Tintoretto: le migliori opere

di Torrido Torruto tramite: O2O difficoltà: media

Talentuoso allievo di Tiziano, Jacopo Robusti o Tintoretto era così scorbutico che fu cacciato dalla bottega del maestro dopo pochi giorni, sempre che non si debba dar credito alla versione secondo cui la rottura fu determinata dalla rivalità. Vero è che il genio pittorico di Tintoretto sarebbe emerso fulgidamente nel corso del sedicesimo secolo, illuminando in special modo la scena di Venezia. Cervello terribile a detta di Giorgio Vasari, il Tintoretto si propose programmaticamente di coniugare il colore di Tiziano e il disegno di Michelangelo. Impresa ardua che i critici dell'arte ritengono a tutti gli effetti compiuta. Qui vi regalo una carrellata delle migliori opere del pittore più chiacchierato del Cinquecento.

1 Chiesa della Madonna dell'Orto Maestro dal 1539, il Tintoretto conosce una rapida affermazione. È dell'anno successivo la Sacra Conversazione, di qualche anno più tardi i soffitti dipinti per la casa di Pietro Aretino. I primi capolavori sono dipinti all'interno della chiesa della Madonna dell'Orto: L'adorazione del vitello d'oro è una composizione dalla forza espressiva senza eguali; La presentazione della Vergine al tempio esibisce plasticità delle figure e un chiaroscuro squisitamente tizianesco; il Giudizio universale s'ispira al Giudizio michelangiolesco che adorna la Cappella Sistina, ma il dinamismo complessivo e i contrasti di luce sono tratti tipici del Tintoretto.

2 Scuola Grande di San Rocco Nel 1564 vengono commissionati al Tintoretto i lavori della Scuola Grande di San Rocco, fatica immane che avrebbe rivelato il suo genio. I teleri realizzati nelle tre Sale rappresentano per Venezia quel che la Cappella Sistina rappresenta per Roma. Se in uno dei capolavori della Scuola, ovvero La visitazione, le portentose figure della Vergine Maria e di Elisabetta si stagliano contro il cielo, nella Crocifissione Cristo è immerso in un cielo giallo d'angoscia. Mentre nell'Ascensione il cromatismo accentuato conferisce vigore al movimento ascensionale di Cristo.

Continua la lettura

3 Opere della maturità L'utilizzo drammatico della prospettiva e il tratto nervoso sono ormai i suoi stilemi principali.  Nel 1555 dipinge la pala con L'Assunta, nonché Giuseppe e la moglie di Putifarre.  Approfondimento I capolavori di Michelangelo Buonarroti (clicca qui) In quest'ultimo il fuoco della passione colora e incendia l'interno che fa da sfondo alla vicenda.  Di soggetto analogo è il dipinto dell'anno successivo, Susanna e i vecchioni, in cui la luce assolve il difficile compito di isolare e idealizzare ogni oggetto della scena.  È ispirato all'opera di Paolo Veronese Il compianto sul corpo di Cristo, mentre nelle Storie della Genesi, dipinte per la scuola della Trinità, il paesaggio vuol essere protagonista e non solo sfondo della narrazione, al modo di Tiziano e Giorgione.  In realtà non lo sarà mai: la protagonista assoluta dei capolavori di Tintoretto è la luce, concepita come entità spaziale e non come luce naturale.  È la luce che dà dinamismo, rende misteriose le sue opere e, in certi casi, trasfigura i soggetti: si veda L'ultima cena.

4 Ritratti Tiziano è conosciuto anche come uno dei più grandi ritrattisti della Venezia del tempo. Al ritratto solenne del rivale Tiziano e al ritratto psicologico di Lorenzo Lotto, contrappone un ritratto che si può definire "fotografico", tale era la rapidità con la quale li eseguiva, quale che fosse il soggetto. Addirittura, pare che il ritratto dell'amico Andrea Calmo sia stato portato a termine in mezz'ora. A Tintoretto non interessano i dettagli, è sufficiente catturare i tratti essenziali. Il volto, per esempio, viene reso con veloci colpi di pennello. Celebri sono i ritratti di famose cortigiane del tempo, Veronica Franco su tutte. Il testamento visivo è l'Autoritratto, dipinto pochi anni prima della morte. Dove si ritrae non come pittore ma semplicemente come vecchio dallo sguardo triste, in carattere con i ritratti sulla vecchiaia che andava dipingendo in quegli anni.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Jacopo Tintoretto: i ritratti

Guida alle gallerie dell'Accademia di Venezia L'Italia è ricca di paesaggi mozzafiato e città bellissime che ... continua » Tiziano: vita e opere principali Tiziano Vecellio è il nome completo dell'artista. Membro di stirpe ... continua » I 10 quadri più famosi della National Gallery di Londra La National Gallery è un museo situato a Londra dal 1824 ... continua » Guida al Manierismo italiano Il Manierismo è una corrente artistica che ha avuto la sua ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Guida al Museo del Prado

La Spagna oltre ad offrire bellissime spiagge e monumenti di grande pregio che la contraddistinguono è anche una città d'arte. Se è nelle nostre ... continua »

Hayez: vita e opere

Francesco Hayez (Venezia 1791-Milano 1882), ultimo di 5 fratelli, è considerato il caposcuola del Romanticismo italiano. Nato in una famiglia povera (padre di origini francesi ... continua »

I capolavori di Masaccio

Pur nella sua breve vita, Masaccio riuscì a rivoluzionare la pittura ponendo le premesse del Rinascimento. Fece enormi passi nello studio della prospettiva dipingendo in ... continua »

Giotto: le opere principali

Giotto di Bondone, forse diminutivo di Ambrogio o Angiolo, conosciuto semplicemente come Giotto (Vespignano, 1267 circa – Firenze, 8 gennaio 1337), è stato un pittore e ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.