Architettura: i principali esponenti del razionalismo italiano

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La corrente architettonica del razionalismo si sviluppò in Italia tra gli anni venti e gli anni trenta del ventesimo secolo. Tale movimento nacque dall'idea di un gruppo di architetti: Luigi Figini, Gino Pollini, Ubaldo Castagnoli, Guido Frette, Carlo Rava e Giuseppe Terragni. Queste sette illustri architetti costituirono il ''Gruppo sette'' e nel 1930 diedero forma al Movimento Italiano per l'Architettura Razionale. Il gruppo sette, proprio durante il periodo fascista, divulgò i suoi principi razionalisti sulla rivista ''Rassegna Italiana''. Verranno pubblicati quattro articoli in cui si propone un'architettura logica e razionale. Per gli amanti dell'architettura, nella guida che segue, metteremo in evidenza i principali esponenti del razionalismo italiano.

27

Occorrente

  • testo: Il razionalismo Italiano
37

Giuseppe Terragni

Definito come il più sensibile dei razionalisti italiani, e ricordato per la realizzazione di un'immobile in cui si tende a dare particolare importanza agli angoli che prende il nome di Novocomnm, Giuseppe Terragni fa parte sicuramente dei maggiori esponenti del razionalismo italiano. La pianta dell'edificio è a ''C'' ed è molto semplice notare come gli angoli sono ben rifiniti tanto da generare uno slittamento di masse che s'intrecciano con le scale vetrate che fanno da appoggio all'ultimo piano a forma di angolo retto. Inoltre, realizzata sempre dallo stesso artista, merita ricordare "La casa del Fascio a Como", definita l'opera rappresentante il Manifesto Razionalista.

47

Raga e Larco

Tra i maggiori esponenti della corrente architettonica, Larco e Rava sono sicuramente due architetti di grande rilievo. Essi, hanno dato vita a "La Casa Solari", immobile costruito a Santa Margherta Ligure. Inoltre, i due progettarono anche "Una villa in collina a Rapallo" e "la villa di San Michele di Pagana" in quest'ultima ci sono riferimenti al mondo marino.

Continua la lettura
57

Fingi e Pollini

In fine, ma sicuramente non in termine di importanza, Figni e Pollini sono altri due esponenti del razionalismo italiano. Essi progettano "Nuove officine Olivetti". Il lavoro avviene dopo l'incontro con l'industriale Olivetti. Ad Ivrea costruiranno anche un'asilo nido e una serie di villetta a schiera in mattone e cemento armato che diventeranno gli alloggi per i lavoratori.
Libera, invece, realizza la villa Malaparte a Capri, la cattedrale di Spezia, il quartiere degli atleti.

67

Conclusione

Gli esponenti di tale corrente architettonica, sono veramente tanti, ma in questa breve guida abbiamo nominato sicuramente quelli che hanno riscontrato maggiore successo dalle loro opere realizzate che ancora oggi suscitano un grande interesse per gli amanti della materia.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Approfondire l'arte darà una marcia in più nel capire l'evoluzione urbanistica dell'Italia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Arte classica: storia, stile e maggiori esponenti

L' arte classica è una corrente che da sempre ha affascinato molti, simbolo di artisti che hanno espresso al meglio il proprio talento attraverso scultura, dipinti, architettura... Si delinea una corrente di tipo naturalistico/realistico, l'obbiettivo...
Arti Visive

Architettura: i principali esponenti del 700

Il Settecento fu un secolo caratterizzato da una grande alternanza di stili architettonici. Nei primi anni, infatti, era ancora in voga il Barocco, lo stile che aveva dominato il secolo precedente, che poi si evolse nel Rococò. Dalla seconda metà del...
Letteratura

Arte: i principali esponenti del neoclassicismo

Barocco e Rococò sono due correnti artistiche caratterizzate dallo sfarzo, dal lusso e dall'esagerazione. Il XVII secolo, infatti, fu oberato proprio da questo stile fantasioso, bizzarro e potente, il quale andò a scatenare, tra la seconda metà del...
Arti Visive

Barocco: storia, stile e maggiori esponenti

La parola "barocco" definisce lo stile che predominò la cultura e l'arte del diciassettesimo secolo. Questo termine iniziò ad usarsi a partire dal XVIII secolo. Ma spesso soltanto negativamente, per indicare la pochezza di spirito, la leziosità e la...
Arti Visive

Simbolismo in arte: correnti e caratteristiche

Il termine Simbolismo sta a indicare un movimento culturale originatosi in Francia alla fine del XIX secolo. Questa corrente artistica interessa soprattutto il campo della letteratura, i cui principali esponenti sono Rimbaud, Verlaine, Baudelaire, per...
Arti Visive

Linearismo: storia, stile e maggiori esponenti

Il Linearismo è uno stile artistico, sviluppatosi in Italia agli inizi del 1400. Trae il nome dall'importanza attribuita alla linea rispetto al colore. Nelle arti pittoriche, si sottolinea la netta dominanza della forma. Questo va a scapito della profondità,...
Arti Visive

Arte Nouveau: storia, stile e maggiori esponenti

L'Arte "Nouveau" si colloca tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900 in Europa. Essa si riferisce alle arti figurative, ma anche a quelle applicate e all'architettura. In poco tempo si diffonde in vari paesi, assumendo simili caratteristiche e connotati,...
Arti Visive

Arte: i principali esponenti del futurismo

Il futurismo, nasce in un periodo di grande fase evolutiva dove tutto il mondo dell'arte era stimolato da tanti fattori determinanti, principalmente: le guerre, la grande trasformazione sociale dei popoli, i grandi mutamenti politici, le nuove scoperte...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.