazzi. La diffusione del Jazz in Italia, fu arricchita, anche grazie alla visita di Louis Armstrong, che come ben saprete, è il più famoso jazzista statunitense. Questa guida, ci spiegherà alcune curiosità, derivanti, la musica Jazz nel palcoscenico italiano.

26

I vari tipi di Jazz

Facendo qualche passo indietro di qualche anno, ci accorgeremo che tutti gli stili dello jazz americano, dal be-bop al Free Jazz, finendo sino al Fusion, ebbero quasi sempre i loro equivalenti in Italia. Dagli anni '40 agli anni '60, l'Italia, diede alla luce alcuni tra i più grandi esponenti di questo genere, quali Gorni Kramer, Giorgio Gaslini, Lelio Luttazzi, Franco Cerri e il compositore, Bruno Martino. Successivamente, molti altri artisti italiani, crearono brani jazz, fondendo insieme canzoni europee, tecniche di composizione classica, jazz americano e musica folkloristica.

36

Il Jazz al nord Italia

Del Jazz italiano, propagatosi dal 1912 al 1950, abbiamo poche notizie in merito ed è praticamente sconosciuto, ciononostante, durante quegli anni, un notevole numero di registrazioni vennero fatte dagli italiani e dai musicisti stranieri. La maggior parte delle case discografiche affiliate al genere, non a caso, si trovavano proprio a Milano e a Torino, due città prese particolarmente di mira dalla guerra.

Continua la lettura
46

Gli artisti italiani

Dal passato sino ai nostri tempi, ritroviamo tra i migliori artisti Jazz contemporanei Franco Cerri, Enrico Rava, Antonello Salis, Massimo Urbani, Paolo Fresu, Stefano Bollani, Antonio Farao, Dado Moroni, Aldo Romano, Stefano di Battista, Pino Presti, Enrico Intra, Tullio De Piscopo, Enrico Pieranunzi e Gianluigi Trovesi. Il Jazz in Italia, non è mai tramontato, infatti, il suo successo è sempre stato stabile e continuo, e molto praticato. Infatti, ogni anno, si possono godere eventi su tutto il territorio nazionale, quello più famoso, ricordiamo l'Umbria Jazz Festival.

56

Conclusioni

Per quanto riguarda, infine, le future generazioni di jazzisti, Gianluca Petrella, è considerato a livello internazionale, uno fra i migliori giovani trombonisti jazz in circolazione. Ricordiamo, inoltre, che l'Italia ha molti promettenti musicisti jazz, che presto daranno il loro grande contributo al genere, quali Rosario Giuliani, Claudio Quartarone, Claudio Ottaviano e molti altri. Per quanto riguarda i talenti italiani oltreconfine, ricordiamo Michel Petrucciani, André Ceccarelli e Alfio Origlio, che sono notevoli musicisti jazz francesi di origine italiana.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

I maggiori esponenti del jazz

Il jazz è una tipologia di musica nata nei primi anni del '900. Essa ha origine nelle comunità afroamericane del sud degli Stati Uniti, già grandi amanti del blues. Oltre alla sua importanza fondamentale per sconfinate tipologie di generi successivi,...
Musica

Thelonius Monk: Il jazz degli anni 40'

La musica che siamo soliti ascoltare oggi è molto differente rispetto a quella di decenni fa. Tuttavia parecchi maestri di allora, hanno lasciato le loro "impronte" ed ancora oggi molti testi ricordano sotto certi aspetti quelle caratteristiche. Tra...
Musica

Breve storia della musica jazz

Il Jazz è un particolare genere musicale nato negli Stati Uniti, nello stato della Louisiana, nel corso del XIX secolo, la cui caratteristica peculiare è l’improvvisazione. Il jazz si differenzia in particolare per la grande libertà di espressione...
Musica

Come si diventa musicisti di jazz

La passione per la musica occorre possederla nel sangue: infatti, non è possibile diventare un musicista in tempi brevi, così come non si può divenire uno scrittore oppure un'artista pittorico in pochi giorni. Tale passione dev'essere coltivata fin...
Musica

Come imparare ad improvvisare nel jazz

Il Jazz è un genere musicale americano proveniente dal ragtime e dal blues. Le sue caratteristiche includono i ritmi sincopati, la polifonia e l'improvvisazione ovvero l'arte di creare e organizzare una linea melodica in modo estemporaneo ovvero senza...
Musica

Come improvvisare un pezzo jazz al piano

La musica jazz è nata all'inizio del Novecento in America; con la deportazione e la schiavitù del popolo africano. In quegli anni, la patria indiscussa del jazz era New Orleans, in Louisiana. All'inizio i pezzi si eseguivano con la batteria e gli strumenti...
Musica

Guida alla musica jazz in America

La musica jazz è nata negli Stati Uniti d'America agli inizi del novecento, frutto della commistione tra diversi generi quali il ragtime, il blues e lo swing unito all'improvvisazione. Sull'origine invece della parola "jazz" vi sono più teorie più...
Danza

Breve storia della danza jazz

Se siamo degli amanti della danza, per riuscire ad apprezzarla e comprenderla correttamente, dovremo necessariamente conoscere la sua storia. Su internet potremo trovare tantissime guide ed articoli che trattano i vari periodi storici anche nel campo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.