5 elementi architettonici dello stile Gotico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'arte gotica nacque nella Francia settentrionale intorno alla metà del XII secolo, mentre in Italia si diffuse soltanto a partire dal XIII secolo. Il gotico fu lo stile dominante in tutta Europa nel Duecento e nel Trecento: la principale caratteristica dell'architettura gotica consiste nell'accentuato verticalismo di tutte le sue componenti, strutturali e decorative. In questa breve guida illustreremo i 5 elementi architettonici principali di questo affascinante stile.

26

Volta a crociera

La cattedrale gotica si presenta come un organismo complesso ed articolato: gli elementi che la compongono, infatti, svolgono una funzione strutturale anche quando sembrano semplicemente ornamentali. Ne è un esempio la volta a crociera, che nasce dall'intersezione di due volte a botte - estensione longitudinale dell'arco - perpendicolari fra loro. La volta a crociera, oltre ad essere esteticamente di impatto, ha il compito di scaricare il peso della struttura sui pilastri attraverso i costoloni.

36

Arco rampante

All'esterno, la cattedrale, nonostante la sua imponenza, appare alleggerita dal peso della materia grazie alla presenza di numerose torri, guglie e pinnacoli che ne accentuano il verticalismo. Lungo i lati dell'edificio, sopra le navate laterali, si innalzano gli archi rampanti: questi particolari archi asimmetrici hanno la funzione di scaricare lungo il perimetro della struttura le spinte orizzontali delle volte e degli archi ogivali.

Continua la lettura
46

Arco a sesto acuto

L'arco a sesto acuto è tipico dello stile gotico europeo, anche se era già ampiamente utilizzato nell'antecedente arte islamica. Questa tipologia di arco è determinata dall'intersezione di due archi di circonferenza, con centri più o meno distanti, posti sul piano di imposta. Detto anche arco ogivale, presenta nel suo centro un angolo che, sfruttando la verticalizzazione delle due estremità dell'arco, si appresta all'apertura di grandi vetrate.

56

Costoloni e campate

In genere la chiesa è sostenuta da pilastri a fascio, composti da una colonna sul cui perimetro sono addossate colonnine: queste proseguono negli archi e nelle volte, dove diventano costoloni. Il costolone (detto anche ogiva) costituisce quindi la struttura di una volta o di una cupola, di cui suddivide la superficie, convogliando le spinte ai pilastri di sostegno. La campata è uno spazio rettangolare, o quadrangolare, delimitato da quattro piedritti che sostengono la volta.

66

Vetrate

Nell'architettura gotica assumono grande importanza le vetrate, che permettono alla luce esterna di filtrare all'interno di chiese e cattedrali determinando effetti cromatici irreali. Le vetrate sono poste lungo tutto il perimetro delle chiese e assumono particolare evidenza nella zona absidale: i raggi solari che penetrano dal rosone (ampio finestrone circolare posto al centro della facciata principale) illuminando l'altare, diventano quindi il simbolo della luce divina che illumina la sua "casa", in contrapposizione alle murature continue delle vecchie chiese romaniche.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come riconoscere gli ordini architettonici

L'architettura costituisce senza dubbio una delle materie più interessanti ed affascinanti che esistano al mondo. Tuttavia essa a volte risulta essere piuttosto complicata e non tutti riescono a comprenderla. La prima cosa di cui bisogna avere senz'altro...
Arti Visive

Breve guida sull'architettura gotica

L'arte e l'architettura di stile gotico si sono diffusi nel continente europeo all'incirca a partire dalla metà del 1100. In tale periodo storico le popolazioni europee hanno avuto notevoli mutamenti sociali ed economici, con la decadenza della nobiltà...
Arti Visive

Come disegnare gli elementi del viso

Il volto è la parte che maggiormente caratterizza un individuo. È per questo aspetto unico ed interessante che il viso è anche il soggetto più rappresentato nei disegni. A tutt'oggi, saper riprodurre fedelmente un volto costituisce una fonte di guadagno...
Arti Visive

Linearismo: storia, stile e maggiori esponenti

Il Linearismo è uno stile artistico, sviluppatosi in Italia agli inizi del 1400. Trae il nome dall'importanza attribuita alla linea rispetto al colore. Nelle arti pittoriche, si sottolinea la netta dominanza della forma. Questo va a scapito della profondità,...
Arti Visive

Arte Nouveau: storia, stile e maggiori esponenti

L'Arte "Nouveau" si colloca tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900 in Europa. Essa si riferisce alle arti figurative, ma anche a quelle applicate e all'architettura. In poco tempo si diffonde in vari paesi, assumendo simili caratteristiche e connotati,...
Arti Visive

Come disegnare un volto in stile manga

I manga sono dei fumetti originari del Giappone. Negli ultimi anni sono diventati notevolmente famosi anche in Occidente. Grazie anche ai cartoni animati trasmessi quotidianamente in televisione, questo stile rappresenta una vera e propria moda. Molti...
Arti Visive

Arte classica: storia, stile e maggiori esponenti

L' arte classica è una corrente che da sempre ha affascinato molti, simbolo di artisti che hanno espresso al meglio il proprio talento attraverso scultura, dipinti, architettura... Si delinea una corrente di tipo naturalistico/realistico, l'obbiettivo...
Arti Visive

Come disegnare un anziano in stile manga

Imparare a disegnare è un lavoro che richiede tempo e studio, infatti, l'arte del disegno segue delle specifiche regole grafiche che non ammettono errori, per gli appassionati ci sono corsi adatti oppure percorsi formativi scolastici con ampi sbocchi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.