Barocco e rococò in breve

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il Barocco e il Rococò sono due momenti distinti della storia dell'arte e dell'architettura. Essi hanno rappresentato una svolta rilevante nel gusto dell'uomo. Tale cambiamento si ripercuote nelle arti, ma anche in altri campi d'interesse culturale, come letteratura e musica. Questa guida mostrerà in breve alcune peculiarità di questo tempo e i principali protagonisti.

27

Occorrente

  • Libro di storia
  • Manuale di storia dell'arte
  • Voglia di girare per musei e città antiche
37

Barocco

Il Barocco nasce a Roma approssimativamente nel XVII secolo. Non esiste una data certa in cui collocare la nascita dei diversi movimenti culturali perché derivano da una successione di avvenimenti storici che sfociano in un vero e proprio cambiamento di gusto e di stile. Possiamo definire il Barocco come il periodo dello sfarzo. Un periodo in cui si mette in risalto l'apparenza piuttosto che la realtà strutturale delle opere. Queste intenzioni applicate inizialmente alle arti poi si utilizzano anche per raggiungere altri scopi. Non è un caso che il Barocco coincida con il periodo della Controriforma della Chiesa Cattolica. Infatti, le chiese già edificate vengono abbellite e/o modificate adattandole ai canoni stilistici del Barocco. Alcuni dei principali motivi ricorrenti del Barocco sono la linea sinuosa, il drappo, la curva, la giustapposizione, l'allargamento e il restringimento volontario dei campi visivi. In pittura, infatti, assistiamo all'uso prevalente di colori forti. In architettura i rappresentanti del Barocco che hanno trasmesso tutta la loro espressività nelle opere sono Bernini e Borromini.

47

Rococò

Il Rococò segue il Barocco, mantiene il tema precedente e lo porta all'esasperazione. Finte cupole scolpite, architetture senza linee rette, finti drappi dipinti a coprire antiche architetture sono tipici di questo periodo. Il Rococò ha avuto una durata relativamente breve e un'importanza minore rispetto al Barocco. Nonostante questo nel Rococò vengono realizzate opere degni di valore firmate da Filippo Juvarra e Luigi Vanvitelli.

Continua la lettura
57

Le critiche

Le critiche mosse al Barocco e al Rococò si riferivano principalmente alla non sincerità strutturale, alle finzioni e all'eccesso di abbellimento. Termini molto contrastanti con il verso senso del termine "architettura". Gli architetti del periodo, per favorire il cambiamento di stile, stravolgevano completamente le preesistenze. Nel corso degli anni la coscienza critica della storia matura e migliora il suo approccio. Infatti, si preferisce motivare le ragioni e contestualizzare nel periodo storico piuttosto che esprimere critiche.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Vi consigliamo di approfondire storicamente quei periodi che comprendono questi due stili.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Breve storia dell'arte italiana

L'arte italiana è caratterizzata da mutamenti, che passano attraverso i vari secoli. Chiaramente, ogni epoca presenta un proprio stile, e le varie testimonianze sono giunte fino a noi. In questa guida tracceremo una breve storia di quella che è stata...
Letteratura

Arte: i principali esponenti del neoclassicismo

Barocco e Rococò sono due correnti artistiche caratterizzate dallo sfarzo, dal lusso e dall'esagerazione. Il XVII secolo, infatti, fu oberato proprio da questo stile fantasioso, bizzarro e potente, il quale andò a scatenare, tra la seconda metà del...
Arti Visive

Costumi e maschere teatrali

Il teatro è una forma antichissima di rappresentazione che affonda le sue radici nell'epoca dei romani e dei greci. Uno dei simboli più caratteristici delle rappresentazioni teatrali sono sicuramente i costumi e le maschere, che giocano un ruolo di...
Arti Visive

Barocco: storia, stile e maggiori esponenti

La parola "barocco" definisce lo stile che predominò la cultura e l'arte del diciassettesimo secolo. Questo termine iniziò ad usarsi a partire dal XVIII secolo. Ma spesso soltanto negativamente, per indicare la pochezza di spirito, la leziosità e la...
Arti Visive

Come riconoscere lo stile Barocco

Lo stile Barocco nasce intorno al 1600 dopo il Rinascimento ed ha le sue origini a Roma. Il Barocco è la rappresentazione, in tutti le sue sfaccettature, della sfarzosità e festosità che caratterizza quell'epoca. Tutti i settori della cultura sono...
Arti Visive

Le caratteristiche più importanti del Barocco

Il termine baracco viene utilizzato per indicare un movimento culturale nato in Italia, in modo particolare a Roma, nel Seicento. Esso è costituito dalla letteratura, dalla filosofia, dalla musica e dall'arte. L'arte del Seicento è l'arte dei sentimenti...
Arti Visive

I maggiori esponenti del barocco

Il termine "barocco", deriva dal francese baroque e fu inventato nel corso del Settecento per contrapporre l'enfasi e l'esagerazione del Seicento alla razionalità illuminista. Proprio per questo, il suo stile mirava a stupire e affascinare, con l'abbondanza...
Mostre e Musei

I 10 migliori musei di Torino

Torino ex capitale d’Italia è una città ricca di storia, cultura ed arte che merita di essere scoperta. Chi intende trascorre qualche giorno nel capoluogo piemontese oltre ad ammirare la Mole Antonelliana, i palazzi di epoca barocco e le tante attrazioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.