Le più famose fiabe classiche

di Elisabetta Gamen tramite: O2O difficoltà: media

Leggere fiabe ai bambini, prima di andare a dormire o in qualunque altra occasione, aiuta a instaurare un rapporto di intimità tra l’adulto e il bambino, tra genitori e figli. Ma non solo questo. Infatti, le fiabe hanno un gran potere educativo. I genitori possono usarle per comunicare loro qualcosa di difficile da raccontare. A sua volta il bambino può confidare al genitore difficoltà e paure. Inoltre, teniamo sempre in mente, che un bambino sceglie una fiaba in base al suo bisogno di conoscere e capire. In generale non c’è un età prestabilita per iniziare a raccontare le fiabe. Di solito nel primo anno di vita ci si limita a ninne nanne; successivamente si passa a filastrocche e solo verso i tre-quattro anni del bambino si inizia con le fiabe classiche. Esse hanno orgine popolare e sono state tramandate oralmente da una generazione all’altra per secoli prima di essere trascritte. Inoltre, in passato, non erano considerate storielle per bambini, ma erano un divertimento anche per gli adulti in quanto raccontavano aspetti della realtà dell’epoca. Fra gli scrittori delle più famose fiabe classiche ricordiamo Giambattista Basile, il primo ad utilizzare questo genere, Charles Perrault, i fratelli Grimm, Hans Christian Andersen, Carlo Collodi e James Barrie.

1 Basile, scrittore napoletano del Seicento, propose nella sua opera “Il Pentamerone” le fiabe di Cenerentola e la bella addormentata nel bosco. Qualche anno più tardi il francese Perrault pubblicò “I racconti di Mamma Oca”, una raccolta di undici fiabe tra le quali Cappuccetto rosso, la bella addormentata, il gatto con gli stivali, Pollicino e Cenerentola.

2 Tuttavia le versioni più note di queste fiabe sono quelle dei fratelli Grimm, alla quale si ispirò Walt Disney per la realizzazione dei suoi film d’animazione. Nelle loro opere, “Fiabe” e “Saghe germaniche”, raccolgono ed elaborano fiabe della tradizione tedesca ed europea. Oltre a quelle precedentemente citate, dobbiamo a loro Biancaneve, Hansel e Gretel, il principe ranocchio, Raperonzolo e tante altre ancora.

Continua la lettura

3 A differenza dei fratelli Grimm, lo scrittore danese Andersen non si limitò semplicemente a raccogliere racconti popolari.  Egli creò i suoi racconti, prendendo spunto da avvenimenti della sua vita.  Approfondimento I migliori film d'animazione Disney (clicca qui) Tra le sue fiabe più note ricordiamo la sirenetta, il brutto anatroccolo, la principessa sul pisello e la piccola fiammiferaia.  Dello stesso periodo è l’italiano Carlo Lorenzini, in arte Collodi, che pubblicò “Le avventure di Pinocchio” nel 1883.  Allo scrittore inglese Barrie dobbiamo invece l’invenzione del personaggio di Peter Pan.

Le più belle fiabe popolari italiane Siamo cresciuti tutti a suon di fiabe: creature magiche, castelli incantati ... continua » Appunti di letteratura tedesca In questi appunti troverete la lunga storia della letteratura tedesca che ... continua » I migliori libri di letteratura per l'infanzia La lettura è un'attività che ricopre un ruolo fondamentale nella ... continua » 10 libri assolutamente da leggere Scegliere 10 libri assolutamente da leggere non è un'impresa facile ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

La letteratura fantasy

Le origini della letteratura fantasy si possono collocare intorno alla seconda metà del 1800. Gli autori che si sono cimentati in questo genere sono diversi ... continua »

Come drammatizzare una fiaba

I bambini amano imitare e rappresentare i personaggi delle fiabe. La fiaba non ha solo un ruolo di intrattenimento, ma ha anche valore formativo. La ... continua »

I 10 migliori libri gialli

Il giallo è un genere di narrativa popolare di successo nato verso la metà del XIX secolo e sviluppatosi nel Novecento. Dalla letteratura il giallo ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.