Arte: i principali esponenti del futurismo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il futurismo, nasce in un periodo di grande fase evolutiva dove tutto il mondo dell'arte era stimolato da tanti fattori determinanti, principalmente: le guerre, la grande trasformazione sociale dei popoli, i grandi mutamenti politici, le nuove scoperte tecnologiche di comunicazione (importante ricordare il telegrafo senza fili, la radio e gli aeroplani). Questi ultimi modificarono radicalmente la percezione delle distanze e del tempo. Questo è lo scenario, sinteticamente descritto, a cui il XX secolo si accingeva. In questo scenario, il 20 febbraio del 1909, il poeta ed editore Filippo Tommaso Marinetti pubblicherà, sul giornale ''Le figaro'', un manifesto intitolato: ''manifesto futurista''. È la nascita ufficiale del famoso movimento futurista e Marinetti è sicuramente il profeta di questo evento. Di seguito vedremo alcuni dei principali esponenti del futurismo.

24

Marinetti, oltre ad essere il padre del futurismo, è stato senz'altro colui che con i suoi scritti, i suoi manifesti, le onomatopee, ha dato istruzioni per l'uso a tutte le avanguardie europee (non solo) del XX secolo. Personaggio molto cosmopolita, di formazione classica, si laureò in legge in Italia. Viaggiò molto. Ebbe una grande comunicativa, pensiamo al manifesto, e riuscì pertanto a ''bucare'' nella società di massa.  Marinetti fu il massimo esponente e padre del futurismo.

34

Tra i principali esponenti, nel campo della scultura, abbiamo Umberto Boccioni, grande artista calabrese, tra i massimi esponenti del futurismo. La sua opera più importante e famosa è senza dubbio ''forme uniche della continuità nello spazio'', che ritroviamo sulla moneta italiana dell 0,20 centesimi di euro.  
Abbiamo anche Giuseppe Pellizza, pittore, autore del famosissimo quadro ''il quarto stato'', realizzato da lui nel 1901. C'è anche Robert Delaunay, celebre pittore francese, divenuto famoso per l'invenzione del cubismo orfico.  
Ma anche in ambiti diversi, come nel caso del cinema, troviamo importanti autori ascrivibili al futurismo, per esempio: Bruno Gianni Corradini e Arnaldo Gianni Corradini. Questi artisti realizzarono tra il 1910 e il 1912 alcuni cortometraggi astratti, con un particolare utilizzo dei colori su pellicola non trattata. Inaugurarono così il cinema futurista.  
In ambito musicale, l'unico vero futurista degno di nota è Francesco Balilla Pratella.

Continua la lettura
44

Il futurismo fu molto celebrato nei primi decenni del '900 e prese subito piede, come accennato. Addirittura prese piede in più di qualche paese, come per esempio: Russia, Bulgaria, Francia, Stati Uniti e addirittura Asia. Dunque un fenomeno artistico di portata globale, che sconvolse il mondo dell'arte e lo trasformò, in diversi ambiti.  

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Arte concettuale: storia, stile e maggiori esponenti

Con il termine Arte concettuale s'intende uno stile in cui il concetto espresso risulti maggiormente importante rispetto all'estetica dell'opera medesima. Specificatamente, questo movimento nacque e si sviluppò negli Stati Uniti d'America (USA) intorno...
Arti Visive

Il Futurismo nell'arte

Futurismo è una movimento artistico e letterario di avanguardia, nato in Italia ma estesosi a tutta l'Europa, che ha preso piede nella prima metà del Novecento, la cui principale caratteristica è la forte di volontà di rompere con la tradizione passato....
Arti Visive

Arte Nouveau: storia, stile e maggiori esponenti

L'Arte "Nouveau" si colloca tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900 in Europa. Essa si riferisce alle arti figurative, ma anche a quelle applicate e all'architettura. In poco tempo si diffonde in vari paesi, assumendo simili caratteristiche e connotati,...
Arti Visive

Arte povera: storia, stile e maggiori esponenti

L'arte è una disciplina molto importante, perché ci permette di conoscere e comprendere alla perfezione tutte le opere realizzare dai vari artisti negli anni, collocandoli in particolari correnti artistiche che ci consentono di comprendere in maniera...
Arti Visive

Architettura: i principali esponenti del 700

Il Settecento fu un secolo caratterizzato da una grande alternanza di stili architettonici. Nei primi anni, infatti, era ancora in voga il Barocco, lo stile che aveva dominato il secolo precedente, che poi si evolse nel Rococò. Dalla seconda metà del...
Arti Visive

Architettura: i principali esponenti del razionalismo italiano

La corrente architettonica del razionalismo si sviluppò in Italia tra gli anni venti e gli anni trenta del ventesimo secolo. Tale movimento nacque dall'idea di un gruppo di architetti: Luigi Figini, Gino Pollini, Ubaldo Castagnoli, Guido Frette, Carlo...
Arti Visive

Arte moderna: storia, stile e maggiori esponenti

La storia dell'arte moderna rappresenta nel complesso, un movimento artistico compreso tra la seconda metà del milleottocento e la seconda metà del millenovecento, frutto di profonde trasformazioni. I precursori di tale movimento, nonché i maggiori...
Arti Visive

Arte classica: storia, stile e maggiori esponenti

L' arte classica è una corrente che da sempre ha affascinato molti, simbolo di artisti che hanno espresso al meglio il proprio talento attraverso scultura, dipinti, architettura... Si delinea una corrente di tipo naturalistico/realistico, l'obbiettivo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.