Scultura arcaica greca: i principali esponenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La scultura greca arcaica si sviluppò tra il VI secolo a. C. e il 480 a. C., quando vennero distrutte le mura della città di Atene dai Persiani. La scultura greca arcaica si distingue in tre diverse correnti, in rapporto alle zone in cui si svilupparono: la dorica, la ionica e la attica. La prima scolpisce figure possenti, la seconda è più slanciata ed elegante, mentre la terza è più naturalistica e mette in relazione il corpo con lo spazio che lo circonda.
Non abbiamo molti nomi dei principali esponenti della scultura greca arcaica, ma i nomi dei grandi maestri sono orgogliosamente incisi sulle basi delle statue.

26

Testa colossale del kouros del Dìpylon

La testa colossale del kouros del Dìpylon è del 610 a. C, in marmo e misura 44 centimetri, l'altezza complessiva della statua è di 2 metri e 50 centimetri.
Negli anni a cavallo del 600 comincia a fissarsi l’immagine del kouros, nello schema che rimase immutato per tutto il periodo arcaico. La testa, trovata nella necropoli ateniese del Dìpylon apparteneva certamente a una statua usata come segnacolo funerario, attualmente è conservata nel museo di Atene.

36

Cleobi e Bitonte

Queste due statue, in marmo di Nasso, alte 3 metri e 40 centimetri, rappresentano i due figli di Cidippe, sacerdotessa di Hera di Argo. I due giovani eroi si sacrificarono nell'intento di salvare la propria madre, presso il santuario di Hera a Delfi. Esse sono l'esempio più antico dell' arte arcaica, i due corpi sono completamente nudi e possenti e ricordano i blocchi di due pietre accostate.
Le due celebri statue rinvenute a Delfi sono conservate nel museo archeologico di Delfi.
Lo scultore è Polimede.

Continua la lettura
46

Kouros di Capo Sounion

La statua, in marmo di Nasso, è alta 3 metri e 40 centimetri. Fu trovato assieme a molte altre statue votive in una fossa scavata nei pressi del tempio di Poseidone a Capo Sounion. Illustra la passione per la monumentalità che si rivela in tutta la plastica greca alla fine del VII sec. A. C.

56

Cavaliere Rampin

Oggi il corpo di questa statua si trova al museo dell'Acropoli di Atene, la testa al Louvre di Parigi, perché fu acquistata da Rampin, un diplomatico francese.
È del 560-540 a. C. e misura 1 metri e 13 centimetri di altezza. La caratteristica di questa statua è la minuzia nella decorazione della barba e dei capelli e la plasticità del corpo e del capo.

66

Statua femminile, opera di Geneleo

La statua ritrovata all'isola di Samo, oggi si trova al museo di Berlino.  E del 555-550 a. C., è alta 1 metro e 68 centimetri, ed è in marmo.  Faceva parte di un gruppo di sei statue dedicate a Era da una sacerdotessa. Ne sono pervenute solo tre, senza testa.
Anche qui c'è unità tra il corpo e il drappeggio del vestito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

La scultura nell'arte etrusca

La civiltà Etrusca si affermò nella regione compresa tra il fiume Arno e il fiume Tevere, tra il IX e l'VIII secolo a. C. E poi, alla fine del VII secolo a. C. Gli Etruschi si estesero a Sud, nel Lazio, nella Campania e poi anche nel Nord nella Pianura...
Letteratura

I miti greci più famosi

"Mythos" è il termine greco che significa "mito". In origine era semplicemente "parola, discorso". In seguito fu il racconto dell'esistenza di esseri onnipotenti e immortali, di forme affini a quelle umane che si chiamarono Dei o Numi. Questi furono...
Arti Visive

Canova: le principali opere

L'epoca del Neoclassicismo in ambito artistico vede tra i suoi maggiori esponenti il marchese Antonio Canova. Originario di Venezia, città che gli diede i natali nel 1757, Canova viene ricordato per la bellezza delle proprie sculture. Le linee sinuose...
Arti Visive

Scultura: i principali esponenti del Rococò

Tra i vari stili che hanno segnato il percorso storico/culturale dell'umanità, bisogna dare una certa importanza al rococò. Le sue radici sono evidenziate nella prima metà del Settecento: mentre la corrente dell Barocco sta per giungere alla fine,...
Arti Visive

Scultura: i principali esponenti del 700

La scultura offre un panorama immenso di opere e artisti. Se molto noti sono il 1500 e il 1600 come periodi in cui la civiltà occidentale ha conosciuto un susseguirsi particolarmente florido di opere artistiche e scultorie, è altrettanto vero che anche...
Mostre e Musei

Le statue più significative del cimitero monumentale di Milano

Il cimitero monumentale di Milano nasce dall'estro dell'architetto Carlo Maciachini. La costruzione fu avviata nel 1864 e conclusa nel 1866. A renderlo famoso è il suo stile eclettico che mescola il gotico al romantico. Nel susseguirsi dei secoli, il...
Letteratura

Arte: i principali esponenti del neoclassicismo

Barocco e Rococò sono due correnti artistiche caratterizzate dallo sfarzo, dal lusso e dall'esagerazione. Il XVII secolo, infatti, fu oberato proprio da questo stile fantasioso, bizzarro e potente, il quale andò a scatenare, tra la seconda metà del...
Letteratura

Plauto: vita e opere

Tito Maccio Plauto fu un poeta comico latino, nato a Sarsina (Umbria) tra il 254-251 a. C. Ancora oggi, le sue inconfondibili opere riscontrano un notevole interesse tra gli appassionati del genere. La sua vita si concluse a Roma nel lontano 184 a. C....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.