Le forme dei componimenti letterari: la prosa

di Domenica Magno tramite: O2O difficoltà: media

L'evoluzione della scrittura e del modo di scrivere testi, poesie e versi, ha subito nel corso degli anni dei cambiamenti. L'attuale prosa moderna infatti fa un utilizzo accentuato del capoverso per duplice funzionalità: concettuale e ritmica. Questa metodologia viene applicata in maniera più spiccata, sia nel romanzo che nel racconto, in special modo nel racconto d'azione, testo in cui è necessario imprimere al componimenti un'andatura incalzante e coinvolgente. Vediamo insieme le forme dei componimenti letterari presenti scritti in prosa.

Assicurati di avere a portata di mano: Testi scritti

1 La funzione della prosa La funzione della prosa nei componimenti coinvolge testi storici, di tipo epistolare, ossia scritti che vengono interpretati dagli attori, od oratorio infine, anche per quel che riguarda il settore scolastico istruttivo, interessa testi di ordine scientifico didattico, saggistica e critica. Come si può evincere, i campi d'applicazione sono molteplici con caratteristiche simili ma talvolta differenziate per stile, dal contenuto stesso del libro. Tra i capolavori in prosa di vecchia data ricordiamo "I Promessi Sposi" di Alessandro Manzoni, ed in tempi più moderni, "In Nome della Rosa" di Umberto Eco.

2 Prosa filosofica e scientifica È solo nel XIII secolo che vengono classificati alcuni tipi di prosa filosofica e scientifica, facendovi prevalere forme rigorose di schemi di tipo logico-dimostrativi ben precisi. Nel Rinascimento vengono proposti vari generi di prosa spaziando in molti più ambiti, ma successivamente, durante l'epoca Barocca vi è un'inversione di tendenza. Nel 700, invece, la prosa divine uno strumento di diffusione che coinvolge la divulgazione filosofica e polemico narrativa legata alla politica del tempo. Si arriverà nel 800 per giungere alla diversificazione di base citata sopra tra poesia e prosa, due generi letterari completamente diversi in cui le metriche si differenziano sia nella ritmica che nell'evoluzione del contenuto.

Continua la lettura

3 Livelli diversi di stile Anticamente, in epoca romana e nella cultura latina, la prosa era relegata solo ed esclusivamente alla forma oratoria.  Nel medioevo, Marco Tullio Cicerone distingue tre livelli diversi di stile, definendoli come basso, medio ed levato, inoltre, stabilisce delle regole che ne dettano la musicalità e la disposizione dei componenti della frase.  Approfondimento Come scrivere un poema in prosa (clicca qui) La clausola del periodo che consiste nel periodo finale del componimento, ed il ritmo, vengono disposti secondo delle metriche che risultano in analogia con quelle della poesia dell'epoca.

Non dimenticare mai: Leggere diversi generi per comprendere la struttura della prosa, lineare Alcuni link che potrebbero esserti utili: Differenze tra prosa e poesia

Giovanni Pascoli: Myricae e poetica Giovanni Pascoli, il cui vero nome è Giovanni Agostino Placido Pascoli ... continua » Appunti di letteratura spagnola In questi appunti troverete alcune nozioni sulla letteratura spagnola, ripercorreremo una ... continua » Guida ai premi letterari più importanti Quando si parla di premi letterari, si vuole intendere quei riconoscimenti ... continua » Guida alle tecniche narrative La narrativa è un insieme di testi che raccontano degli avvenimenti ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Manzoni: vita e opere

Alessandro Manzoni, poeta, scrittore e drammaturgo di fama mondiale, nacque a Milano il 7 marzo del 1785 e si spense nella città meneghina il 22 ... continua »

I poeti maledetti

Il Romanticismo, che si può intendere sia come periodo storico che come corrente artistico-letteraria, nasce nel diciannovesimo secolo e coinvolge diverse zone dell'Europa. In ... continua »

I maggiori poeti ermetici italiani

L'ermetismo si riferisce ad Ermete Trismegisto, presunto autore di dottrine mistiche composte nella tradizione neoplatonica. L'ermetismo influì molto nel Rinascimento, dopo la traduzione ... continua »

Shakespeare: Otello

L'Otello è una delle tragedie più conosciute di William Shakespeare. Scritta nel 1603 circa, l'opera si ritiene ispirata ad una novella di Giambattista ... continua »

Shakespeare: Otello

L'Otello è una delle tragedie più conosciute di William Shakespeare. Scritta nel 1603 circa, l'opera si ritiene ispirata ad una novella di Giambattista ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.