La scultura nell'arte etrusca

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La civiltà Etrusca si affermò nella regione compresa tra il fiume Arno e il fiume Tevere, tra il IX e l'VIII secolo a. C. E poi, alla fine del VII secolo a. C. Gli Etruschi si estesero a Sud, nel Lazio, nella Campania e poi anche nel Nord nella Pianura Padana. L' arte Etrusca trovò congeniale la scultura, più delle altre arti, sia per il crudo realismo, che per l' immediatezza di esecuzione e per la forte espressività.

24

La produzione della ceramica

Gli Etruschi primeggiarono nella produzione della ceramica, con la quale venivano realizzati sarcofagi, statue per la decorazione di templi e suppellettili. Nella città di Veio si vantava un' importante scuola di tecnica di lavorazione della terracotta detta "Coroplastica"; fu importante lo scultore Vulca, l' unico etrusco di cui si sia tramandato il nome. Di quest' artista ricordiamo la statua di "Apollo" in terracotta, dal tempio di Portonaccio a Veio, del 500 a. C.

34

Le sculture in bronzo

In particolare gli Etruschi erano anche molto abili nella realizzazione di sculture in bronzo. Le opere databili tra la fine del V secolo a. C. E i primi decenni del IV secolo a. C. Ci mostrano una tecnica raffinatissima. Tra le sculture più conosciute ricordiamo l' Arringatore del Trasimeno (nell' immagine principale) e La Chimera di Arezzo (nella foto qui accanto). Quest'ultima evidenzia l'influsso della stilizzazione greca ionica, ma ciò che più colpisce è l'accentuazione espressiva. Secondo la mitologia, la chimera era un terribile mostro che sputava fuoco; aveva corpo di capra, testa di leone e coda di serpente. L'opera è stata oggetto di due restauri.

Continua la lettura
44

L'argilla

I primi esempi di scultura risalgono all' età arcaica (sec. VII-VI a. C.) e sono stati rinvenuti nel territorio di Chiusi: i "canòpi", urne in terracotta o in bronzo che contenevano le ceneri del defunto, e il coperchio ne raffigurava il ritratto stilizzato. Poi si diffuse nel VI secolo a. C. L' uso di riprodurre nelle coperture dei sarcofagi i defunti così com'erano in vita, spesso in atteggiamento conviviale. La mancanza del nudo testimonia la scarsa tendenza a idealizzare le immagini. I ritratti etruschi sono realistici. Questo popolo preferisce l'argilla modellata dalle mani. Nella foto Sarcofago detto degli sposi, in terracotta, circa 520 a. C. Abbiamo un esempio dell' arte etrusca, e qui i due sposi sono raffigurati con tratti essenziali, ma fedeli alle loro fattezze. Per quanto riguarda la somiglianza dei due volti, c'è una tendenza alla tipizzazione. Il loro sguardo enigmatico ed impenetrabile e il loro sorriso avvolgono le figure in un alone di mistero.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Le mostre archeologiche più belle d'Italia

Le mostre archeologiche prevedono degli itinerari che portano indietro nel tempo per rivivere la storia di quei luoghi che hanno testimoniato la nascita della cultura tradizionale. Visitare gli itinerari archeologici non è solo sintomo di desiderio di...
Arti Visive

La pittura dell'arte etrusca

In qualsiasi epoca, l'Italia ha conosciuto diversi stili di arte con relativi artisti che fanno parte della storia del paese. Per arte etrusca, si intende lo stile artistico che si è sviluppato nei territori che vanno da nord di Roma fino ad arrivare...
Arti Visive

breve storia dell'arte romana

Dal 753 A. C. al 476 D. C. C'è stata la civiltà romana, essa ha avuto dell'espressioni artistiche grazie a ciò che sottraeva ai territori conquistati, come ad esempio le statue. Guardando questo fattore da un altro punto di vista però essi erano simboli...
Arti Visive

Come fare una scultura con il Das

Il Das è una pasta sintetica molto simile alla creta che si impiega spesso nelle scuole per creare vari tipi di lavoretti. Essendo piuttosto versatile, questo materiale si presta anche ad un utilizzo professionale, regalando ottimi risultati.A differenza...
Arti Visive

La scultura Italiana : tecniche e materiali

Questa guida, in pochi e semplici passi, espone alcune tecniche particolari e tradizionali che vengono adoperate e sono state usate nel tempo per quanto riguarda la scultura italiana. Si tratteranno i materiali utilizzati un tempo e quelli utilizzati...
Arti Visive

Guida all'arte egizia

L'arte egizia ha origini antichissime, difatti le testimonianze pervenute risalgono al 2850 a. C., età definita dagli studiosi come "Periodo del Regno Antico". A differenza di altre civiltà anche contemporanee, gli egizi usavano l'arte per scopi celebrativi...
Arti Visive

Come fare una scultura di ghiaccio

A volte, il ghiaccio può costituire un ottimo alleato per fare un gran figurone nelle feste o nelle cene con amici e parenti. Potreste infatti utilizzarlo per dare vita a un'atmosfera più sofisticata, ad esempio, attraverso sculture di ghiaccio da far...
Arti Visive

Scultura: i principali esponenti del Rococò

Tra i vari stili che hanno segnato il percorso storico/culturale dell'umanità, bisogna dare una certa importanza al rococò. Le sue radici sono evidenziate nella prima metà del Settecento: mentre la corrente dell Barocco sta per giungere alla fine,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.