Letteratura: la poetica di Alda Merini

di Alessandro Bocci difficoltà: media

Letteratura: la poetica di Alda Merini   cdn-1.nonsolocultura.it Per molti anni, Alda Merini (21 Marzo 1931 - 01 Novembre 2009) è stata la poetessa degli esclusi, dei reietti e degli emarginati, riuscendo a cantare dall'interno una condizione estremamente delicata caratterizzata da problematiche estreme del disagio sociale. La sua infinita sensibilità le ha consentito di resistere, sopravvivere e rivelare il proprio mondo delle "rime petrose", mediante dei fiumi di parole in corsa. La poetica schietta e pressoché assoluta di questa straordinaria scrittrice di Milano fa di lei una delle voci maggiormente encomiabili della nostra letteratura contemporanea!!!

1 In uno dei suoi componimenti più conosciuti, la poetessa italiana Alda Merini recita “Sono nata il 21 a Primavera” e, infatti, nacque a Milano il 21 Marzo del 1931 (da una famiglia abbastanza modesta). Dopo aver superato eccellentemente il ciclo d'istruzione elementare, l'autrice lombarda cercò di entrare al "Liceo ginnasio statale Alessandro Manzoni", ma venne paradossalmente respinta poiché non passò la prova di lingua italiana. Giacinto Spagnoletti, però, scoprì il suo talento e fu il primo docente d'italianistica a pubblicarla (1950).

2 Quando aveva soltanto 26 anni (1947), Alda Giuseppina Angela Merini venne internata per circa 30 giorni all'interno di una clinica psichiatrica: la causa di questo imprigionamento erano le iniziali “ombre della sua mente” (parole della stessa autrice italiana). Dopo essere uscita, gli amici (come Giorgio Manganelli, con cui ebbe una relazione appassionata) le stettero molto vicino: a questo punto, cominceranno fortunatamente le sue meravigliose pubblicazioni di letteratura contemporanea.

Continua la lettura

3 La silloge “La presenza di Orfeo” (1953) rappresenta la prima fantastica pubblicazione di Alda Giuseppina Angela Merini, che contiene i componimenti degli anni precedenti, compresi quelli del periodo che lei ha vissuto all'interno della clinica psichiatrica.  Alcune tra le liriche maggiormente splendide di questa famosa scrittrice di Milano furono estremamente apprezzate dalla critica letteraria: un successo determinato da una colomba che iniziava finalmente a prendere il volo.

4 Fino all'inizio degli anni '60, la poetessa pubblicò altre quattro opere e “Tu sei Pietro” (1962) segnò un momento di silenzio: per circa un decennio, infatti, Alda Merini non pubblicherà nulla, andando e tornando dalla terra delle ombre di cui talvolta si sentiva ancora prigioniera. Le parole dell'autrice sono sempre meticolose e contengono una specie di delicatezza e purezza fuori dal tempo: siccome il proprio linguaggio non è angelicato, tutto ciò che esprime sboccia come un fiore dalle sfumature ideali.

5 Dopo dieci anni di silenzio ed alcune altre pubblicazioni, uscì “La Terra Santa” (1984). In verità, l'autrice controversa e passionale Alda Merini ha:- lasciato tonnellate di scrittura, com'è abituato a fare chi scrive per soddisfare la fame ed il bisogno di scrivere;- fatto parlare di sé le più autorevoli voci del panorama intellettuale italiano (da Pierpaolo Pasolini ad Eugenio Montale), che hanno riconosciuto nella sua un talento diretto e selvaggio da portare avanti e preservare.

6 Dopo la sua morte nel 2009, le figlie della poetessa lombarda hanno aperto il sito web "http://www.aldamerini.it/", che gestiscono portando alla luce l'altra Alda Merini (la madre "particolare" e la donna), ovvero un ritratto completo di un'artista a cui si deve una visione delle condizioni più marginali dell'esistenza. Alla domanda "Cos'è davvero importante nella vita?" (postata da Simone Cristicchi nel progetto “Dall'altra parte del cancello”), la scrittrice rispose “Niente. Niente, sul serio. La mia felicità”, con quella sua sigaretta sempre accesa.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Alda Merini - Più bella della poesia ALDA MERINI E LA SUA POESIA Alda Merini: fuori e dentro la poesia La storia di Alda Merini

I 10 libri da leggere durante le vacanze di Natale I migliori libri autobiografici I migliori libri di cucina di sempre Banana Yoshimoto: biografia e opere

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli