Arte povera: storia, stile e maggiori esponenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'arte è una disciplina molto importante, perché ci permette di conoscere e comprendere alla perfezione tutte le opere realizzare dai vari artisti negli anni, collocandoli in particolari correnti artistiche che ci consentono di comprendere in maniera perfetta il significato di ogni opera.
Se siamo degli appassionati di arte ma non abbiamo mai auto modo di studiare tutte i vari artisti e le rispettive opere, potremo provare a cercare su internet delle guide che, in maniera molto semplice, ci forniscano tutte le informazioni di nostro interesse riguardante questa disciplina.
Nei passi successivi, in particolare, vedremo la storia, lo stile e i maggiori esponenti dell'arte povera.

25

Occorrente

  • Leggere con attenzione la guida
35

I maggiori esponenti

I maggiori esponenti che appartengono a questa corrente dell' arte povera come l'italiano Mario Merz (1925) e il tedesco Joseph Beuys (1921-1985), rifiutano l'oggetto artistico tradizionale. Quest'ultimo realizzato con tecniche e materiali convenzionali. La prima definizione di Arte povera si ha nel 1967 nella mostra omonima di Germano Celant. Nel rifiuto dell'arte povera per la tradizione, c'è una volontà di recuperare i veri valori della vita come la natura. L'arte povera vuole portare l'arte alle masse ma nella marea di problemi degli anni '60, appare un'idea più utopistica che riformista. Il suo interesse va alla natura, all'energia naturale, al riciclo. Tutto può diventare arte, anche se per definizione questa è ritenuta arte povera.

45

Significato di arte povera

In quel periodo gli artisti sono contrari all'idea di arte senza tempo, ossia che supera tutto, quindi capace di oltrepassare i secoli per giungere fino a noi e trasmettere la sua emozione. L'arte povera è un momento, l'emozione è effimera. Ne è un esempio l'opera Scultura che mangia (1968) di Giovanni Anselmo fatta di due pietre che schiacciano una lattuga. L'opera ha un aspetto momentanea perché la verdura è soggetta al deperimento. Essi sono anche contro il concetto che un'opera d'arte non si possa riprodurre e copiare perché è unica. Tutto è falso secondo loro. Lo dimostra Paolini in Mimesis facendo la copia di una scultura dell'epoca classica.

Continua la lettura
55

L'arte povera come movimento di protesta

L'arte povera è quindi un movimento di protesta verso il potere che sia dell'arte classica che dei politici, gli artisti si schierano contro la guerra in Vietnam e quindi contro gli Stati Uniti. Pistoletto nella sua opera Vietnam (1965) fa la raffigurazione di alcuni manifestanti pacifici contro la guerra. A questo proposito l'opera viene costituita da delle sagome attaccate a degli specchi, questo fa si che chi osserva quell'opera si ritrova dentro di essa. C'è quindi una comunicazione tra artista e pubblico.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Arte concettuale: storia, stile e maggiori esponenti

Con il termine Arte concettuale s'intende uno stile in cui il concetto espresso risulti maggiormente importante rispetto all'estetica dell'opera medesima. Specificatamente, questo movimento nacque e si sviluppò negli Stati Uniti d'America (USA) intorno...
Arti Visive

Arte moderna: storia, stile e maggiori esponenti

La storia dell'arte moderna rappresenta nel complesso, un movimento artistico compreso tra la seconda metà del milleottocento e la seconda metà del millenovecento, frutto di profonde trasformazioni. I precursori di tale movimento, nonché i maggiori...
Arti Visive

Arte classica: storia, stile e maggiori esponenti

L' arte classica è una corrente che da sempre ha affascinato molti, simbolo di artisti che hanno espresso al meglio il proprio talento attraverso scultura, dipinti, architettura... Si delinea una corrente di tipo naturalistico/realistico, l'obbiettivo...
Arti Visive

Barocco: storia, stile e maggiori esponenti

La parola "barocco" definisce lo stile che predominò la cultura e l'arte del diciassettesimo secolo. Questo termine iniziò ad usarsi a partire dal XVIII secolo. Ma spesso soltanto negativamente, per indicare la pochezza di spirito, la leziosità e la...
Arti Visive

Linearismo: storia, stile e maggiori esponenti

Il Linearismo è uno stile artistico, sviluppatosi in Italia agli inizi del 1400. Trae il nome dall'importanza attribuita alla linea rispetto al colore. Nelle arti pittoriche, si sottolinea la netta dominanza della forma. Questo va a scapito della profondità,...
Arti Visive

Dadaismo: storia, stile e maggiori esponenti

Tra il 1916 e il 1923 a Zurigo, città della Svizzera, si sviluppa il Dadaismo, un modo di vedere e concepire l'arte, soprattutto quella visiva ma che influenzò anche altri ambiti artistici. Se siete interessati a sapere qualcosa in più sul Dadaismo,...
Arti Visive

Anacronismo: storia, stile e maggiori esponenti

Se pronunciamo la parola anacronismo facciamo riferimento a una descrizione o riferimento di determinati fatti o personaggi, in un tempo che non appartiene alla loro natura. Questa parola trae origine dal vocabolo greco "ἀνά" che significa "contro"...
Arti Visive

Futurismo: storia, stile e maggiori esponenti

Il futurismo rappresenta uno dei movimenti più importanti e influenti dell'Italia del XIX secolo. Il fenomeno del futurismo non deve essere visto solo come un movimento letterario, ma come qualcosa di più grande che andò a modificare le più comuni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.