Le più famose fiabe classiche

di Korra Zuko tramite: O2O difficoltà: media

Leggere fiabe ai bambini, prima di andare a dormire o in qualunque altra occasione, aiuta a instaurare un rapporto di intimità tra l’adulto e il bambino, tra genitori e figli. Ma non solo questo. Infatti, le fiabe hanno un gran potere educativo. I genitori possono usarle per comunicare loro qualcosa di difficile da raccontare. A sua volta il bambino può confidare al genitore difficoltà e paure. Sappiate inoltre che un bambino sceglie una fiaba in base al suo bisogno di conoscere e capire. In generale non c’è un età prestabilita per iniziare a raccontare le fiabe. Di solito nel primo anno di vita ci si limita a ninne nanne; successivamente si passa a filastrocche e solo verso i tre-quattro anni del bambino si inizia con le fiabe classiche. Esse hanno orgine popolare e sono state tramandate oralmente da una generazione all’altra per secoli prima di essere trascritte. Inoltre, in passato, non erano considerate storielle per bambini, ma erano un divertimento anche per gli adulti in quanto raccontavano aspetti della realtà dell’epoca. Fra gli scrittori delle più famose fiabe classiche ci sono autori come Giambattista Basile, il primo ad utilizzare questo genere, Charles Perrault, i fratelli Grimm, Hans Christian Andersen, Carlo Collodi e James Barrie.

Assicurati di avere a portata di mano: Un po' di fantasia e voglia di sognare

1 Cenerentola La fiaba di Cenerentola narra la vita di una bambina costretta a subire le angherie della matrigna e delle sorellastre che obbligano la poverina a fare tutti i lavori di casa, umiliandola e maltrattandola. Una notte però la povera Cenerentola riceve la visita di una fatina buona che dopo avere magicamente trasformato una zucca in una bellissima carrozza regala alla sfortunata ragazza la possibilità di partecipare al gran ballo di corte, dove ballerà tutta la sera con il principe. La magia però termina a mezzanotte e Cenerentola scappando dal castello perde una delle sue scarpine di cristallo. Come in tutte le favole il finale è felice, con Cenerentola ed il principe uniti per sempre che partono a cavallo verso il loro futuro.

2 Biancaneve Biancaneve è una bellissima ragazzina con la pelle di seta ed i capelli neri come l'ebano. La poverina è odiata da una cattiva strega, invidiosa della sua bellezza. Un giorno la strega ordina ad un cacciatore di portare Biancaneve nel bosco ed ucciderla, ma l'uomo non trova il coraggio di fare un gesto simile e la lascia libera, raccomandandole di nascondersi nel bosco e non tornare più a casa. Biancaneve vaga tutta la notte nel bosco, spaventata ed infreddolita, quando ad un tratto vede in lontananza una graziosa casetta. Arrivata sull'uscio, decide di entrare e scopre che la casetta appartiene a sette dolcissimi nanetti molto felici di accoglierla con loro. Biancaneve passa le giornate serenamente fino a quando una vecchina bussa alla casa dei nani offrendole una mela rossa. In realtà la vecchina è la strega cattiva, travestita per trarre in inganno Biancaneve con una mela avvelenata. La povera Biancaneve morde la mela e cade in terra. La vecchia sparisce nel bosco con una risata diabolica e quando i nanetti tornano dal lavoro in miniera trovano Biancaneve a terra, priva di sensi. Fortunatamente un principe di passaggio, che aveva già conosciuto la bellissima Biancaneve in passato, la risveglia con un bacio d'amore.

Continua la lettura

3 Pinocchio Pinocchio è un burattino di legno costruito da Geppetto, un povero ciabattino.  Un giorno una dolce fatina con i capelli turchini compie una magia e trasforma Pinocchio in un bambino vero.  Approfondimento I migliori film d'animazione Disney (clicca qui) Geppetto, prima stupito e poi felice, vuole mandare Pinocchio a scuola per ricevere un'adeguata istruzione, ma il monello scappa.  Dopo varie vicissitudini ed avere scampato molti pericoli, Pinocchio si riunisce con il povero Geppetto disperato per la sua scomparsa, e da quel momento i due vivono felici, proprio come padre e figlio.

I migliori film d'animazione Disney I film d'animazione realizzati dalla casa di produzione più famosa ... continua » 10 libri che tutti i bambini dovrebbero avere in casa Avvicinare i bambini alla lettura e ai libri è un modo ... continua » 10 libri classici della letteratura per l'infanzia Tra i classici della letteratura, sia italiana che straniera. Figurano indubbiamente ... continua » Come scrivere una storia per bambini Non c'è modo migliore per far appassionare i bambini alla ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come disegnare una strega

Disegnare è la forma d'arte più antica che esista, da secoli ha rappresentato un linguaggio comune per esprimere idee e la fantasia che ognuno ... continua »

Come disegnare Cenerentola

Saper disegnare è un'abilità che non tutti sviluppiamo nello stesso modo. Se vogliamo fare contenti i più piccoli, cimentiamoci nella realizzazione a matita dei ... continua »

Come drammatizzare una fiaba

Per i bambini le fiabe rappresentano un mondo onirico in cui rifugiarsi e liberare la propria fantasia tra fate, draghi e grandi guerrieri. Ognuno di ... continua »

La letteratura fantasy

Le origini della letteratura fantasy si possono collocare intorno alla seconda metà del 1800. Gli autori che si sono cimentati in questo genere sono diversi ... continua »

Come disegnare gli elfi

Il disegno è un'arte spontanea che nasce sin dalle epoche primitive in cui gli uomini, rappresentavano scene di vita quotidiana e di caccia, tramite ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.