Bittino da Faenza: biografia e dipinti

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Bittino da Faenza, soprannominato anche Bitino, è stato un pittore italiano nato nel 1357 e morto nel 1427. Fu un'artista minore ed esistono poche fonti bibliografiche che fanno riferimento alla sua biografia. Egli, fu attivo in Romagna, dove lascia, infatti, gran parte delle sue opere pittoresche. Queste opere, a livello simbolico, riportano in auge la corrente gotica, in voga a quel tempo. Bitino, lavora prevalentemente nella chiesa di San Giuliano a Rimini, dove, infatti, ritroviamo, alcuni dipinti che rappresentano le scene tratte dalla vita del santo omonimo. Nonostante le frammentate notizie che troviamo nei suoi confronti, in questa guida, cercheremo di far luce sulla sua vita pittoresca.

24

La storia

Come accennato nel paragrafo precedente, Bittino da Faenza, lavora prevalentemente nella città di Rimini, presso l'abbazia di San Giuliano, dove lascia un polittico con rappresentazioni della vita del santo. Le scene, riportano il governatore Marciano, che ordina al santo di sacrificare gli idoli. Esso, conseguentemente, viene messo in un sacco pieno di serpenti, per ordine di Marciano e dopo viene gettato da sopra un dirupo verso il mare. Il corpo, di seguito, verrà ritrovato dai cristiani e depositato in un sarcofago. Dopo esser stato abbandonato, lo stesso, viene rinvenuto e sostenuto dagli angeli, giungendo sino a Rimini. Qui, tra l'altro, viene accolto dagli abitanti locali, che cercano di trascinare la salma all'interno dell'abbazia, attraverso l'invocazione divina.

34

Le sue opere più famose

Fra le sue opere più importanti, possiamo citare, sicuramente, il dipinto con Madonna e bambino insieme a Santa Caterina d'Alessandria, Santa Marmeria e angeli, datato 1398 -1427, presente al Musèe du Petit Palais a Parigi. Altro capolavoro, databile al 1404-1409, un polittico collocato a Milano presso la Finarte Asta, ovvero, una tavola che misura 142 cm in altezza e 172 cm in larghezza, rappresenta, invece, l'Incoronazione di Maria, Santo Vescovo, San Giacomo Maggiore, San Cristoforo, Natività di Gesù, Angelo Annunciante, Crocifissione di Cristo, Adorazione dei Magi e Maria Vergine Annunziata.

Continua la lettura
44

Altre informazioni a riguardo

Le pitture e sculture realizzate dal nostro pittore in questione, se notate attentamente, sono dominate da un carattere prettamente religioso, si tratta, infatti, di opere e lavori, finanziati da enti ecclesiastici, come ad esempio il dipinto della "Madonna con bambino in trono e angeli adoranti" datato al 1391. Peccato per le poche informazioni riguardo la biografia di questo artista, probabilmente, ci sarebbero tante altre cose e opere da conoscere, ma spero, che con questa guida, abbiate apprezzato questo pittore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Giovanni Baronzio: biografia e dipinti

Le origini ed anche la produzione artistica di Giovanni Baronzio, pittore italiano del XIV secolo, non sono ancora oggi del tutto chiare. Sicuramente appartenne alla scuola pittorica riminese e romagnola che aveva raccolto l'esempio pittorico giottesco,...
Arti Visive

Giunta Pisano: biografia e dipinti

Ci sono artisti che hanno fatto storia lasciandoci opere di altissimo valore. Ma, la biografia e i dipinti di alcuni rimane comunque un mistero. Questo è successo anche per il pittore Giunta Pisano. Nonostante tutto, il pittore viene riconosciuto come...
Arti Visive

Maestro della Maddalena: biografia e dipinti

Il Maestro della Maddalena è un anonimo pittore fiorentino della seconda metà del '200. Nasce nel 1265 e si spegne intorno al 1290. La biografia dell'artista è quasi del tutto assente. Le poche notizie sono incerte. Quelle che ricostruiscono la sua...
Arti Visive

Margaritone d'Arezzo: biografia e dipinti

Margaritone d'Arezzo, nasce nel 1240 e muore nel 1290 all'età di cinquanta anni. Fu un personaggio illustre e attivo della pittura italiana divenendo uno dei maggiori esponenti del periodo. Le sue opere, furono ritrovate per la maggior parte ad Arezzo...
Arti Visive

Cimabue: biografia e dipinti

Cenni di Pepo, sicuramente più conosciuto con lo pseudonimo Giovanni Cimabue, è nato a Firenze attorno al 1240 ed è morto a Pisa nel 1302. Il pittore si è collocato in una scia artistica legata ancora al classicismo bizantino, pur elaborando un proprio...
Arti Visive

Maestro d'Isacco: biografia e dipinti

Il Maestro d'Isacco è un pittore sconosciuto, identificato con questo nome per aver realizzato delle decorazioni nella Basilica di S. Francesco, ad Assisi. Raffigurano alcune scene della vita di Isacco. Pittore importantissimo del periodo di fine Duecento...
Arti Visive

Montano d'Arezzo: biografia e dipinti

Se siamo degli amanti dell'arte, ci sarà sicuramente capitato di voler ottenere maggiori informazioni sulla vita e le opere di alcuni particolari artisti che più preferiamo. Grazie ad internet potremo facilmente reperire tutte le informazioni di cui...
Arti Visive

Andrea di Bartolo: biografia e dipinti

Andrea Di Bartolo nato verso circa il periodo del 1360/70 e deceduto a Siena nel 1428, era figlio del pittore Bartolo di Fredi e di Bartolommea di Cecco. Egli era un pittore della scuola senese. Fra i dipinti maggiormente importanti dell'artista senese...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.