Le regole base della dizione

di Valentina Idonea tramite: O2O difficoltà: difficile

La dizione, detta anche ortoepia (ossia pronuncia corretta), si occupa di studiare la giusta articolazione dei suoni, siano essi parole o altri componenti del linguaggio orale. Sebbene la disciplina sia alquanto vasta, è possibile individuare al suo interno quattro aspetti fondamentali: il riconoscimento di vocali aperte e chiuse (con relativa pronuncia) e l'uso corretto dei suoni "s" e "z", la respirazione, l'inspirazione e l'espirazione. Di seguito analizzeremo nel dettaglio le suddette regole base della dizione.

Assicurati di avere a portata di mano: Concentrazione Dizionario

1 La corretta pronuncia delle vocali si basa sull'adozione di un sistema vocalico a sette elementi; la "e" e la "o" infatti possono, retaggio della dominazione latina, suonare ariose ed aperte, o strette e chiuse. Per conoscere quindi l'esatta pronuncia delle due lettere, bisognerà individuare l'accento tonico della parola; quando questo cade su "a" ed "i" la pronuncia sarà generalmente chiusa, diversamente, con buona probabilità (entrano infatti in gioco in questi casi dei complessi sistemi di discernimento) suonerà aperta. Anche "s" e "z" sono lettere per così dire problematiche; un buon corso di dizione darà modo di individuare le parole in cui le due consonanti hanno pronuncia sorda o sonora.

2 Per imparare a respirare correttamente è utile apprendere le regole che governano sia l'espirazione che l'inspirazione. Quest'ultima sarà ben eseguita qualora si respiri lentamente veicolando l'aria in ingresso nel corpo tramite il naso (mai per mezzo della bocca). Il suono, grazie a questo piccolo accorgimento, risulterà meglio articolato. Inoltre durante la fase dell'inspirazione si consiglia di spingere verso l'esterno, ovviamente senza eccedere, diaframma, addome e stomaco; ciò agevolerà l'ingresso dell'aria all'interno dei polmoni. L'inspirazione si conclude in genere con una piccola pausa.

Continua la lettura

3 L'espirazione invece avviene tramite bocca.  Scopo di questa fase, per altro molto più veloce rispetto all'inspirazione, è quello di buttare fuori l'aria precedentemente introdotta nel corpo ed accompagnare l'articolazione del suono.  Approfondimento Esercizi per imparare a cantare (clicca qui) Durante l'espirazione il diaframma verrà spostato verso la parte interna del corpo agevolando il flusso d'aria in uscita attraverso i polmoni.  Anche all'espirazione segue in genere una pausa.

4 Per quanto riguarda invece la respirazione (inspirazione + espirazione), sarà fondamentale apprendere piccole nozioni di anatomia; per quello che concerne la dizione sarà sufficiente distinguere all'interno del nostro apparato respiratorio tre zone. Nel dettaglio si tratterà delle aree costali, diaframmatiche e clavicolari. Una buona pronuncia presuppone l'allenamento di ciascuna di queste porzioni e la corretta aerazione delle stesse. Per far ciò si ricorrerà ovviamente agli accorgimenti di cui si è discusso a proposito di espirazione ed inspirazione. La respirazione in sostanza si comporrà quindi di quattro fasi: l'inspirazione, una breve pausa, l'espirazione, un'ulteriore breve pausa.

Non dimenticare mai: Molte parole, soprattutto in italiano, sfuggono alle regole standard di pronuncia. Si tratta in genere di termini che hanno alle spalle una complessa storia linguistica e la cui corretta pronuncia può essere appresa soltanto tramite l'uso di un buon dizionario.

Dizione lingua italiana: le principali regole L'ars oratoria veniva già studiata nell'antica Roma come disciplina ... continua » Come allenare la voce e migliorare l'estensione vocale Per riuscire ad allenare la voce e migliorare l'estensione vocale ... continua » Come controllare il diaframma mentre si canta Il canto è una delle tante forme di espressione che l ... continua » Come controllare il diaframma mentre si canta Il canto è una delle tante forme di espressione che l ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

5 esercizi per un tenore

Il tenore in ambito musicale è la più alta delle voci maschili all'interno di un orchestra. Nei primi due secoli della storia del melodramma ... continua »

Canto: guida ai benefici

L'attività canora è da sempre un'attività divertente e anche professionistica, che aiuta a svagarsi e a coltivare una passione che può diventare una ... continua »

La respirazione nel canto

Chi ha una voce bella deve poterla sfruttare al meglio e per far questo, è necessario studiare canto ed imparare ad utilizzarla a dovere. Anche ... continua »

Come iniziare a fare beatbox

Per iniziare a fare beatbox occorre innanzitutto saper riconoscere il giusto ritmo, ossia uno dei principali elementi per svolgere questa attività. Successivamente occorre fare molta ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.