Appunti sul teatro elisabettiano

Tramite: O2O 02/05/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando si parla di età elisabettiana, si fa riferimento al periodo che va dalla seconda metà del '500 all'inizio del '600. Questi anni, per la maggior parte, sono trascorsi sotto il regno di Regina Elisabetta. In ogni caso, anche successivamente alla morte della celebre regnante, questi anni rappresentarono un momento storico che fu teatro di una crescita del nuovo Umanesimo. La riforma della religione aveva portato con sè nuove idee, priorità ed interessi, e, soprattutto, nacque un interesse per il teatro come mai prima di allora. Furono due i personaggi a cui fu riconosciuta l' influenza esercitata sul mondo del teatro: la regina Elisabetta che, ovviamente, esercitando una massima autorità, poteva esercitare cambiamenti a qualsiasi contenuto teatrale, ed il più grande drammaturgo di tutti i tempi, ossia William Shakespeare (1564-1616 d. C.). Dopo una breve illustrazione del periodo storico di riferimento, è ora di approfondire maggiormente le informazioni sul teatro elisabettiano con questi appunti.

25

Valori laici.

Il contenuti teatrali divennero molto più vari e "liberi": infatti, se fino a quel momento i temi trattati nel teatro erano solo religiosi, adesso questi stessi acquisivano un significato che procedeva sempre più verso il laico. Riferendosi a ciò, è importante ricordare che l'ostilità del mondo protestante fece sì che a poco a poco vennero abbandonati quasi del tutto i temi religiosi. Il primo dramma inglese del periodo elisabettiano fu scritto da John Bale, con il titolo "King Johan" ed in questo il Re Giovanni (XIII sec d. C.) per trasposizione riprende i connotati di Enrico VIII (padre di Elizabeth e responsabile dell'omonima riforma), nella sua volontà di separare l'Inghilterra da Roma, perché profondamente ostile alla chiesa cattolica. Nell'étà di Elisabetta, le idee di Enrico VIII furono tenute sempre in considerazione e, infatti, si misero in risalto l'Inghilterra e le sue origini nobili, in modo da allontanarla sempre più dal sistema di valori di Roma.

35

Teatri all'aperto.

Nel 1575, a Londra si elaborò un codice per gli attori, ma questa decisione non fu apprezzata dalla maggior parte degli artisti, tanto che molti decisero di ritirarsi fuori città pur di boicottarla. Questo favorì negli anni successivi la fioritura di teatri all'aperto: dal Theatre nel 1576, al Rose nel 1587, fino al Globe Theatre costruito nel 1599. La pianta dei teatri elisabettiani era rotonda oppure ottagonale, ed avevano una capienza di 2500 persone che si distribuivano a seconda della classe sociale ed economica cui appartenevano. I costumi di scena specie nelle opere di Shakespeare, erano molto elaborati e generosi, ed erano utilizzati trucchi scenici per simulare effetti speciali durante le rappresentazioni teatrali.

Continua la lettura
45

Teatri al coperto.

Verso la fine del '500, nacquero così i teatri al coperto, dotati di un sistema di illuminazione a candele e dotati di trucchi scenici per simulare effetti speciali da adoperare durante le rappresentazioni. Questi teatri erano molto più piccoli di quelli all'aperto, infatti, non avendo molti posti disponibili, erano riservati a coloro i quali facevano parte di un'elevata classe sociale.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

Come scrivere una sceneggiatura teatrale

Molti studiosi ritengono che il teatro abbia origini antichissime. Quest'arte ha origine nell'Età Primitiva, ma la prima vera rappresentazione teatrale viene comunque attribuita ai Greci. Dai resoconti storici emerge che nel V secolo a.C. Eschilo,...
Letteratura

Le 10 più belle commedie di Moliere

Jean-Baptiste Poquelin nacque a Parigi il 15 gennaio del 1622. Come artista, assunse lo pseudonimo di Moliere. La sua arte si manifestò soprattutto con l'attività di scrittore di belle commedie, per le quali è famoso in tutto il mondo. Ma fu anche...
Letteratura

Come analizzare Enrico IV di Luigi Pirandello

Enrico IV è una tragedia in tre atti. Scritta nel 1921 e rappresentata per la prima volta il 24 febbraio 1922 al Teatro Manzoni di Milano, può essere considerata uno dei capolavori teatrali di Luigi Pirandello. Se si analizza con attenzione l’opera...
Letteratura

La drammaturgia: tecniche di scrittura

Il termine "drammaturgia", deriva dal greco antico, ed è composto dalle parole "agire" e "opera", quindi indica l'atto di scrivere per il teatro. Tuttavia, nel corso dei secoli, il termine ha assunto un significato più ampio, andando a comprendere...
Letteratura

10 libri sulla scrittura creativa

Se avete del tempo libero e volete trovare un nuovo hobby, oppure se siete degli aspiranti scrittori ma non sapete come iniziare a scrivere il vostro romanzo, quello che fa per voi è la scrittura creativa. Questa è un genere di scrittura non professionale,...
Letteratura

Mitologia greca: Demetra

Demetra è il nome che nella mitologia greca è stato attribuito all'omonima dea dell'agricoltura figlia delle divinità Croni e Rea rispettivamente sorella e consorte di Zeus (il re degli dei). Il suo nome viene raramente menzionato da Omero né...
Letteratura

5 opere di Dino Buzzati

Dino Buzzati (1906-1972), scrittore milanese, ha lavorato per tutta la vita al Corriere della Sera ma si è occupato di teatro, scenografia, pittura e molto altro, caratterizzandosi come un artista estremamente poliedrico. La produzione letteraria di...
Letteratura

I migliori romanzi di Carrisi

Nel palcoscenico degli scrittori e autori contemporanei, Donato Carrisi è senza dubbio uno di quelli di maggior spicco. La sua carriera di scrittore inizia molto presto, a meno di vent'anni, a teatro, per poi passare all'editoria. Recentemente Carrisi...