10 consigli per imparare a scattare fotografie sott'acqua

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

L'estate è alle porte e tutti gli amanti del mare non vedono l'ora di fare ritorno in spiaggia! Un modo divertente e originale per rendere indimenticabile la vacanza è scattare delle suggestive foto sott'acqua. La fotografia subacquea ci permette di immortalare la flora e la fauna sottomarina che popola i fondali delle coste nostrane e straniere. Inoltre, ci regala momenti di gioia e spensieratezza da condividere con amici e parenti nelle limpide acque del mare. Scattare foto sott'acqua non è però fra le pratiche più semplici per i fotografi amatoriali. Chi finora ha scattato foto solo all'asciutto, dovrà imparare nuove tecniche e strategie per maneggiare una fotocamera subacquea. Ecco quindi qui di seguito 10 consigli e accorgimenti per imparare a scattare foto impeccabili sott'acqua. Seguendo questi trucchetti, e facendo esperienza, chiunque può diventare un vero professionista.

211

Approfittare della luce naturale

La luce è un elemento basilare per la buona riuscita di una foto, sia sulla terra ferma che sott'acqua. In prossimità dei fondali marini, però, l'illuminazione è ridotta dall'acqua, quindi è necessario approfittare delle occasioni che offrono condizioni di luce ottimali. I momenti migliori per eseguire scatti subacquei sono i pomeriggi sereni, in cui il sole è alto e brillante. Se invece la giornata è nuvolosa, l'acqua torbida e la luminosità naturale scarseggia, dovremo ricorrere a soluzioni artificiali alternative per non compromettere la qualità delle foto. Muniamoci quindi di flash subacqueo e non dimentichiamoci di attivarlo prima dello scatto.

311

Avvicinarsi al soggetto da fotografare

L'acqua è un filtro naturale che attenua la nitidezza, il colore e il contrasto delle foto, quindi per compensare è necessario avvicinarsi quanto più possibile al soggetto da immortalare, sia questo un pesce, un'alga o degli ammassi rocciosi. Si consiglia di posizionarsi a circa 50 centimetri dal soggetto per scatti ottimali, mettendosi all'altezza dell'animale e della pianta così da centrarlo nell'immagine e non rovinare la qualità con inquadrature troppo basse o troppo alte. Avvicinarsi permette di catturare dettagli di rara bellezza.

Continua la lettura
411

Eliminare oggetti penzolanti e distrazioni

Prima di avvicinarti al soggetto e scattare la foto, dobbiamo controllare che tutto il materiale sia al suo posto. Facciamo quindi attenzione che gli elementi flessibili, come torce, octopus e manometri, non penzolino davanti all'inquadratura, coprendo la visuale sul soggetto e rovinando l'immagine. Inoltre, per quanto possibile si dovranno limitare i movimenti, così da ridurre la produzione di bolle d'aria. Queste spaventano i pesci, quindi per evitare che scappino proprio al momento dello scatto si dovrà essere cauti nell'approccio.

511

Usare la modalità macro

La macro è una tecnica fotografica che riproduce in grande i piccoli dettagli catturati nel mirino della macchina fotografica, ed è utilizzata per scattare foto nitide da vicino. Usare questa modalità offre risultati gratificanti sott'acqua. Infatti, i piccoli particolari e i colori della fauna e della flora vengono esaltati, assumendo un aspetto brillante e limpido.

611

Usare una macchina fotografica compatta

Può sembrare assurdo, ma se si è principianti una macchina fotografica compatta fornisce risultati migliori rispetto alla reflex. Infatti, una fotocamera compatta permette di comporre l'immagine in maniera più semplice e veloce, facilitando il compito se già si ha difficoltà a concentrarsi sott'acqua. Lo schermo posteriore delle macchinette compatte permette di mirare in modo più preciso ed efficace rispetto a quello delle reflex, le quali di solito si affidano principalmente al mirino ottico integrato, di difficile utilizzo con l'ingombro di una tuta subacquea. Se si vuole proprio usare una reflex, meglio allora acquistare un mirino esterno. Inoltre, le fotocamere compatte offrono una migliore profondità di campo e una nitidezza più estesa in confronto all'obbiettivo delle macchine reflex.

711

Guardarsi bene attorno

La cattiva riuscita delle foto subacquee spesso non è legata tanto ai dettagli tecnici dell'inquadratura e della messa a fuoco, quanto a una scelta errata del soggetto. Colpiti dal magnifico paesaggio sottomarino, spesso tendiamo a farci prendere dall'emozione e immortaliamo i primi soggetti che capitano a tiro, senza fare caso ai dettagli davvero preziosi. Prendiamoci quindi il tempo per esplorare i fondali, guardarci attorno e scegliere i soggetti con attenzione prima di scattare le foto. Infatti, la fretta può impedirci di notare dei particolari degni di essere fotografati, come un blennio di piccole dimensioni o un bellissimo gruppo di anemoni.

811

Regolare la velocità di scatto

La velocità di scatto, modificabile attraverso l'impostazione M della fotocamera, permette di fissare il movimento di un pesce che si sposta o di un alga che ondeggia, oppure consente di creare suggestivi effetti sfocati. Per i soggetti statici fotografati con fish-eye, si suggerisce di impostare una velocità di 1/15 di secondo. In più, si può sfruttare il flash per fissare in modo naturale il movimento. Bisogna però tenere presente che la velocità influisce anche sulla luminosità e sul colore verde o blu dello sfondo, quindi è importante bilanciarla con attenzione in caso di luce intensa o controluce.

911

Impostare il diaframma

Le impostazioni del diaframma permettono di regolare il quantitativo di raggi solari che passano attraverso il sensore della macchina fotografica, e di conseguenza l'esposizione dell'immagine. Generalmente, un diaframma impostato su f5.6 è perfetto per la fotografia marina. Se la luce è intensa, possiamo però chiuderlo per ridurla, o viceversa. In particolare, l'apertura del diaframma è vincolata alla potenza del flash. Se questo è molto potente, e la sua intensità non è regolabile, si dovrà ridurre il diaframma fino a f8.

1011

Fare molti tentativi

La chiave per ottenere belle foto subacquee è avere pazienza. I primi tentativi possono essere fallimentari, ma continuando l'esercizio il risultato migliorerà nettamente. Si consiglia di provare e riprovare, senza farsi scoraggiare. All'inizio è meglio scegliere un soggetto statico, come una roccia o una pianta, per eseguire più scatti ripetuti e fare tentativi con impostazioni diverse. Muniamoci di una scheda di memoria sufficientemente grande e usiamola senza parsimonia, scattando il più possibile!

1111

Prendersi cura del materiale

Per avere buoni risultati di immagine, la fotocamera e gli altri strumenti devono essere in condizioni perfette. Sia che si utilizzi una macchina progettata specificamente per immersioni o una custodia protettiva, dobbiamo fare attenzione al sale marino. Questo si infiltra fra tutti pezzi metallici e i fra le molle dei pulsanti, creando uno strato che li rende inutilizzabili col passare del tempo. Si consiglia quindi si mettere a bagno in acqua dolce tutte le componenti dopo le immersioni per evitare che si rovinino e di risciacquarle abbondantemente. In una mezz'ora di risciacquo, tutto il sale si sarà sciolto. Prima di smontare i pezzi, premiamo accuratamente ogni pulsante per accertarsi che l'acqua sia uscita. Con questi accorgimenti, i materiali rimarranno perfetti per anni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

10 consigli per scattare fotografie alla luna

L'arte della fotografia non è una cosa per tutti: molti ritengono che basti saper cogliere l'essenza di alcuni momenti per immortalarli nel modo migliore ma non è sempre vero. Bisogna anche disporre di una dote innata, quella che permette ad una persona...
Arti Visive

10 consigli per scattare fotografie notturne

Se amate fare fotografie, sicuramente vi sarete cimentati qualche volta nelle foto notturne. Le foto dopo il calar del sole sono sicuramente le più difficili da eseguire, perché occorre trovare il giusto bilanciamento tra i punti in cui scarseggia la...
Arti Visive

10 consigli per scattare fotografie al mare

La spiaggia offre molteplici opportunità fotografiche, soprattutto se si osserva il paesaggio e lo spazio circostante con un occhio attento. Le onde del mare sul bagnasciuga, le orme sulla spiaggia, una sdraio o un ombrellone, una barca ormeggiata, soggetti...
Arti Visive

10 consigli per migliorare le vostre fotografie

Quando desiderate avviare un determinato progetto fotografico, dovrete necessariamente stabilire un insieme di scopi finali: il primo obiettivo è sicuramente quello di scattare delle fotografie ottimali in grado di riscuotere parecchio successo. Qualora...
Arti Visive

10 suggerimenti per le fotografie in spiaggia

Scattare fotografie è ormai un'attività quotidiana per tantissime persone. Il merito va certamente agli smartphone, la cui diffusione è in continua crescita. La fotografia è una forma d'espressione molto comune, specie tra i giovani. Ma ciò non significa...
Arti Visive

Come scattare foto durante un safari

Il termine "safari" corrisponde ad un'escursione naturalistica all'interno di parchi o riserve. Il suo obiettivo principale è quello di visionare e analizzare la fauna selvatica. Chi non dispone di elevate risorse economiche può così vivere un'esperienza...
Arti Visive

Come ridurre il rumore digitale nelle fotografie

Ecco una guida pratica, attraverso il cui aiuto concreto, poter imparare come e cosa far eper ridurre del tutto il rumore digitale nelle fotografie, che la propria macchina fotografica, produce nello scattarle. Sarà un modo per avere in mano una fotocamera...
Arti Visive

Fotografia subacquea: errori comuni da evitare

Quando arriva la bella stagione è normale scegliere di passare un po' di tempo in qualche località di mare per le vacanze, o comunque avventurarsi, durante i periodi di ferie e di tranquillità, al mare. Molti prediligono le immersioni subacquee perché...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.