La Trilogia Popolare di Giuseppe Verdi

di Rita Malizia tramite: O2O difficoltà: media

Giuseppe Verdi, compositore italiano di opera romantica nacque a Le Roncole, vicino a Parma, il 10 ottobre, 1813, era figlio di un oste. I suoi primi studi musicali formali furono con il mannaro organista nella vicina città Ferdinando Provesi di Busseto, dove frequentò la scuola. Verdi visse a Busseto nella casa del mercante Antonio Barezzi, che lo sostenne finanziariamente. Giuseppe Verdi nel 1832 fece domanda per l'ammissione al Conservatorio di Milano, ma venne rifiutato perché era sopra il limite di età. Proseguì gli studi privati con Vincenzo Lavigna a Milano, fino al 1835. Dopo 3 anni scrisse prima opera "Oberto". Morì a Milano quasi novantenne, nel 1901. Fra le sue molte e note opere, spicca in maniera particolare "la trilogia popolare".

1 Il Rigoletto Il Rigoletto venne rappresentato per la prima volta l'11 marzo del 1851 a Venezia, al Teatro la Fenice. Liberamente tratta da un dramma di Victor Hugo intitolato "il re si diverte" su libretto di Francesco Maria Piave, narra di uno storpio buffone di corte che organizza scherzi crudeli verso chiunque gli capiti a tiro. L'unica nota gentile della sua vita è la figlia Gilda, ormai orfana di madre, e luce dei suoi occhi. Il Duca di Mantova rapisce e violenta la ragazza. Per vendicarsi, il buffone assolda Sparafucile perché uccida il nobile. Ma la ragazza, che ne è comunque innamorata, si sostituisce a lui e perde la vita al suo posto.

2 Il Trovatore Meno di due anni più tardi, il 19 gennaio del 1853, all'Apollo di Roma, va in scena il Trovatore. Lo spunto è preso da El Trovador di Antonio Garcia Gutierréz, librettista è Salvadore Cammarone, che muore a pochi giorni dalla prima, e Verdi è costretto a chiedere alcune modifiche a Leone Emanuele Bardare, un collaboratore del defunto. Il dramma in quattro atti è ambientato in Spagna e racconta l'amore provato da Manrico e dal Conte di Luna per la stessa donna, Leonora. Tinte forti per questo lavoro che ha da subito avuto un grandissimo successo di pubblico.

Continua la lettura

3 La Traviata La trilogia si chiude il 6 marzo dello stesso 1853, presso il teatro veneziano che ha visto il suo inizio con la messa in scena de "La Traviata".  Francesco Maria Piave adatta il romanzo "La signora delle Camelie" di Dumas figlio.  Approfondimento Giuseppe Verdi: vita e opere (clicca qui) Fu un fiasco, a causa dell'argomento scabroso per l'epoca e degli interpreti non all'altezza delle parti loro assegnate.  L'anno seguente venne riproposta e riscosse il meritato successo.  Le arie "Amami Alfredo" e il coro che brinda "libiamo nei lieti calici" richiamano alla mente di chi li ascolta fin dalle prime battute il titolo di questa grande opera.

Verdi e il melodramma Uno dei compositori più celebri dell'ottocento è sicuramente Giuseppe Verdi ... continua » L'opera lirica di Verdi L'opera lirica di Giuseppe Verdi: Uno dei più noti compositori ... continua » Guida a Il Trovatore di Giuseppe Verdi La musica classica è da sempre la forma d'arte più ... continua » Guida a Il Trovatore di Giuseppe Verdi La musica classica è da sempre la forma d'arte più ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Guida all'architettura razionale

Siamo ben pronti e lieti, d'affrontare, in questo articolo, un argomento alquanto interessante ed anche molto amato dai nostri lettori. Stiamo parlando dell'architettura ... continua »

I musei gratis di Milano

Da qualche anno, in Italia, coloro che non possono permettersi di spendere soldi per apprezzare i monumenti artistici, possono visitare gratis i musei di varie ... continua »

Verdi: Aida

In questa guida vi parlerò dell'Aida di Giuseppe Verdi trattando soprattutto i vari atti dell'opera che è una delle più importanti di Verdi ... continua »

Breve storia dell'arte italiana

L'arte italiana è caratterizzata da mutamenti, che passano attraverso i vari secoli. Chiaramente, ogni epoca presenta un proprio stile, e le varie testimonianze sono ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.