10 regole per scrivere un testo teatrale

Tramite: O2O
Difficoltà: media
112

Introduzione

Quando ci si approccia alla scrittura, si sceglie di esprimere se stessi, riportando su carta i pensieri o le esperienze personali: in ambito teatrale, un buon testo deve necessariamente seguire alcune piccole linee guida per poter risultare interessante agli occhi dello spettatore e assumere un carattere di vera e propria opera d'arte.
Come la quasi totalità delle forme d'arte, anche la pièce teatrale necessita anzitutto di essere compresa: di conseguenza, essa dovrebbe contenere un messaggio che comunichi qualcosa, in modo da poter riscuotere successo tra il pubblico.
Nei seguenti passaggi di questa interessante e completa lista, pertanto, ci apprestiamo ad analizzare 10 regole per scrivere un testo teatrale che funzioni, qualora venisse presentato agli spettatori: seguendole in modo corretto, riuscirete sicuramente ad ottenere un risultato finale più che soddisfacente.

212

Raccogliere le idee per la trama

Ciascun testo teatrale che si rispetti altro non è che il racconto di una o più vicende: la trama rappresenta il cuore dell'intero progetto e, quindi, deve essere studiata in modo veramente accurato.
Prima di buttar giù qualche riga, è opportuno organizzare mentalmente una storia, raccogliendo tutte le idee necessarie a formare una trama abbastanza interessante e che non si riveli né noiosa né eccessivamente simile ad altre.

312

Trasformare le idee in testo

Quando si ha la certezza di aver creato un piano mentale della storia che si intende raccontare, è la volta della stesura: è importante cercare di scrivere una trama intera (preferibilmente non troppo lunga), dove siano ben evidenti l'inizio, la parte centrale e la fine.
Durante la seguente fase, non si deve aver fretta di aggiungere i dettagli, né ci si può soffermare eccessivamente su ognuno di essi.

Continua la lettura
412

Suddividere la trama in atti e scene

Se la trama riportata nero su bianco è completa, si può procedere alla creazione di una struttura composta da atti e scene: questa fase è piuttosto delicata, poiché richiede molte energie da spendere nell'intrappolare la storia in una gabbia immaginaria formata da 2/3 atti, ognuno dei quali contiene una serie di scene presentate in seguito sopra il palcoscenico.
Spesso, un testo teatrale tende ad escludere vincoli così rigidi ma, senza un'organizzazione di questo genere, il pubblico assisterebbe ad un resoconto particolarmente dispersivo di un insieme di vicende che sembrerebbero non avere un filo logico.

512

Stilare un elenco dei personaggi

Subito dopo aver indirizzato la trama verso un percorso logico suddiviso in atti, è necessario trascrivere la lista dei personaggi coinvolti nella vicenda che si desidera mettere in scena.
È consigliabile non eccedere con la quantità di personaggi attorno cui ruota la storia, in quanto si porterebbe il pubblico a fare fatica nel ricordare diversi nomi e associarvi un ruolo all'interno della pièce: la maniera ottimale per non distogliere l'attenzione dello spettatore è quella di scegliere un numero basso di personaggi e affidargli nomi semplici da memorizzare.

612

Organizzare attentamente i dialoghi

Ogni singolo personaggio presente in un testo teatrale ha ovviamente bisogno di seguire un copione fatto di battute, azioni e pause: durante una rappresentazione, i dialoghi svolgono un ruolo molto importante, poiché consentono agli spettatori di capire quali sono le relazioni intercorrenti tra i vari protagonisti, nonché di comprendere in quale direzione sta andando la storia.
La stesura dei dialoghi è un'operazione piuttosto complicata, dove va curato ciascun dettaglio: inoltre, essi devono risultare credibili, non cadere nella banalità ed essere fedeli ad un classico dialogo che potrebbero avere nella realtà due o più individui.

712

Prestare attenzione ai tempi

Il teatro differisce molto dal cinema, per il fatto che racconta una storia in tempo reale ed è privo di scene tagliate o aggiuntive: un film può solitamente avere una durata di 120 minuti, mentre un'opera teatrale deve rispettare tempi più brevi, per non cadere nel tedio e nell'eccessiva artificiosità.
Normalmente, una vicenda che si svolge in tempo reale dura massimo 20 minuti e sul palcoscenico questa tempistica va riprodotta il più fedelmente possibile: dunque, quando si scrive un testo teatrale, bisogna inquadrarlo in intervalli temporali adeguati alla messa in scena a teatro.

812

Ritmare le battute in modo adeguato

Non basta scegliere un gruppo di personaggi e affidargli una serie di battute ciascuno: per far funzionare un testo teatrale, bisogna organizzare adeguatamente il ritmo dei dialoghi, cercando di dare a tutti gli attori l'esatto spazio all'interno della rappresentazione.
Ciò significa che un buon intreccio di battute pronunciate da svariati personaggi conferisce alla trama un andamento regolare privo di punti morti (dove il silenzio la fa da padrone) oppure un personaggio porta avanti il suo monologo per un intero atto.

912

Raccontare gli effetti di un fatto, non il fatto in sé

Quando si scrive un testo teatrale, l'ultima cosa da fare è raccontare un antefatto: si deve invece rappresentare un insieme di vicende postume a quell'avvenimento, spiegando come si è arrivati ad una certa situazione e quali reazioni ha avuto ogni personaggio nei riguardi del fatto scatenante sul quale è basato il racconto da mettere in scena.
Questa regola è forse la più rigida in assoluto da rispettare ed è applicabile al teatro quanto al cinema: di conseguenza, al momento della stesura, occorre pensare ad un motivo scatenante che ha portato a raccontare cosa sia successo dopo e partire da lì con la rappresentazione.

1012

Correggere i difetti

Un testo teatrale non è sempre perfetto dopo la stesura iniziale e, infatti, necessita di un'attenta revisione: questa operazione consente all'autore di capire se ci sono punti che zoppicano all'interno della trama, si è scritto eccessivamente oppure è necessario aggiungere ulteriori elementi che vadano ad arricchire un racconto scarno e privo di colpi di scena. Una corretta revisione comporta la rilettura dell'intero copione e, pertanto, si tratta di un compito che richiede molta pazienza e concentrazione.

1112

Sottoporre il testo ad una persona fidata

La vox populi è quello che di più importante possa esistere per sancire la buona riuscita di un testo teatrale: facendolo leggere a qualcuno di cui ci si fida e che sia obiettivo nel suo giudizio, si riesce a comprendere meglio se è arrivato il momento della messa in scena oppure se si deve rifinire ulteriormente il proprio lavoro. Nella seguente fase, bisogna fare tesoro delle critiche, in quanto esse provengono dai potenziali spettatori e si rivelano veramente utili ai fini della buona riuscita di un progetto teatrale in cui si crede fermamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Come analizzare un testo teatrale

Il testo teatrale si distingue dal testo narrativo sostanzialmente perché nasce per essere interpretato sul palco e, soprattutto, per essere reinterpretato più volte. La sua fissità, quindi, è liquida, benché non si cambi una sola virgola del testo,...
Recitazione

Come scrivere un monologo per un'opera teatrale

Scrivere un monologo per un'opera teatrale è la prova più dura per un autore teatrale. Il monologo è un lungo discorso monovoce in cui si descrivono emozioni come sentimenti del personaggio. Importante è utilizzare uno stile espressivo per non annoiare...
Recitazione

Regole di regia di uno spettacolo teatrale

Quello del teatro è un mondo davvero affascinante, che può regalare grandissime soddisfazioni sia a livello professionistico che a livello amatoriale. Se vi sentite portati per questo mondo e avete anche grandi doti organizzative, probabilmente il ruolo...
Recitazione

Come recensire uno spettacolo teatrale

Se stai per assistere ad uno show che dovrai raccontare nei dettagli ad un amico che non potrà partecipare, oppure devi scrivere un articolo per recensire professionalmente uno spettacolo teatrale, ecco una guida che potrà aiutarti nella stesura della...
Recitazione

Come organizzare una rappresentazione teatrale

La rappresentazione può essere di diversi generi, per esempio quello della drammaturgia, formata da un testo improvvisato o scritto, o ancora musical, costituito dalla recitazione, musica, canto e danza; o infine il genere teatro- danza, non è da confondersi...
Recitazione

10 consigli per la recitazione teatrale

Quando si assiste ad una rappresentazione teatrale, talvolta si può pensare che la recitazione in fondo non sia un'arte così difficoltosa. In realtà è una considerazione ingannevole; tutti possono imparare a memoria un testo, in un modo o nell'altro,...
Recitazione

Guida alle tecniche di trucco teatrale

Il trucco teatrale è abbastanza diverso dal trucco che utilizziamo nella quotidianità in quanto oltre ad utilizzare materiali leggermente differenti, ha anche uno scopo completamente opposto. Mentre il trucco quotidiano serve a nascondere i difetti...
Recitazione

Recitazione: tecniche di improvvisazione teatrale

Qualora foste interessati al teatro e vorreste provare a cimentarvi con copioni e palcoscenico, sappiate che la recitazione non si basa soltanto su un testo prestabilito, chiamato appunto copione. Esistono, infatti, tutta una serie di tecniche di recitazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.