5 curiosità su "La Venere" di Botticelli

Tramite: O2O 25/06/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il nome completo di questo dipinto è "La Nascita di Venere". Si tratta di un'opera spettacolare, realizzata da Sandro Botticelli, tra il 1482 e il 1485. È un dipinto su tela di lino, abbastanza inusuale per quei tempi, con colori a tempera e polvere di alabastro e fu realizzato su commissione per l'illustre e potente famiglia de? Medici, allora indiscussa padrona di Firenze. Oggi il dipinto è conservato della Galleria degli Uffici, proprio a Firenze. Come il nome fa intuire, il dipinto rappresenta la nascita di Venere, dea della bellezza e dell'amore, dalle acque del mare. Ma sappiamo davvero tutto di questa tela? Ci sono piccoli dettagli, curiosità, su questo dipinto che molto probabilmente a scuola, o all'università, non ci hanno insegnato. Andiamo a vedere i 5 più significativi e curiosi.

27

Il polmone nascosto

Il primo particolare degno di nota è il "polmone nascosto". Pare, infatti, che sotto il mantello che viene tenuto dalla dea della primavera (una delle Ore che rappresentavano le stagioni), si nasconda proprio un polmone umano, precisamente il destro. Questa teoria è stata portata avanti da un esperto del settore, il chirurgo plastico italiano Davide Lazzeri, appassionato e studioso della medicina nell'arte. Secondo la filosofia neoplatonica, molto apprezzata a quei tempi soprattutto dalla famiglia dei Medici, il polmone rappresenta proprio il soffio vitale, quello che avrebbe, quindi, dato la vita alla bellissima Venere.

37

La bella Simonetta

Il dipinto, commissionato da Giuliano di Piero de' Medici, ritrae non una qualsiasi donzella di fantasia, ma una certa Simonetta Vespucci, di cui lo stesso Giuliano de'Medici era follemente innamorato. Si dice che il loro amore fosse stato davvero grande, tanto da crearvi intorno miti e leggende. Altre dicerie, invece, raccontano che fosse lo stesso Botticelli ad essersi invaghito della bella modella, che posò anche per altri artisti ed era molto apprezzata, non solo per la propria bellezza, ma anche per le sue doti culturali ed intellettive. Molte donne ritratte dal Botticelli, infatti, sembrano somigliare tutte alla stessa fisionomia, quella di Simonetta Vespucci.

Continua la lettura
47

La visione religiosa

La versione più accreditata, riguardante il significato allegorico dell'opera, pare sia quella della nascita di una nuova visione filosofica della vita e dell'arte (Venere), grazie anche all'opera fiorente dell'Accademia Fiorentina del tempo, quindi dell'Umanesimo che prende il posto dell'oscuro Medioevo. Tuttavia, c'è chi ha visto in questo dipinto un significato molto più religioso, quasi mistico, dove Venere rappresenterebbe l'anima che rinasce e si santifica dopo il bagno nell'acqua battesimale, dove anche la sua nudità richiamerebbe similitudini con la visione cristiana del battesimo di Cristo.

57

La Venere numismatica

Forse non ci avrete mai fatto caso, ma sulla moneta italiana da dieci centesimi di Euro, è raffigurato proprio il volto della bella Venere, così come l'ha dipinta Botticelli all'epoca, ovviamente stilizzata per meglio prestarsi alla versione "numismatica". Questa rappresentazione resta unica, fin dal 2002, e non è mai stata sostituita nel corso degli anni. Sarà riuscito il nostro Botticelli a reggere il confronto con i corrispondenti Rigas Feraios, per la monetina greca, e Miguel de Cervantes, per quella spagnola? Noi siamo sicuri di sì!

67

La conchiglia trasportatrice

Sebbene il titolo dell'opera sia "La Nascita di Venere", la Venere qui ritratta non è proprio nata in quell'istante. Infatti, secondo la mitologia classica, la dea avrebbe dovuto nascere dalle onde del mare spumeggiante, mentre nel dipinto appare in piedi all'interno di una grossa conchiglia. La Venere è sì nuda e con i lunghi capelli dorati al vento, ma della spuma che le diede la vita neanche l'ombra. La spiegazione è presto detta: nel suo quadro, Botticelli raffigura la bella dea solo al momento del suo arrivo a Cipro, trasportata dolcemente da una grande conchiglia, dove trova l?Ora della primavera, custode dell'Olimpo, pronta a porgerle un mantello per coprire le sue nudità. Pensavate forse che, una volta sorta dalle acque, la bella Venere avrebbe nuotato fino a riva?

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Le migliori grapic novel di tutti i tempi

Il termine "graphic novel" serve ad indicare un genere narrativo molto peculiare, in quanto si può definire in parte romanzo e in parte fumetto. Si tratta infatti di tavole illustrate con un'evoluzione narrativa che li rende simili a "romanzi per immagini"....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.