Arte: vita e opere di Jan Vermeer

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Della vita di Jan Vermeer, pittore olandese del XVII secolo, si hanno poche notizie. Venne certamente battezzato il 31 Ottobre 1632 nella chiesa protestante di Delft. Figlio di un tessitore di seta, commerciante d'arte e locandiere, ricevette un discreto patrimonio alla morte del padre. L'agiatezza aumentò sposando nel 1653 la giovane cattolica Catherina Bolnes. Ebbero 13 figli. Fin dall'inizio della sua carriera, venne apprezzato per le sue opere. Venne eletto dai concittadini capo della Gilda di San Luca. Mediante l'intercessione di Pieter Van Ruijven, suo mecenate, conobbe un gran successo negli anni.

27

Occorrente

  • Biografia di Jan Vermeer
37

La Ragazza con l'orecchino di perla

Tra le opere più note di Jan Vermeer si colloca la "Ragazza con l'orecchino di perla" o "Ragazza con turbante". Con molte probabilità l'artista lo ha dipinto intorno al 1660 - 1665. L'opera raffigura una giovane donna, una domestica per la quale Vermeer ebbe un debole. Nel 1891, Joseph Pennell (tipografo), suppose che Jan Vermeer utilizzasse la camera oscura come dispositivo ottico per la pittura. In tal senso, poteva stabilire la posizione precisa degli oggetti e definire la fisionomia dei personaggi. Questo spiegherebbe il perché in molte opere dell'artista si trovino oggetti "fuori fuoco" e altri "a fuoco". Inoltre l'utilizzo di questo strumento permetteva all'artista di non fare disegni preparatori.

47

La lattaia

Solo due opere presentano delle vedute esterne. In genere, le altre venivano ambientate in luoghi chiusi. Jan Vermeer rappresentava persone, due o tre all'interno di una stanza. I personaggi venivano immortalati durante le mansioni quotidiane come la lettura, la pulizia e così via. Tra le opere di rilievo si colloca "La lattaia". Il quadro rappresenta una donna che versa il latte. A primo impatto, il gesto regala un senso di pace e di sacralità. Come in tutte le sue opere, Jan Vermeer studia accuratamente la luce. I raggi entrano dalla finestra illuminando la figura della donna e gli oggetti intorno.

Continua la lettura
57

La morte

La tecnica del colore puntinato valorizza gli oggetti. I tessuti sembrano "palpabili" come nelle opere "Ragazza con turbante", "La lattaia", "L'astronomo" e "Fantesca che porge una lettera alla signora". Usò spesso tonalità forti come il rosso ed il blu, ricavati dai lapislazzuli. La sua attività pittorica si interruppe definitivamente nel 1675, lasciando alla moglie molti debiti. Le difficoltà finanziare furono secondo la consorte il motivo della morte prematura. Jan Vermeer, infatti, aveva risentito pesantemente della crisi finanziaria del 1672, dopo l'invasione francese. Nonostante tutto, le sue opere d'arte rimarranno vive nel tempo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le opere sono custodite nei musei di Vienna, Amsterdam, New York. Se hai la possibilità di andarci, non perdere questa grande occasione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Andrea Mantegna: vita e opere più importanti

Andrea Mantegna è uno degli artisti più importanti nella scena dell'arte italiana che va dalla fine del Medioevo all'inizio dell'Età Moderna. L'eco delle sue ricerche si espanse per tutto il Rinascimento, coinvolgendo addirittura artisti come Leonardo...
Arti Visive

Giovanni Bellini: vita e opere

Il patrimonio culturale italiano è davvero molto vasto, soprattutto nel periodo del Rinascimento. Esso racchiude un vero e proprio tesoro. In particolare vedremo, all'interno di questa guida, a parlare di uno dei maggiori esponenti dell'arte pittorica...
Arti Visive

Correggio: vita e opere

Correggio è il nome d'arte di un pittore italiano: Antonio Allegri, nato e morto proprio nella città di Correggio, in provincia di Reggio Emilia. È considerato uno dei maggiori esponenti della pittura del Cinquecento. Il suo stile è nato da uno studio...
Arti Visive

Jacques Louis David: vita e opere

Jacques Louis David introdusse il neoclassicismo in Francia, maturato dai viaggi che egli fece per visitare Roma e quindi dagli studi che approfondì sulle opere italiane. Dopo il 1789 passò ad uno stile Realistico per rappresentare in maniera migliore...
Arti Visive

Frida Kahlo: vita e opere

Ritenuta una delle pittrici latino-americane più apprezzate al mondo, la vita di Frida Kahlo è stata caratterizzata da numerose sofferenze. Solo la sua grande passione per la vita e per l'arte le ha fatto superare le numerose difficoltà, fino a farla...
Arti Visive

Sandro Botticelli: vita e opere

La guida in questione si occuperà d'arte, andando a concentrarsi sull'artista Sandro Botticelli, di cui tratteremo una breve biografia per porre dei punti fermi sulla sua vita, e poi le sue opere principali. Sandro Botticelli aveva come nome reale Alessandro...
Arti Visive

Georges Seurat: vita e opere

Georges Pierre Seurat è nato a Parigi il 2 dicembre 1859. Lì vi rimase gran parte della sua vita e sempre a Parigi frequentò la scuola di disegno dove conobbe Edmond Aman-Jean, pittore e critico d'arte. Con Edmond spesso usava andare al museo del Louvre,...
Arti Visive

Beato Angelico: vita e opere

Beato Angelico il cui nome originario era Guido di Pietro, fu uno dei più grandi pittori del Quattrocento, le cui opere nell'ambito del primo stile rinascimentale, incarnano un atteggiamento sereno e religioso e riflettono una forte influenza classica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.