Punte: Consigli su quando è corretto metterle

di Francesco Vernaglione tramite: O2O

Le scarpette da punta sono le tipiche calzature indossate da ballerini e soprattutto ballerine per danzare secondo la tecnica in punta. Sono scarpette uniche nel suo genere, simbolo della danza classica, a cui ogni fanciulla che intraprende quest'arte performativa ambisce. Tuttavia utilizzare le punte non è per tutti, a causa principalmente dei danni alla salute che possono provocare a chi ne fa un uso non responsabile, ed in questo articolo daremo utili consigli su quando è corretto metterle.

1 Indossare le punte solo quando è necessario Piede e caviglia sono parti del corpo molto complesse e composte da tante piccole ossa, e nonostante la loro apparente fragilità, hanno l'oneroso compito di sostenere l'intero peso del nostro corpo. È facile quindi immaginare quanto utilizzare le scarpette a punta mette a dura prova la resistenza di piedi e caviglie delle ballerine, che con un uso scorretto provocano danni ad ossa e articolazioni temporanei, come fratture e contusioni in caso di traumi, o deformazioni permanenti se usate all'età sbagliata. Un uso costante delle punte può provocare inoltre vescicole di vario genere e problemi legati alle unghie, quindi è bene sempre seguire le istruzioni del proprio maestro di danza senza esercitarsi più del dovuto con indosso queste scarpette, ed in casi gravi si basta chiedere il parere del proprio medico curante, in modo da limitare l'insorgere di questi inconvenienti.

2 Usare le punte solo dopo i dieci anni di età Non c'è un'età specifica per iniziare a mettere le punte, in quanto varia da caso a caso. Tuttavia si tende ad indicare il periodo tra i 10 e gli 11 anni come l'età ideale in cui iniziare ad utilizzare queste scarpe. A questa età infatti l'ossatura del piede, come il resto del corpo, si avvia alla forma adulta, mentre la muscolatura ha raggiunto uno stadio adeguato per sopportare gli sforzi del ballo con le scarpette da punta. È inoltre l'età più adatta per modellare il piede, e garantirne una forma perfetta per il ballo in punta che rimarrà per il resto della vita.

Mettere le scarpe troppo presto comporterebbe gravi conseguenze legate allo sviluppo dell'ossatura dell'infante, con deformazioni del piede, delle gambe e della spina dorsale. Inoltre, è anche necessaria una certa esperienza prima di iniziare ad usare questo tipo di calzatura.

Continua la lettura

3 Utilizzare le punte solo con un'adeguata preparazione Come abbiamo detto, oltre all'età, è fondamentale che una bambina abbia già un'esperienza di almeno un paio d'anni prima che sia pronta ad indossare per la prima volta le scarpette da punta.  Questo è molto importante in quanto, benché le ossa siano abbastanza forti da sostenere il peso, deve esserci anche un contributo muscolare, per il quale sono necessari almeno due anni di esercitazione.  Approfondimento Come legare le punte in danza classica (clicca qui)
Una ballerina che si accinge ad indossare per la prima volta le punte, deve padroneggiare tecniche di base come il plié, e deve essere in grado di mantenersi in equilibrio sulle mezze punte in relevé passé senza grosse difficoltà.  Inoltre non deve essere in sovrappeso, in modo da limitare quanto possibile il carico che piede e caviglia dovranno sopportare.  Ad ogni modo, solo il maestro o la maestra di danza sarà in grado di affermare con certezza se la ballerina ha la preparazione necessaria per avviarsi all'uso delle punte.

4 Acquistare punte di buona qualità L'uso delle punte può influire negativamente sulla crescita e la salute delle ballerine, quindi è molto importante anche non badare a spese quando le si acquistano, dato che sono composte da diverse parti studiate apposta per soddisfare specifiche esigenze che variano da piede a piede. L'Italia vanta produttori specializzati in questo tipo di calzature dall'esperienza decennale, ed il maestro di danza sarà sicuramente in grado di consigliarne uno della zona in grado di realizzare un paio di scarpette adatte alla danzatrice.

5 Evitare inutili fasi preparatorie nel caso dei maschi Per concludere, conviene spendere un paio di parole per quanto riguarda i maschi. Le scarpette da punta sono uno strumento prettamente femminile, per le quali esiste tutto un percorso descritto in precedenza che le prepara all'uso di esse. È molto raro infatti che per un maschio ci sia l'occasione di indossare tali calzature, e per questo motivo non sono generalmente sottoposti alle la stessa preparazione certosina delle femmine, ma vengono istruiti a dovere solo nel caso decidano di indossare le punte, ad età avanzata e con una buona esperienza di danza classica, in occasione di determinati balletti. In questo modo, si evitano ai ballerini maschi gli inconvenienti causati dall'uso prolungato di tali calzature. Alcuni esempi di spettacoli in cui ai maschi viene data la possibilità di indossare le punte sono i balletti Petruška, Cenerentola e Sogno di una notte di mezza estate.

Come legare le punte in danza classica Prima o poi per una piccola ballerina arriva il tanto atteso ... continua » Suggerimenti per migliorare la tecnica di ballo sulle punte Nella presente guida andremo a trattare il tema della danza e ... continua » Come lavare le scarpette da danza Se siete una ballerina di danza classica o se avete una ... continua » Come lavare le scarpette da danza Se si è una ballerina di danza classica oppure si ha ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Breve storia della danza classica

Tutti gli amanti della danza, oltre a praticarla, dovrebbero conoscerne la storia. Cercando su qualsiasi motore di ricerca, potremo in pochissimi secondi trovare moltissime informazioni ... continua »

Breve storia della danza moderna

Oggi grazie agli spettacoli televisi possiamo ammirare degli show incentrati sulla danza, sia moderna che classica. Naturalmente la danza classica rappresenta la base di tutto ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.