10 motivi per leggere prima di dormire

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Molte persone negli ultimi anni hanno riscoperto il piacere della lettura. Sembrava aver subito un'importante battuta d'arresto, eppure sono sempre di più i lettori che dedicano alle pagine di un libro gran parte del loro tempo libero.
L'ampia offerta di canali televisivi, il proliferare nella rete di passatempi di ogni genere, le chat, i videogiochi dichiarano guerra al mondo della carta stampata, tuttavia esistono benefici che solo la lettura è in grado di assicurare. Sarebbe oltremodo difficile elencare le meraviglie e i vantaggi riservati ai lettori ma sarà sufficiente elencare quelli legati a un momento particolare della giornata: ecco i 10 motivi per leggere prima di dormire.

211

Ha un effetto rilassante

Leggere qualche pagina prima di spegnere la luce è più rilassante che bere una calda tisana. Le storie scritte suscitano l'immaginazione, comportano il doppio del lavoro mentale che occorre alla visione di un film. Quando si legge, ad esempio, di un personaggio che cammina tra le strade di una città fantasma, la mente costruisce quei luoghi con i mattoni della fantasia e questo lavoro, sebbene sia invisibile, necessita di tanta energia! Ecco perché, ad un certo punto, l'inchiostro nero sulla pagina inizia a sbiadire e si sente l'esigenza di dormire: ogni fabbro, imbianchino o architetto, a fine giornata, ha bisogno di riposare, non trovate?

311

Allontana i pensieri spiacevoli

Si sa, la notte spesso porta con sé uno stato malinconico, preoccupazioni che causano una veglia prolungata che si traduce in malessere per il giorno seguente. Tutti, almeno una volta, hanno avuto difficoltà ad addormentarsi a causa di pensieri spiacevoli ricorrenti, forse perché di notte ci si sente più vulnerabili.
La lettura in questo aiuta tantissimo: niente allontana le preoccupazioni meglio di una storia, soprattutto se risulta interessante a chi la legge. Prima di dormire occorre trattare sé stessi come un bimbo che va tranquillizzato e quale bambino non ha mai chiesto che gli si leggesse una favola prima della nanna?
L'iscrizione sulla porta della Biblioteca di Tebe, "Medicina per l’anima", non potrebbe essere più vera.

Continua la lettura
411

Aiuta la memoria

Avete mai notato che, quando leggete qualcosa prima di dormire, al mattino la ricordate meglio di quanto avreste immaginato? Questo accade perché durante il sonno il cervello rielabora e organizza le informazioni raccolte di giorno, "ricordando" in modo più nitido quelle recenti.
Insomma, ricordate meglio le cose che leggete prima di addormentarvi. Fate una prova con lo studio: per una volta lasciate perdere gli evidenziatori e le ripetizioni estenuanti ad alta voce, leggete qualche pagina durante le ultime ore della giornata. Se, appena svegli, sentite di ricordare parecchi particolari di quell'argomento che prima vi sembrava tanto ostico, valutate l'idea di adottare questa abitudine!

511

Tranquillizza i bambini

Come anticipato sopra, i bambini prima di dormire chiedono spesso una fiaba, una storia. Questo perché, per loro, la notte può diventare particolarmente stressante se non si addormentano serenamente. Un'avventura immaginaria nel mondo delle sue storie preferite infonde al bambino un senso di protezione e identificazione che gli da la sicurezza necessaria a riposare nella massima tranquillità!

611

Migliora il ritmo del sonno

In alcuni periodi dell'anno, specie quelli estivi, in cui il caldo non da tregua di notte, il normale ritmo sonno-veglia subisce degli stravolgimenti. Spesso si dorme poco di notte e al mattino risulta difficile sentire la sveglia, oppure si avverte un'insistente stanchezza durante le ore postprandiali.
Un libro forse non fa miracoli ma sicuramente aiuta ad equilibrare i ritmi di vita. Avere l'abitudine di leggere regolarmente di sera non solo rilassa il corpo, gli dà delle regole. Se ci si stanca dopo aver letto due pagine o tre capitoli, il corpo e la mente "sanno" che quello è il momento di abbandonarsi al riposo e, nel tempo, i ritmi di vita si regolarizzano notevolmente.

711

Riduce i risvegli notturni

Vi è mai capitato di svegliarvi durante la notte e di faticare a riaddormentarvi? Talvolta questo disturbo è dovuto ad ansia, stress e orari di sonno irregolari. La lettura serale, dato il suo naturale effetto rilassante, è sempre da preferire ad attività stressanti come lo studio o i lavori manuali. Queste, infatti, scuotono la mente e il corpo al punto da non lasciarli riposare come meritano; i videogiochi, ad esempio, stimolano notevolmente i riflessi e non aiutano il cervello a prepararsi al sonno. Per calare completamente il sipario sulla stanchezza di una giornata frenetica, niente, dunque, è meglio di un buon libro.

811

E' anti-social

La società di quest'epoca è totalmente assorbita dall'idea del social network come spettacolarizzazione degli aspetti più semplici della vita. Dalla mattina alla sera ci si ritrova a consultare smartphone, tablet e notebook, alla continua ricerca di un riscontro da parte della comunità virtuale. Questa smania, ovviamente, non fa bene al sonno, che invece necessita di abbandono fisico e spirituale. Il libro è anti-social perché è una delle attività più intime che si conoscono!
Tuttavia, non ci si sente mai soli in una storia, ci si circonda di personaggi forse più autentici di quelli del web.

911

Combatte la depressione

La depressione è il male del secolo e, sebbene affligga milioni di persone, spesso i suoi aspetti più profondi sono ancora un mistero per chi cerca di portarli a galla. In molti casi, la lettura si è imposta come un antidepressivo naturale che crea una sana dipendenza, soprattutto se destinata alle ore serali, in cui l'animo risulta più sensibile. Chi legge regolarmente vive infinite vite in infiniti mondi, sceglie cosa approfondire e cosa evitare, conosce un'infinità di personaggi diversi che hanno alle spalle storie incredibili o banali, partecipa a mille viaggi senza pagare alcun biglietto.
Insomma, la lettura fa sentire vivi e allontana, in tal modo, l'abisso della depressione, in agguato soprattutto quando cala il sole.

1011

Permette di ottimizzare il tempo

La maggior parte del tempo oggi a disposizione è destinato al lavoro, allo studio o agli impegni domestici. Lo spazio dedicato al piacere, insomma, è davvero esiguo e questo può causare stati di stress e nervosismo.
La lettura è forse il passatempo meno dispendioso in termini di tempo ed energie, in quanto si adatta perfettamente ad ogni momento della giornata. Leggere prima di dormire, dunque, permette di dedicare il tempo libero diurno ad altre attività, come sport, shopping e modellismo. In tal modo si fanno più cose e non si sacrifica nulla!

1111

Migliora l'umore

Per un lettore stressato leggere un buon libro a fine giornata è il miglior antidolorifico, soprattutto se ha appena finito di dedicarsi ad attività sfiancanti. Quando l'umore è pessimo, una lieta storia rallegra anche i più burberi.
Ritagliarsi un angolo di lettura quando cala la sera, non significa solo rilassarsi o aspettare l'arrivo della piena stanchezza: è, soprattutto, un regalo, una piccola gioia pienamente meritata!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Cinque libri per bambini che non sanno ancora leggere

Leggere per il proprio bambino è una fra le attività più intime e rassicuranti fra genitori e bimbi, nella quale si instaura un rapporto di complicità, oltre che educativo. Specialmente prima di andare a fare la nanna, è assolutamente consigliabile...
Letteratura

Come inventare una favola

Con i bambini piccoli capita sovente di inventare una favola. Sia per intrattenerli che per accompagnarli nel sonno. A volte sono i bambini stessi che richiedono una favola nuova o inventata. I bimbi hanno sempre bisogno di curiosità e notizie. Inventare...
Letteratura

10 trucchi per scrivere un racconto

Secondo alcuni autori, il racconto è una via di mezzo fra la novella breve e il romanzo. Un ibrido, insomma, che non avrebbe ragione di esistere. In realtà il racconto, breve o lungo che sia, è un ottimo mezzo di comunicazione e di espressione, in...
Letteratura

I 5 migliori libri di Bukowski

Scrittore reietto e dannato. Ha contribuito in modo importante alla letteratura del 900, con centinaia e centinai di materiale scritto. Con uno stile semplice e conciso Bukowski ci racconta la sua lotta costante con la vita e una società che non lascia...
Recitazione

Guida al teatro pirandelliano

Quando si parla di Luigi Pirandello ci si riferisce non solo alla sua attività di scrittore ma anche al suo impegno nei confronti dell'arte drammatica. In merito al teatro Pirandelliano dunque ci si rifà ad una serie di fasi le quali raggruppano sia...
Arti Visive

Guida alle opere di Dante Gabriel Rossetti

Pittore e poeta, Dante Gabriel Rossetti, è il padre fondatore del movimento preraffaellita ed un cardine del Simbolismo, invece, per quanto riguarda la pittura. Nel 1852, sposa nel Lizzie Siddal, ovvero, la sua musa ispiratrice. In Inghilterra, in particolare,...
Mostre e Musei

10 consigli utili per una visita a museo Vasa di Stoccolma

Stoccolma è una tra le città europee più visitate e amate, meta di tanti turisti tutto l'anno, nonché capitale della Svezia. Una città molto visitata per i numerosi luoghi di interesse. Numerosi edifici civili e storici oltre che religiosi quelli...
Letteratura

Alberto Bevilacqua: vita e opere

Catalogare un maestro del calibro di Alberto Bevilacqua è alquanto periglioso: si rischia di essere riduttivi. Noto a tutti come scrittore, è stato anche documentarista, sceneggiatore, regista, poeta, critico del costume, insomma quel che in altri termini...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.