Appunti di tecnica cinematografica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La nascita del primo cinematografico alla fine dell'ottocento, ha notevoltemente rivoluzionato la vita quotidiana delle famiglie fino ad arrivare ai giorni nostri con sistemi tecnologici modernissimi che proiettano immagini continue nello schermo. La scoperta cinematografica, ha dunque creato un nuovo mondo di comunicazione che oggi rappresenta il modo più gettonato per apprendere notizie, divertirsi e trascorrere alcune ore della giornata all'insegna del massimo relax. Nel corso degli anni, la tecnica utilizzata, è stata enormemente migliorata e perfezionata divenendo sempre più innovativa. Nelle guida che segue, ci occuperemo di fornire una serie di appunti che trattano l'argomento in modo da comprendere come funziona il mondo cinematografico.

25

Il fotogramma

La struttura dell'inquadratura parte dal fotogramma. Questo, non è percepito come singolo elemento ma viene inserito nel flusso d'immagini. Una serie di fotogrammi invece, sono invece percepibili a livello cosciente e sono definiti fotogrammi-piano. Il piano è l'inquadratura, ed escludendo il frammento-fotogramma, l'unità di base del cinema è determinato dalla posizione della macchina da presa in relazione al soggetto rappresentato, dalla loro distanza e dal tipo di obiettivo utilizzato.

35

Il campo ed il fuori campo

Lo spazio cinematografico, è sostanzialmente diviso in due parti: il campo ed il fuori campo. Per il primo si intende lo spazio visibile, in altri termini, ciò che il regista decide di mostrare, mentre per il fuori campo, si identifica lo spazio invisibile che esiste comunque al di là della cornice dell'inquadratura. Questi sono strettamente legati da un rapporto di reversibilità, e sono messi in relazione da alcune forme linguistiche: dalle entrate e dalle uscite dei personaggi, dagli sguardi, dalle parole e dai gesti che un personaggio in campo rivolge verso il fuori campo, da un suono proveniente da un fuori campo ma presente nello spazio.

Continua la lettura
45

I movimenti di macchina

Quando parliamo di tecnica cinematografica, è importante distinguere due movimenti di macchina principali. Quando la macchina da presa, ruota sul proprio asse, parleremo di panoramica. Questa può essere orizzontale, verticale o diagonale o a 360 gradi. La macchina da presa inoltre, può essere montata su un carrello e fatta scorrere su dei binari, in questo caso, l'inquadratura che ne deriva, si basa sulla carrellata: in avanti, ingrandendo gradualmente gli elementi ripresi, indietro, rimpicciolendoli, a precedere o a seguire, anticipando o seguendo il movimento del soggetto ripreso, laterale o trasversale, se accompagna parallelamente o obliquamente il movimento del soggetto ripreso, e infine circolare, quando la macchina da presa fa un giro completo intorno ad un soggetto.

55

Conclusioni

È infine importante sottolineare, che il mondo cinematografico è veramente molto vasto e le tecniche utilizzate sono numerose. Gli appunti riportati su questa guida, hanno come scopo finale quello di fornire un infarinatura di cultura generale sull'argomento che però, merita senza dubbio di essere approfondita!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Il cinema dei fratelli Lumière

I fratelli Louis-Jean e August-Marius Lumière, nacquero a Besançon rispettivamente nel 1864 e 1862, da padre fabbricante di lastre fotografiche, grazie al loro "Cinematrographe", sono i precursori del sistema cinematografico. Dopo aver prodotto e proiettato...
Recitazione

Come diventare attore cinematografico

Se abbiamo una spiccata passione per il cinema ed il nostro desiderio è di recitare, quindi diventare un attore cinematografico, il sogno può realizzarsi, seguendo però delle linee guida ben precise, tendenti a frequentare dei corsi specifici, istituiti...
Recitazione

Il cinema di Vittorio De Sica

Vittorio Domenico Stanislao Gaetano Sorano De Sica, più conosciuto semplicemente come Vittorio De Sica, è stato uno degli esponenti più importanti del cinema neorealista italiano. Indimenticabile per le sue qualità attoriali, De Sica è stato il regista...
Recitazione

Esercizi di recitazione cinematografica

La recitazione nel cinema e quindi cinematografica, è un'arte che deve essere il più possibile spontanea e naturale; il pubblico infatti, deve essere pienamente catturato dalla scena che sta guardando e "dimenticarsi" che i protagonisti, gli attori,...
Letteratura

Il Neorealismo: letteratura e cinema

Il Neorealismo è stato un movimento letterario e cinematografico che si è diffuso In Italia, precisamente agli inizi degli anni Quaranta, subito dopo la Guerra Mondiale. Questo movimento si è diffuso per poco tempo, ma ha presentato una grandissima...
Arti Visive

Il cinema di Hayao Miyazaki

Tra i volti più celebri del panorama cinematografico giapponese, spicca sicuramente Hayao Miyazaki, nato a Tokyo nel 1941. Regista, sceneggiatore e fumettista di fama internazionale, ha ottenuto un successo notevole anche nel nostro Paese quando al cinema...
Recitazione

Guida al cinema di Tarantino

Quentin Tarantino, regista fra i più importanti e discussi del cinema mondiale, non ha mai studiato cinema. Non l'ha mai fatto in senso tradizionale, non ha frequentato scuole. Ha studiato recitazione e ha lavorato nella videoteca del suo paese, integrando...
Recitazione

10 buoni motivi per andare al cinema

Nonostante film di qualità pregevole sia italiani che esteri, sembra che il cinema non sia in buonissima salute: le sale spesso restano vuote e molte di esse hanno addirittura chiuso anche nelle grandi città. Sono state fatte diverse iniziative importanti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.