Letteratura: "La piccola principessa"

di Fabrizio Cuna tramite: O2O difficoltà: media

“La piccola principessa” è un capolavoro appartenente alla letteratura inglese. È un romanzo per bambini basato sul racconto a puntate “Sara Crewe”, pubblicato sul St. Nicholau Magazine nel 1888 scritto da Frances Hodgson Burnett. La scrittrice ne fece un romanzo solo nel 1905, dal titolo orginale “A little princess”. La Burnett è famosa anche per aver scritto “Il piccolo lord” (1886) e “Il giardino segreto” (1910). "La piccola principessa" è ambientato nella Londra vittoriana. Qui assistiamo alle vicende di una bambina buona e generosa vittima delle crudeli prove del destino. Vediamo un'analisi del romanzo "La piccola principessa".

Assicurati di avere a portata di mano: Romanzo "La piccola principessa" (1905) di Frances Hodgson Burnett (qualsiasi versione)

1 L'infanzia di Sara Crewe Sara Crewe è la “principessa”, la protagonista del romanzo. È figlia unica di Ralph Crewe, capitano dell’esercito inglese, e orfana di madre. Sara nasce e vive in India per i primi anni della sua vita. Nonostante viva una vita agiata attorniata da un certo benessere economico, ella è gentile e generosa con tutti. All’età di sette anni, il padre la iscrive in un collegio per signorine in Inghilterra. L'istituto è gestito da Miss Minchin. L'uomo deve intraprendere un lungo viaggio d’affari, per cui non avrebbe tempo per prendersi cura della figlia.

2 La vita in collegio Vista la vasta fortuna economica del padre, inizialmente la direttrice riserva a Sara un trattamento privilegiato, elogiandola in continuazione e permettendole di avere una cameriera personale e un pony. Sara dimostra subito le sue qualità prima aiutando la migliore amica Ermengarde, indisciplinata a scuola, poi diventando la “madre adottiva” della piccola piagnucolona Lottie. Sara stringe anche una forte amicizia con Becky, la giovane sguattera dell’istituto. Il giorno del compleanno di Sara, Miss Minchin organizza per lei una grande festa. Lo stesso giorno, però, viene ricevuta la notizia che Ralph Crewe, il padre di Sara, è morto.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 I primi maltrattamenti La donna reagisce in malo modo, pensando addirittura di abbandonare la bambina sulla strada.  Poiché un tale gesto potrebbe rovinare l'immagine del collegio, decide di sfruttare Sara come domestica.  Approfondimento Letteratura: Grandi Speranze di Charles Dickens (clicca qui) La bambina si trasferisce quindi nella soffitta con Becky, la sguattera dell’istituto.  Da quel momento in poi è costretta a subire i maltrattamenti quotidiani di Miss Minchin e le offese dell'invidiosa Lavinia, una delle studentesse.  Sara riesce a sopravvivere a tutto ciò grazie alla sua intelligenza e all'amicizia di Becky, Ermengarde e Lottie.  Tuttavia, anche nella sua nuova condizione di povertà darà prova costante di generosità e carità verso i più deboli.

4 Il capovolgimento della situazione La situazione della piccola cambierà quando Mr. Thomas Carrisford, uomo d'affari indiano, si trasferisce nel palazzo a fianco al collegio. Egli è stato un amico di Ralph Crewe ed è alla ricerca della figlia del defunto per adottarla e restituirle le ricchezze lasciatele in eredità dal padre. Sara conosce dapprima il servitore di Mr. Carrisford, Ram Dass. Quest'ultimo, impietositosi dalle condizioni in cui la bambina è costretta a vivere, comincia ad aiutarla credendo di trovarsi di fronte ad una mendicante. Poco a poco, però, egli si accorge che la ragazza non è affatto una poverella. Sara viene dunque riconosciuta come la figlia di Ralph Crew e rientra in possesso della ricchezza paterna. Ella può finalmente riprendere i suoi studi e, in coda al romanzo, la piccola dimostrerà nuovamente l'immensa bontà accordandosi con una panettiera per elargire cibo ai poveri. Abbiamo terminato il riassunto del romanzo "La piccola principessa". Per ulteriori informazioni consultate il link: http://www.qlibri.it/narrativa-straniera/classici/la-piccola-principessa/.

Non dimenticare mai: Se siete pratici nella lingua inglese, vi consigliamo l'acquisto e la lettura della versione in lingua originale del libro di Frances Hodgson Burnett, "A little princess". Alcuni link che potrebbero esserti utili: Ulteriori informazioni sul romanzo "La piccola principessa"

Puccini e la Turandot Nato a Lucca il 22 dicembre 1858, Giacomo Puccini è stato ... continua » Letteratura: Baudelaire Charles Pierre Baudelaire (Parigi, 9 aprile 1821 –Parigi, 31 agosto 1867 ... continua » Letteratura: "I tre moschettieri" di Alexandre Dumas Capostipite di una trilogia vera e propria, che comprende anche i ... continua » Letteratura: "Le Mille e Una Notte" Le mille e una notte è il titolo della raccolta più ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

10 libri da leggere

La lettura oltre a svolgere una funzione prettamente cognitiva, è anche un affascinante svago, che permette di entrare in contatto con mondi lontani e realtà ... continua »

Victor Hugo: vita e opere

All'interno di questa guida, andremo ad occuparci di letteratura. Nello specifico, in questo caso, presteremo attenzione a Victor Hugo. Cercheremo di ripercorrere le sue ... continua »

Georges Sand: vita e opere

George Sand, conosciuta anche come Anandine, è stata una scrittrice di origine francese e si distinse nel mondo della letteratura per la mentalità aperta, decisamente ... continua »

10 fumetti italiani da leggere

Negli ultimi anni il mercato dei fumetti italiano e dei graphic novel sta accogliendo molti nuovi autori, soprattutto giovani, che stanno dimostrando la maturità e ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.