Musica classica: le opere di Beethoven

di Francesco De Stasio tramite: O2O difficoltà: facile

Ludwig van Beethoven (Bonn, 1770 - Vienna, 1827) è stato uno dei più influenti compositori nella storia della musica occidentale. A quasi due secoli dalla sua morte non vi è persona, forse neppure la più ignorante che non conosca almeno una delle sue immortali composizioni. Beethoven chiude idealmente l'epoca del classicismo viennese (la corrente "classica" per antonomasia), facendo proprio il retaggio di compositori quali Mozart e Haydn ma nella sua opere si scorge già un principio di quella che sarà poi denominata "musica romantica".
Nonostante l'indebolimento dell'udito. Già presentatosi in giovane età, Beethoven non smise mai di comporre, neppure quando la sordità divenne totale, a confermare la grandezza del suo genio.

1 Il genere della Symphonie nella produzione beethoveniana ha un ruolo centrale. Nonostante l'esigua produzione (nove sinfonie in totale, comparate alle 41 di Mozart e alle 108 di Haydn), le sinfonie di Beethoven sono ancora oggi i brani più eseguiti nelle stagioni sinfoniche di tutto il mondo. Tre le più importanti ricordiamo la terza sinfonia in Mi bemolle inizialmente intitolata a Napoleone Bonaparte, poi cambiata in "Eroica". La quinta sinfonia in do minore è forse la più travagliata delle sue opere. Dall'oscuro e celeberrimo incipit del primo movimento all'imponente finale, questa sinfonia è forse quella che più di ogni altra rappresenta il tumultuoso carattere dell'artista. Impossibile non menzionare anche la sesta sinfonia in fa maggiore detta "Pastorale", la quale si dissocia nettamente da tutte le altre sinfonie beethoveniane, sia per la struttura compositiva (5 movimenti) che per le sonorità bucoliche. Infine ricordiamo la
nona sinfonia in re maggiore nota anche come la "corale", ritenuta da alcuni la più importante composizione musicale non solo dell'artista ma dell'intero panorama della musica sinfonica. Le celebri note del quarto movimento, "l'inno alla gioia" costituiscono oggi l'inno dell'Unione Europea.

2 Per quanto riguarda il repertorio pianistico, spiccano le sonate per pianoforte; tra le trentadue ricordiamo in particolare la Sonata n.8 "Patetica", Sonata n.14 "Chiaro di luna", la Sonata n.17 "Tempesta", la Sonata n.21 "Waldstein", la Sonata la Sonata n.23 "Appassionata" e la Sonata n.29 "Hammerklavier", quest'ultima considerata dall'autore il suo capolavoro per la maestosità e difficoltà tecnica dell'opera. Anche se non popolari come le sonate, da ricordare sono anche alcune variazioni, tra le quali annoveriamo le Variazioni Diabelli, oltre a rondò, minuetti e bagatelle, tra le quali la famosissima"Per Elisa".

Continua la lettura

3 La musica da camera di Beethoven, sebbene non abbia raggiunto la fama della produzione sinfonica e pianistica va comunque ricordata per il suo straordinario valore artistico.  Quartetti e quintetti per archi, trii per violino e per pianoforte, composizioni per strumenti a fiato sono infatti numerosissimi.  Approfondimento Guida alla Sinfonia n. 9 di Ludwig van Beethoven (clicca qui) Più ristretto è il repertorio di musica vocale; in esso ricordiamo il Fidelio, unica opera lirica di Beethoven e la grandiosa la Missa Solemnis.

4 Il valore della musica del maestro di Bonn è indiscutibile. Il fatto stesso che la sua fama sopravviva la moltitudine di generi e di generazioni di musicisti e compositori che a lui sono succeduti senza eguale successo, dimostra la grandezza della sua figura artistica di musicista, vittoriosa sulle nemesi di ogni artista, il tempo e l'oblio.

La musica nel romanticismo Nel Romanticismo la musica si sviluppò inizialmente dal 1770 con la ... continua » Breve storia della musica classica La musica classica ha radici molto antiche ed è un genere ... continua » Franz Schubert: vita e opere Franz Schubert è uno dei compositori più apprezzati della musica classica ... continua » Come avvicinarsi all'ascolto della musica classica Quando si parla di musica classica, non si intende solo il ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come ascoltare la musica classica

Ascoltare buona musica significa mettersi in contatto con una forma d’arte eccelsa e formidabile. Oggi purtroppo siamo bombardati quotidianamente da tonnellate di suoni e ... continua »

Giuseppe Verdi: vita e opere

Nella guida odierna vi racconterò di uno dei più grandi compositori italiani di tutti i tempi, ossia Giuseppe Verdi. Vi accompagnerò nella storia della sua ... continua »

Giuseppe Verdi: vita e opere

Nella guida odierna vi racconterò di uno dei più grandi compositori italiani di tutti i tempi, ossia Giuseppe Verdi. Vi accompagnerò nella storia della sua ... continua »

Come suonare il trombone

Le potenzialità del trombone nel campo della musica sono veramente impressionanti; esso infatti è uno strumento fra i più versatili. Conosciuto sin dal quindicesimo secolo ... continua »

Richard Wagner: vita e opere

Molto spesso, quando ci troviamo a dover studiare le vita e le opere di alcuni particolari uomini importanti del passato, ci capita di voler ulteriormente ... continua »

Puccini: vita e opere

Giacomo Puccini nasce a Torre del Lago, in provincia di Lucca, nel 1858. Tutta la sua famiglia era dedita alla musica tant'è che la ... continua »

I migliori film di Stanley Kubrick

Stanley Kubrick (1928-1999) è stato uno dei registi più visionari e lungimiranti del cinema contemporaneo internazionale. Pur trattando nelle sue opere tematiche tradizionali le ha ... continua »

Botero: le migliori opere

Fernando Botero: le opere di Botero, pittore e scultore colombiano da molti ritenuto il più apprezzabile artista sudamericano vivente, vengono considerate dai migliori esperti mondiali ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.