Breve storia della danza classica

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
110

Introduzione

Tutti gli amanti della danza, oltre a praticarla, dovrebbero conoscerne almeno la storia. Grazie al gran flusso d'informazioni presenti sul web, potremo in pochissimi secondi trovare moltissime informazioni che riguardano tutte le varie tipologie di danza esistenti e sulla storia di ognuna di esse. Nei passi successivi cercheremo di tracciare una breve storia della danza classica, percorrendo le sue tappe principali. Una piccola guida storica per tutti gli appassionati del balletto o per coloro che ancora non conoscono questa bellissima disciplina.

210

La nascita della danza classica nel Medioevo

La danza classica iniziò a svilupparsi durante il Medioevo. Veniva definita la "danza bassa", perché rispetto alle altre tipologie di ballo, più popolari, si componeva di passi più composti, da compiere lentamente. Grazie a questa trasformazione, la danza entrò di diritto anche nella vita aristocratica.

310

Lo sviluppo durante il Rinascimento

Durante il Rinascimento, invece, s'iniziarono a stabilire le prime regole per l'esecuzione dei vari passi. La prima vera e propria scuola di danza venne aperta nel Cinquecento a Milano da Pompeo Diobono che introdusse anche la danza in coppia. I balletti, inizialmente intrattenimenti alle feste, iniziarono a connotarsi come veri e propri spettacoli. Nasce così la professione di ballerino. Bisognerà attendere il 1581 affinché venga realizzato in Francia il primo balletto sotto forma di spettacolo, nel senso moderno del termine: "Le ballet comique de la Reine" di Baldassarre Baltazarini da Belgioso. I primi ballerini furono tutti uomini; la prima donna a calcare le scene è Madamoiselle de La Fontaine nel 1681.

Continua la lettura
410

L'ufficializzazione della danza classica grazie al Re Sole

La danza classica, che viene praticata anche oggi, è nata ufficialmente presso l'Académie Royale de danse, fondata dal Re Sole. Il coreografo Pierre Beauchamp si occupò di coniare le cinque posizioni base. In quel periodo la danza classica si arricchisce, sempre di più, di tecniche e virtuosismi, anche grazie alla nascita dell'Accademia Imperiale Russa, anche se forse nelle sue coreografie era più vicina all'acrobazia che al balletto.

510

La danza classica durante l'Illuminismo

Nell'epoca illuminista la danza viene ridotta al movimento, sottraendone le parole. Vengono impiegati abiti di scena spesso molto pesanti e i ballerini indossano parrucche e maschere. Due ballerine invertono la tendenza scegliendo scarpe senza tacco e abiti più leggeri: Marie-Anne de Cupis de Camargo e Marie Sallé. Grazie al loro gesto le ballerine vengono liberate dalle gonne ingombranti e dai corpetti stretti. Via anche alle parrucche e agli abiti pesanti, in maniera tale da rendere i movimenti più liberi.

610

L'introduzione delle punte e del tutù

Bisogna attendere l'Ottocento affinché le gonne si accorcino e la danza divenga prevalentemente femminile. Vengono introdotti i tutù e le le scarpette da punta, sulle quali lavora per la prima volta la ballerina italiana Amalia Brugnoli, nel 1823. Da questo momento in poi l'interesse per la danza classica aumenta sempre più: iniziano a proliferare coreografie, scuole di danza e compagnie di ballo.

710

La nascita dei balletti più celebri

I balletti classici più famosi sono nati nel novecento in Russia, per citare due esempi facciamo il nome de "Lo schiaccianoci" e de "Il lago dei cigni". In questi anni nascono anche le compagnie di danza più importanti al mondo, come la Ballets Russes e il New York City Ballets. Il pubblico del balletto diventa più vario a partire dagli anni '60; molti giovani se ne appassionano e questo dà una spinta verso nuovi ritmi e movimenti più atletici, dai quali nascerà poi la danza moderna.

810

La danza classica nei giorni nostri

Il balletto è al giorno d'oggi un'arte estremamente seguita e acclamata da tutto il mondo. Un ruolo importante lo svolgono alcune stelle o "etoile" di fama internazionale, veri e propri ambasciatori della danza. Uno di loro, è motivo di vanto italiano, è Roberto Bolle; cresciuto nella Scala di Milano è tutt'ora uno dei ballerini più famosi a livello mondiale. Così anche Misty Copeland, la prima danzatrice di colore ad aver ottenuto il ruolo di prima ballerina nella prestigiosissima compagnia dell'American Ballet, una celebrità di fama mondiale. Questa è ovviamente solo una panoramica della storia della danza classica: di come è nata e come si è diffusa, molto altro ci sarebbe da scrivere al riguardo. Gli appassionati più curiosi e interessati potranno approfondire, con ulteriori guide online, la storia del balletto e la sua trasformazione con il passare dei secoli.

910

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Danza

Breve storia della danza jazz

Se siamo degli amanti della danza, per riuscire ad apprezzarla e comprenderla correttamente, dovremo necessariamente conoscere la sua storia. Su internet potremo trovare tantissime guide ed articoli che trattano i vari periodi storici anche nel campo...
Danza

5 buoni motivi per studiare danza classica

La danza classica è tra gli sport più praticati. Per alcuni, però, non è solo sport ma è una vera e propria disciplina da studiare. Ha alle spalle una lunga storia: nasce nel 1661 in Francia. Qui re Luigi XIV fonda l' Acadèmie Royale de danse. Qui...
Danza

10 motivi per cui é importante studiare la danza classica

La danza classica è un hobby dai molti pregi, che talvolta può diventare una professione. Le sue origini sono antiche: ufficialmente nasce nel 1661, in Francia. In tale data, il re Luigi XIV istituisce l'Acadèmie Royale de danse. Al suo interno si...
Danza

Come diventare insegnante di danza classica

La danza classica è da sempre considerata la danza per eccellenza, in quanto è la madre di tutte le discipline di ballo. Il sogno nel cassetto di tutte le bambine fin dalla prima età è quello di diventare delle ballerine di danza classica per cui...
Danza

Come avvicinarsi alla danza classica

Chi decide di studiare la danza classica deve sapere che si tratta di un percorso lungo e difficile. Innanzitutto occorre chiarire che non tutti sono portati per danzare. La danza classica presuppone in particolare numerosi requisiti fisici e diverse...
Danza

Tecniche di danza classica: l'impostazione

Nella guida che seguirà andremo a occuparci di danza. Più specificatamente, sarà la danza classica il tema di tutti i passi della guida. Nel dettaglio, questa guida sarà improntata su tutto ciò che concerne l'impostazione relativa a tutte le tecniche...
Danza

5 passi base di danza classica

La danza non è semplicemente uno sport, bensì l'arte del corpo in movimento. La danza ha origini antichissime, nasce infatti come forma di preghiera per diventare intrattenimento e poi spettacolo. La danza, sia nel tempo che nello spazio, si è evoluta...
Danza

Danza classica: il metodo Balanchine

Quante volte vi è capitato di ammirare estasiati uno spettacolo di balletto classico? La danza è una delle arti corporali più antiche e primitive, che affascina e appassiona da secoli e secoli gente di ogni angolo del pianeta. Per chi non è del mestiere,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.