Breve storia del balletto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

La danza è una forma d'arte che ha sempre fatto parte della storia umana. Dai rituali dedicati alle divinità fino alla valenza che ha oggi, il ballo ha assunto diverse valenze nel corso dei secoli. Inizialmente si trattava di un rituale prettamente religioso, poi dal Rinascimento la danza ha deviato verso un percorso più artistico e meno sacro. Ad essa sono hanno attribuito nel tempo diversi significati. Il balletto così come lo conosciamo, si andava delineando già nel XV secolo, fino a divenire vera e propria arte nel '700. Seguendo le tappe fondamentali di questo percorso, possiamo tracciare una breve storia del balletto e analizzarne i punti salienti.

28

Occorrente

  • Manuale di storia della danza
  • Passione per il balletto
38

Il passaggio nella categoria delle arti nel '400

Il '400 è il secolo che vede l'inserimento del balletto tra le forme artistiche principali. In quel periodo ci furono molti cambiamenti grazie ai quali si assistette ad una rivoluzione delle corti nobiliari. In sostanza, il ruolo di protagonista passa dal capo politico e militare all'artista. Molti nobili cercano di accaparrarselo offrendo somme di denaro sempre più alte. Verso la fine del '500, a seguito della codificazione di tutte le arti, possiamo ormai parlare di una scuola italiana, di cui fanno parte i maestri teorici della danza. Essi si occupano di definire tecnica, etica ed estetica dei danzatori. Ad ogni modo, le basi del balletto moderno si iniziano ad intravedere proprio in pieno Rinascimento.

48

I primi spettacoli danzanti e le scuole di danza in Europa nel '500

Il termine "balletto" (o ballitto) fa la sua comparsa a gli inizi del XVI secolo, in sostituzione del più generico "danza". In questo periodo vanno in scena i primi spettacoli danzanti, la cui struttura si sviluppa attorno ad un filo conduttore, ovvero il tema amoroso. Un balletto si dedicava generalmente a una dama di corte e veniva messo in scena a palazzo. Sempre nel '500 il ballo inizia a diffondersi in tutta Europa. In Francia, ad esempio, i primi balletti vengono introdotti nel 1588 da Thoinot Arbeau. Egli mette in scena un corteo danzante che si chiama "Bal des ardents". Nel '500 nascono le prime scuole di ballo. La prima grande accademia per ballerini nasce in Italia per iniziativa di Pompeo Diobono. Da qui e dalle altre scuole italiane partiranno numerosi ballerini talentuosi.

Continua la lettura
58

La diffusione del balletto nel '600

Spostiamoci ora nel '600. È proprio in questo periodo storico che il balletto conosce i primi fasti, grazie all'impegno che hanno mostrato i regnanti dell'epoca nel diffonderlo. Tra questi spicca il Re Sole, Luigi XIV. A quanto si dice, il Re Sole amava molto il ballo e lo praticò fino ai 30 anni. Successivamente dovette abbandonare per via di alcuni problemi a livello fisico. Non smise tuttavia di promuoverne la diffusione. A tal proposito, si deve al sovrano la fondazione, nel 1661, dell'Accademia Reale di Danza. Il suo scopo è quello di formare i ballerini per le esibizioni. L'attività della scuola fu così proficua, che nel '700 i ballerini francesi iniziarono ad esibirsi in teatri pubblici.

68

L'apice del successo del balletto in Francia tra '700 e '800

Durante il Romanticismo, a cavallo tra '700 e '800, il Teatro dell'Opéra di Parigi era un esempio pratico del successo che aveva riscosso il balletto all'epoca. Qui nacque il balletto romantico per eccellenza, la Sylphide. La realizzazione di questo balletto si deve a Maria Taglioni, con coreografie del padre, Filippo. In queste splendide opere andava in scena l'amore impossibile tra un uomo ed uno spirito, ambientato nella suggestiva atmosfera scozzese. Il successo fu incredibile e in molti vollero assistere agli spettacoli. In tema di costumi e tecnica, le novità si moltiplicano. Gli spettatori sentono infatti il bisogno di accorrere in teatro per assistere allo spettacolo.

78

la diffusione della tradizione russa nel '900

Con l'inizio del XX secolo la tradizione russa, legata al balletto, si diffonde in tutta Europa. Nel 1909 un impresario, Sergei Diaghilev, intuì le potenzialità commerciali del balletto. Egli divenne fondatore di una compagnia itinerante di danzatori, la quale doveva girare di Paese in Paese per mettere in scena le proprie opere. Pur mettendo la danza al centro, questi show comprendevano anche musica e arti figurative di vario tipo. Con la morte di Diaghilev, nel 1929, i danzatori e i coreografi che ne avevano fatto parte, tra cui la splendida e famosissima Anna Pavlova, si divisero. Alcuni membri della compagnia fondarono altri gruppi e girarono il mondo.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Documentiamoci consultando manuali online sull'argomento per approfondire meglio.
  • Seguire qualche balletto può aiutarci a capire meglio questa forma d'arte.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Danza

Guida al balletto Lo schiaccianoci

È passato più di un secolo da quando Lo Schiaccianoci fu rappresentato per la prima volta nel 1892 e da allora il balletto russo ha conosciuto una fama senza tempo. Anche se all'epoca non ebbe il giusto riconoscimento, con il passare degli anni la sua...
Danza

Breve storia della danza moderna

Oggi grazie agli spettacoli televisi possiamo ammirare degli show incentrati sulla danza, sia moderna che classica. Naturalmente la danza classica rappresenta la base di tutto, avendo una storia millenaria; ma anche la danza più moderna sembra avere...
Danza

Breve storia della danza jazz

Se siamo degli amanti della danza, per riuscire ad apprezzarla e comprenderla correttamente, dovremo necessariamente conoscere la sua storia. Su internet potremo trovare tantissime guide ed articoli che trattano i vari periodi storici anche nel campo...
Danza

Balletto: tecnica e passi

Con il termine balletto si indica solitamente la danza classica. Il balletto è una delle forme più conosciute e diffuse della danza, dalla notevole eleganza e dalla tanta disciplina che permea questo stile. Il balletto è un insieme di tantissimi fattori...
Danza

Come raggiungere un Extension nel Balletto

Il balletto è una disciplina molto antica, che ancora oggi attira interesse. È uno spettacolo di danza, dove vengono impartite varie coreografie. Ovviamente, per poterlo eseguire bisogna studiare e allenarsi. Inoltre, per raggiungere certi livelli...
Danza

Come inventare un balletto

Molte sono le persone appasionate di danza e spettacoli, che ogni giorno si riversano nei teatri per ammirare le scenografie e le evoluzioni artistiche messe in scena da ballerini professionisti. I balletti sono sempre belli da vedere, ed affascinano...
Danza

Guida al balletto "Notre-Dame de Paris"

Ogni ballerino e ballerina di danza classica sogna di poter diventare un giorno famoso per la sua bravura ed espressività d'arte attraverso le movenze del suo corpo e partecipare così alla realizzazione di un'opera famosa e rinomata. Una di queste opere...
Danza

Guida al balletto Onegin

Il balletto è una particolare forma teatrale, in cui si fondono recitazione e danza, nata nel primo Rinascimento, grazie all'opera dei maestri compositori che si trovavano presso le corti signorili dell'Italia o della Francia dell'epoca. È una rappresentazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.