Specie di dinosauri carnivori

di Maria Pia Adelfio difficoltà: media

Specie di dinosauri carnivori I dinosauri erano un gruppo di rettili di varie dimensioni, appartenenti alla sottoclasse degli arcosauri, che dominarono l'ecosistema terrestre per oltre 160 milioni di anni e apparvero tra la fine del Triassico medio e l'inizio del Triassico superiore (circa 230 milioni di anni fa). Si estinsero completamente circa 65 milioni di anni fa, alla fine del periodo Cretaceo, e ci sono noti solo attraverso resti fossili studiati e scavati dai paleontologi, e da collezionisti ed amatori del genere. Hanno dominato la Terra per circa 180 milioni di anni per poi sparire definitivamente, lasciando impronte e ossa in tutto il mondo e un mistero da risolvere. Alla totale estinzione dei dinosauri che 65 milioni di anni fa, decretò la fine di un'era, sono state date numerose spiegazioni. Per molti scienziati fu l’arrivo sulla Terra di un gigantesco asteroide a chiudere il sipario sui lucertoloni del Mesozoico. I dinosauri erano principalmente divisi in erbivori, che si nutrivano di vegetali e carnivori, che si nutrivano di carne. In questa guida andremo a vedere in dettaglio quali erano le specie di dinosauri carnivori e le loro caratteristiche fisiche e comportamentali.

1 Specie di dinosauri carnivori I dinosauri carnivori erano in maggior parte predatori attivi, ovvero cacciavano le loro prede per mangiarle e quindi erano accomunati da caratteristiche simili. I predatori attivi erano dotati di quattro zampe, ma erano bipedi, infatti si muovevano solamente sulle zampe posteriori e quelle anteriori erano molto più piccole e le utilizzavano per afferrare le loro prede. Le zampe dei dinosauri carnivori erano dotate di grandi artigli, che servivano ad afferrare saldamente le prede e quelle posteriori erano molto slanciate per permettere al dinosauro di correre velocemente. Le bocche dei dinosauri carnivori erano dotate di denti che erano aguzzi e affilatissimi per poter mordere e strappare la carne dalle prede cacciate.

2 Specie di dinosauri carnivori Il tirannosauro era un dinosauro vissuto nel Cretaceo superiore (Maastrichtiano, tra 70 e 65 milioni di anni fa) in America settentrionale. I tirannosauri erano dinosauri carnivori bipedi (teropidi) appartenenti all’ordine dei saurischi. Gli esemplari più grandi potevano raggiungere i 13 m di lunghezza e un peso di circa 7 tonnellate. Il tirannosauro rex è stato il più grosso carnivoro; si nutriva specialmente di grandi dinosauri erbivori. Gli arti superiori del tirannosauro rex erano molto piccoli rispetto al resto del corpo e terminavano con due artigli acuminati; i possenti arti posteriori avevano tre artigli diretti in avanti e uno all’indietro. Ogni passo misurava quattro metri. Il tirannosauro rex aveva una lunga coda che bilanciava l’enorme massa corporea. Abbastanza veloce nella corsa, probabilmente era troppo pesante per resistere a un inseguimento troppo lungo; si pensa quindi che la tecnica della sua caccia fosse basata principalmente sugli agguati.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Specie di dinosauri carnivori Il Gigantosauro (Giganotosaurus Carolinii) appartiene anche lui all'ordine dei Saurischi (terrestri) e al sottordine dei Teropidi ed è apparso sulla terra nel fine Cretaceo.  Il primo fossile di questa specie è stato rinvenuto nel 1993 in Patagonia da un paleontologo di nome Carolini e che poi gli ha dato appunto il nome di Gigantosaurus Carolinii, i suoi ritrovamenti e quelli successivi però non sono mai stati integri e di conseguenza non vi sono tuttora resti di Gigantosauro interamente ricostruiti.  Approfondimento Specie di dinosauri erbivori (clicca qui) Fisicamente era simile al tirannosauro con zampe posteriori slanciate per correre e denti aguzzi, ma sembra che le sue dimensioni arrivassero a raggiungere anche i 18 metri di altezza.

4 Specie di dinosauri carnivori Lo spinosauro aegyptiacus, un dinosauro vissuto durante il cretaceo e più grande del t-rex, sapeva nuotare. Questo dinosauro era anche lui un carnivoro attivo, cacciava le sue prede correndo sulle zampe posteriori e le afferrava con i suoi denti affilati ed aguzzi, ma rispetto al Tirannosauro e al Gigantosauro non aveva una testa massiccia e grande, bensì una testa di dimensioni più ridotte ed affusolata che spesso è stata paragonata a quella dell'odierno coccodrillo.

5 Specie di dinosauri carnivori Il Velociraptor era un agile predatore di piccole dimensioni con lunghe braccia e gambe snelle adatte a veloci movimenti. Caratteristica peculiare era quella di avere un artiglio falciforme sul secondo dito di ciascuna delle zampe posteriori; durante la deambulazione questo veniva tenuto sollevato dal terreno, mentre quando attaccava scattava in avanti penetrando nelle carni della preda. Anche gli arti anteriori erano dotati di poderosi artigli atti a dilaniare e a trattenere. La bocca era munita di numerosi denti appuntiti, affilati e seghettati.

6 Specie di dinosauri carnivori Grazie al lavoro svolto dai paleontologi possiamo ammirare i resti fossili di questi dinosauri e le ricostruzioni presenti in molti Musei Naturali ed esposizioni fisse in Italia. Inoltre nel nostro paese sono stati costruiti diversi parchi tematici adatti a grandi e piccoli, in cui sono presenti a grandezza naturale molti dinosauri dell'era Mesozoica.

Come visitare il Museo di storia naturale a Milano Come disegnare un dinosauro I 10 migliori libri d'avventura Come disegnare un orso polare

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili