Le statue più significative del cimitero monumentale di Milano

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il cimitero monumentale di Milano nasce dall'estro dell'architetto Carlo Maciachini. La costruzione fu avviata nel 1864 e conclusa nel 1866. A renderlo famoso è il suo stile eclettico che mescola il gotico al romantico. Nel susseguirsi dei secoli, il cimitero monumentale di Milano - che accoglie in se numerose sepolture illustri - si è arricchito di un gran numero di sculture e statue che gli rendono l'aspetto di un museo a cielo aperto. Passiamo in rassegna alcune delle statue più significative del Cimitero presso le quali fare almeno una breve sosta nel caso vi trovaste da quelle parti.

26

La statua dedicata a giulio sarti

Sotto il terzo arco dell'ingresso è possibile ammirare la statua dedicata a Giulio Sarti, un ingegnere il cui merito più grande fu quello di costruire la prima strada ferrata d'Italia. Questa sua importante opera venne realizzata nel 1840 e collegava Monza a Milano, i resti della strada ferrata dovrebbero essere ancora visibili in Viale Monte Grappa.

36

L'ultimo bacio

L'ultimo bacio, la scultura di Emilio Quadrelli realizzata nel 1889, è forse la più bella in assoluto fra quelle presenti nel cimitero Monumentale di Milano. Il titolo di questa autentica opera d'arte è emblematico, essa infatti raffigura il bacio che una donna porge al suo uomo sul letto di morte. L'ultimo segno d'affetto prima di affrontare la vita ultraterrena.

Continua la lettura
46

Monumento a giovanni maccia

Nei pressi de l'ultimo bacio si trova un altro monumento molto suggestivo. Si tratta della scultura dedicata al benefattore Giovanni Maccia che fondò l'Opera Pia grazie alla quale prestava aiuto alle donne rimaste incinta fuori dal matrimonio. La scultura del 1869 possiede un duplice significato, oltre a rendere onore all'aiuto prestato alle donne bisognose da Maccia, rappresenta il passaggio ad un'altra vita, possibilmente migliore di quella terrena.

56

Tomba di isabella casati

Particolarmente suggestiva è la scultura che sovrasta la tomba di Isabella Casati. La scultura è ad opera di Enrico Butti che volle raffigurare la giovane donna sul letto di morte. Isabella Casati morì a soli 24 anni e la scultura che la rappresenta mentre sembra essere rapita da un sogno è un misto di delicatezza e rassegnazione. Con essa viene rappresentata la caducità della vita ma anche la dolcezza che può accompagnare il momento del sonno eterno.

66

Edicola bernocchi

L'edicola Bernocchi è un tronco di cono situato al centro di uno spiazzale. Detta così può sembrare dozzinale rispetto alle sculture che abbiamo già visto, in realtà il cono è vuoto all'interno e rappresenta la Via Crucis. Il cono è infatti formato da una serie di riquadri ognuno dei quali rappresenta, mediante 110 statue di marmo, ogni tappa del percorso. Un modo straordinario per raccontare una storia senza tempo. La scultura venne commissionata da tre fratelli, i Bernocchi per l'appunto, imprenditori tessili che si impegnarono molto nella vita sociale della città di Milano. Una delle opere benefiche dei Bernocchi a favore della Città fu contribuire alla ricostruzione della triennale deturpata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

5 meraviglie poco conosciute di Venezia

Non appena il turista mette piede a Venezia, che sia la prima volta o meno, prova un senso immediato di stupore. La bellezza di questa città di merletto che galleggia sull'acqua affascina chiunque. L'assenza dei rumori tipici delle grandi città e i...
Arti Visive

Come riconoscere lo stile Barocco

Lo stile Barocco nasce intorno al 1600 dopo il Rinascimento ed ha le sue origini a Roma. Il Barocco è la rappresentazione, in tutti le sue sfaccettature, della sfarzosità e festosità che caratterizza quell'epoca. Tutti i settori della cultura sono...
Arti Visive

Scultura arcaica greca: i principali esponenti

La scultura greca arcaica si sviluppò tra il VI secolo a. C. e il 480 a. C., quando vennero distrutte le mura della città di Atene dai Persiani. La scultura greca arcaica si distingue in tre diverse correnti, in rapporto alle zone in cui si svilupparono:...
Mostre e Musei

I musei imperdibili di Milano

Sia che la si scelga per passare il week end o per un periodo di tempo maggiore, chi sceglie Milano come meta per trascorrere il proprio tempo libero, ha sicuramente voglia di scoprire il meglio di questa città; ogni giorno sempre più affascinante e...
Arti Visive

La scultura nell'arte greca

La civiltà greca, fu una delle civiltà più fiorenti nel campo delle arti e la produzione artistica di questo popolo è una delle più ricche e meglio conservate in assoluto. Molte opere sono infatti arrivate pressochè intatte fino ai nostri giorni,...
Mostre e Musei

Le più belle mostre di ottobre a Milano

Tutti sanno che Milano è la capitale della moda, ma pochi sono a conoscenza delle innumerevoli iniziative culturali che vengono ospitate da questa meravigliosa città. Essendo una città abbastanza cara, spesso si opta per visitarla in bassa stagione,...
Musica

Lucio Battisti: vita e discografia

Lucio Battisti è stato uno dei maggiori cantautori italiani del secolo scorso. Nato il 5 marzo 1943 si è spento il 9 settembre 1998. Battisti ha iniziato la sua carriera poco più che ventenne e dopo alcuni anni iniziò la sua ascesa come cantante grazie...
Mostre e Musei

Come e perché visitare il museo egizio di Torino

I Musei sono un ottimo luogo dove passare un fine settimana, alla scoperta e ricerca di nuove cose da sapere, esperienze da fare, dove aumentare la propria cultura. Ogni città che si rispetti possiede almeno uno o due museo piuttosto prestigiosi, all'interno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.