Recitazione: 5 regole per un pianto credibile

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La recitazione è una delle più antiche e nobili forme d'arte, che da sempre affascinano l'uomo. Molti sognano di recitare in un film hollywoodiano o in una commedia a Broadway. Ma per poter recitare servono doti spiccate e rare, oltre ad anni di esercizi e studio. Un aspetto fondamentale nella recitazione è riprodurre il pianto perché essere convincenti nel fingere quello che è una manifestazione così profonda dell'emotività umana non è da tutti. Vediamo 5 regole per un pianto credibile.

26

Pensare a cose tristi

Cerca di pensare alla cosa più triste che hai visto o ad un ricordo che ti provoca malinconia e malessere. Deve essere un immagine che hai ben definita nella tua testa, non un ricordo sfocato. Oppure cerca di pensare ad una notizia cruenta vista al telegiornale o ad un film che ti ha coinvolto emotivamente. Tutti abbiamo dei punti deboli come il ricordo di un forte momento di imbarazzo o una scena della nostra infanzia che ci rende tristi, dobbiamo solo cercare quello giusto. Ma attenzione un ricordo troppo brutto può paralizzarti sulla scena e impedirti di recitare.

36

Imitare la faccia di quando si piange

Pensate alla faccia che si fa quando si piange e studiatela. Imitare l'espressione che si fa mentre si piange aiuterà a far venire giù le lacrime e a perfezionare il vostro volto mentre recitate. Imitare il viso di una persona che piange ci aiuta perché, oltre alla componente emotiva, nella lacrimazione è coinvolta una componente muscolare, imitando quindi l'espressione di chi piange stimoleremo gli stessi muscoli facciali e risulterà più semplice fingere il pianto.

Continua la lettura
46

Irritare gli occhi

Se fingere di piangere risulta molto difficile o comunque volete avere un aspetto più reale un ottimo modo è quello di irritare gli occhi in maniera da stimolare la lacrimazione. Ci sono diverse tecniche. Stropicciare gli occhi poi aprirli e fissare un punto per 20 secondi e ripetere la procedura. Fissare un punto luminoso per lungo tempo e poi sbattere ripetutamente le palpebre. In alternativa si può tagliare una cipolla o applicare degli unguenti al mentolo sotto la palpebra che vanno ad irritare l'occhio.

56

Utilizzare i gesti tipici del pianto

Quando si finge di piangere i gesti possono essere ancora più importanti delle lacrime in se. La gestualità è fondamentale per ingannare lo spettatore. Prendersi il viso tra le mani come per nascondere il pianto, può servirvi oltre ad essere credibili a nascondere delle lacrime che non stanno uscendo. Mordersi il labbro inferiore da l'idea di un voler trattenere le lacrime per un effetto drammatico e distogliere lo sguardo.

66

Modulare voce e respiro

Non potete di certo piangere esclusivamente, la respirazione e la voce sono fondamentali quando si recita. Iniziate a fare respiri profondi per trasmettere uno stato d'agitazione, poi respiri sempre più corti alternati a singhiozzo. Stringi le corde vocali, la voce deve sembrare non riuscire ad uscire dalla tua bocca, balbetta se riesci e utilizza suoni che ricordano il pianto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Esercizi di recitazione cinematografica

La recitazione nel cinema e quindi cinematografica, è un'arte che deve essere il più possibile spontanea e naturale; il pubblico infatti, deve essere pienamente catturato dalla scena che sta guardando e "dimenticarsi" che i protagonisti, gli attori,...
Recitazione

Come simulare il pianto

Se nella vita vorrete intraprendere la carriera di attore, uno degli step tecnici che dovrete superare sarà quello di simulare il pianto. Piangere a comando non è un'impresa impossibile, ci vuole molta concentrazione e, soprattutto, bisogna immedesimarsi...
Recitazione

10 consigli per la recitazione teatrale

Quando si assiste ad una rappresentazione teatrale, talvolta si può pensare che la recitazione in fondo non sia un'arte così difficoltosa. In realtà è una considerazione ingannevole; tutti possono imparare a memoria un testo, in un modo o nell'altro,...
Recitazione

Recitare con il metodo Stanislavskij

Il metodo Stanislavskij è una tipologia di stile psicotecnico della recitazione che prende il nome dal suo ideatore, noto teorico teatrale russo. Egli dapprima lo concepì, poi lo mise in pratica, insegnandolo agli allievi della sua accademia. Ad oggi,...
Arti Visive

Come disegnare un viso triste

Il volto è tra le parti del nostro corpo che non riusciamo ad osservare senza l'utilizzo di uno specchio eppure, rispetto alle altre, è quella che più ci affascina quando incontriamo qualcuno ed è la prima cosa che andiamo a disegnare pensando ad...
Recitazione

Come si impara a recitare

l tipico suono delle assi di legno sotto i piedi, il fuoco acceso di un anziano, pesante sipario, l'atmosfera di cultura e di passaggio data dal teatro o il tipico ciak che viene dato una volta pronunciata la parola "Azione!". Si tratta delle classiche...
Recitazione

Come recitare in un musical

L'arte della recitazione è un'arte piuttosto antica come anche quella della musica. Entrambe hanno generato nel corso dei secoli moltissime opere degne di nota e divenute famose nel corso delle generazioni. Ma negli ultimi anni, soprattutto nel secolo...
Recitazione

Come iniziare a recitare

Non sempre la persona che esprime il desiderio di diventare un attore ha in realtà come scopo quello di diventare famoso o di vincere un Oscar: recitare, saper recitare e voler recitare significa riuscire ad essere altro da sé, impersonarsi in un personaggio,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.