Tintoretto: le migliori opere

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Talentuoso allievo di Tiziano, Jacopo Robusti o Tintoretto era così scorbutico che fu cacciato dalla bottega del maestro dopo pochi giorni, sempre che non si debba dar credito alla versione secondo cui la rottura fu determinata dalla rivalità. Vero è che il genio pittorico di Tintoretto sarebbe emerso fulgidamente nel corso del sedicesimo secolo, illuminando in special modo la scena di Venezia. Cervello terribile a detta di Giorgio Vasari, il Tintoretto si propose programmaticamente di coniugare il colore di Tiziano e il disegno di Michelangelo. Impresa ardua che i critici dell'arte ritengono a tutti gli effetti compiuta. Qui vi regalo una carrellata delle migliori opere del pittore più chiacchierato del Cinquecento.

25

La Sacra Conversazione

Maestro dal 1539, il Tintoretto conosce una rapida affermazione. È dell'anno successivo la Sacra Conversazione, di qualche anno più tardi i soffitti dipinti per la casa di Pietro Aretino. I primi capolavori sono dipinti all'interno della chiesa della Madonna dell'Orto: L'adorazione del vitello d'oro è una composizione dalla forza espressiva senza eguali; La presentazione della Vergine al tempio esibisce plasticità delle figure e un chiaroscuro squisitamente tizianesco; il Giudizio universale s'ispira al Giudizio michelangiolesco che adorna la Cappella Sistina, ma il dinamismo complessivo e i contrasti di luce sono tratti tipici del Tintoretto.

35

La visitazione

Nel 1564 vengono commissionati al Tintoretto i lavori della Scuola Grande di San Rocco, fatica immane che avrebbe rivelato il suo genio. I teleri realizzati nelle tre Sale rappresentano per Venezia quel che la Cappella Sistina rappresenta per Roma. Se in uno dei capolavori della Scuola, ovvero La visitazione, le portentose figure della Vergine Maria e di Elisabetta si stagliano contro il cielo, nella Crocifissione Cristo è immerso in un cielo giallo d'angoscia. Mentre nell'Ascensione il cromatismo accentuato conferisce vigore al movimento ascensionale di Cristo.

Continua la lettura
45

Susanna e i vecchioni

L'utilizzo drammatico della prospettiva e il tratto nervoso sono ormai i suoi stilemi principali. Nel 1555 dipinge la pala con L'Assunta, nonché Giuseppe e la moglie di Putifarre. In quest'ultimo il fuoco della passione colora e incendia l'interno che fa da sfondo alla vicenda. Di soggetto analogo è il dipinto dell'anno successivo, Susanna e i vecchioni, in cui la luce assolve il difficile compito di isolare e idealizzare ogni oggetto della scena. È ispirato all'opera di Paolo Veronese Il compianto sul corpo di Cristo, mentre nelle Storie della Genesi, dipinte per la scuola della Trinità, il paesaggio vuol essere protagonista e non solo sfondo della narrazione, al modo di Tiziano e Giorgione. In realtà non lo sarà mai: la protagonista assoluta dei capolavori di Tintoretto è la luce, concepita come entità spaziale e non come luce naturale.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Come visitare il Palazzo Ducale a Venezia

Se ci piace molto viaggiare e conoscere la cultura e le varie opere presenti nel Mondo e stiamo pensando di organizzare un nuovo viaggio, per prima cosa dovremo reperire delle informazioni che riguardano la nostra destinazione e che ci consentiranno di...
Mostre e Musei

I quattro musei più belli al mondo

Approfittando delle vacanze, finita la scuola, è piacevole trascorrere una mezza giornata ammirando l'arte in senso lato. Quasi tutte le città, grandi o piccole che siano, conosciute o meno note hanno una pinacoteca o una mostra che il più delle volte...
Mostre e Musei

Guida al Museo del Prado

La Spagna oltre ad offrire bellissime spiagge e monumenti di grande pregio che la contraddistinguono è anche una città d'arte. Se è nelle nostre intenzioni trascorrere alcuni giorni nella sua capitale Madrid, non possiamo non visitare il Museo del...
Mostre e Musei

I 5 musei più interessanti d'Italia

L'Italia è il paese con il più alto numero di siti inclusi nella lista del patrimonio dell'umanità. Tra le tante meraviglie che caratterizzano da nord a sud lo stivale italico, questa lista ha l'arduo compito di individuare i 5 musei più interessanti...
Mostre e Musei

Guida al Museo di Capodimonte

Il Museo (o Galleria Nazionale) di Capodimonte è situato nella città di Napoli (sulla collina in cui c'è la Reggia di Capodimonte, in mezzo al bosco) ed ospita la collezione d'arte dei Farnese (una delle famiglie maggiormente famose nell'epoca rinascimentale),...
Mostre e Musei

Brescia: visita alla Pinacoteca Tosio Martinengo

Se siamo degli amante dell'arte e nel nostro tempo libero ci piace organizzare dei viaggi per visitare tutte le bellezze presenti sul nostro territorio, allora la prima cosa che dovremo fare sarà cercare su tutte le informazioni sulla nostra destinazione...
Letteratura

Guida al Manierismo italiano

Il Manierismo è una corrente artistica che ha avuto la sua nascita e la sua evoluzione in Italia nel corso della seconda metà del XVI secolo. Ha avuto modo di svilupparsi in varie forme culturali ed artistiche: dall’arte figurativa all’architettura...
Mostre e Musei

Come visitare la National Gallery di Londra

La National Gallery è una delle gallerie più importanti conosciute nel mondo: contiene numerose opere famose, risalenti ai secoli passati, dal XII secolo ad oggi e di diverse nazionalità. Venne fondata nel 1824 e si trova a Trafalgar Square e i mezzi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.