Canto: le armonizzazioni vocali

Tramite: O2O 15/09/2018
Difficoltà: difficile
110

Introduzione

Un'armonizzazione è l'arte di riuscire a creare una melodia, cioè un susseguirsi di suoni che hanno altezza e durata differenti e che insieme formano un tessuto, una musica che risulta piacevole e gradita all'orecchio. Ovviamente questo risultato si può ottenere sia con gli strumenti musicali, sia con le voci. Nel canto infatti, sono tanti gli esempi ai quali poter fare riferimento. Si può partire dai cori polifonici e ascoltare poi i tanti gruppi musicali che basano il loro stile proprio sulle armonizzazioni vocali. In questa guida vi illustreremo le principali armonizzazioni vocali.

210

L'armonizzazione vocale e la sua definizione

Per capire meglio il concetto di armonizzazione vocale potete provare a procurarvi uno spartito musicale comunemente utilizzato da un coro polifonico. In queste tipologie di spartititi sono riportate le varie voci di contralti, tenori, soprani e bassi. Noterete subito come le note, in alcune parti, possono anche essere le stesse ma hanno una distanza di ottave differente. C'è chi definisce questo col termine "ottavare" e non "armonizzare", ma effettivamente, due note uguali ma in ottave differenti danno vita a un suono diverso e quindi a note diverse. Diciamo che in questo campo c'è molta confusione e non esistono delle regole precise a proposito.

310

L'armonizzazione vocale e la sua composizione

In maniera del tutto generica diciamo che le armonizzazioni sono solitamente formate da quattro parti e una di esse raddoppia una delle altre tre. Ma effettivamente, le cose di cui tenere più conto sono veramente tante. Oltre a trovare le note giuste bisogna anche saperle cantare a dovere e dare a ogni parte la giusta interpretazione, quindi cantarle piano o forte oppure più o meno soffiate. Quello che poi conta è l'insieme e quindi l'ascolto all'orecchio, in questi casi è lui il vero consigliere. Le armonizzazioni possono comunque essere suddivise in tre categorie: monodia, polifonia omoritmica e la polifonia poliritmica. Ve le illustriamo nei prossimi passaggi.

Continua la lettura
410

La monodia

La monodia, come si può evincere dal nome, e una melodia singola, che indicativamente viene sviluppata per una voce solista. Una monodia può essere anche eseguita da più voci in contemporanea, in questo caso però si tratta più specificatamente di omofonia (solitamente si tratta di un canto all'unisono). Solitamente appartengono a questa tipologia i classici canti liturgici. Ovviamente, tra tutte le armonizzazioni, è quella più semplice, visto che tutti gli esecutori eseguono la melodia alla medesima tonalità e ritmo.

510

La polifonia omoritmica

Nella polifonia omoritmica, invece, le varie voci cantano seguendo la stessa andatura ritmica, ma riproducendo contemporaneamente delle melodie differenti. Per quanto riguarda la riproduzione delle melodie indipendenti in contemporanea è sicuramente, tra tutti i vari metodi che si possono eseguire, il più elementare.

610

La polifonia poliritmica

Con la polifonia poliritmica, invece, si eseguono delle melodie indipendenti, utilizzando allo stesso tempo dei ritmi differenti. La forma più conosciuta di polifonia ritmica è la cosiddetta "tre contro quattro", ossia quando vengono eseguite in contemporanea delle terzine e delle quartine. Questa tipologia di armonizzazione non viene impiegata spesso.

710

L'arrangiamento vocale

Da un punto di vista strettamente grammatico, raddoppiare un'ottava non viene considerata come un'armonizzazione, ma dal punto di vista acustico lo è a tutti gli effetti. Quando si parla di armonizzazione vocale si può fare riferimento anche a quello che viene definito "arrangiamento vocale". Provate ad ascoltare e a prendere in esame gli spartiti con gli arrangiamenti di gruppi come il Trio Lescano, i Beach Boys, i Beatles o Take That, si può sicuramente carpire qualche segreto in merito a questa tecnica; così come esercitarsi col karaoke può essere d'aiuto per allenare la voce, in maniera tale da riuscire a riprodurre le note nel migliore dei modi.

810

L'arrangiamento musicale

Ricordatevi che prima di imparare l'arrangiamento vocale, bisogna anche avere delle basi in merito a quello musicale, ovvero la capacità di gestione di più strumenti seguendo una sequenza di accordi, o di note messe giù in un determinato modo, per formare una melodia unica e originale. Più è bravo l'arrangiatore, migliore sarà il risultato finale e quindi più complessa nell'esecuzione della stessa.

910

Guarda il video

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per imparare al meglio le armonizzazioni, consultate un bravo maestro di canto.
  • Per avere delle buone basi musicali, si consigliano delle lezioni di solfeggio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

I registri vocali

La voce umana è il suono prodotto dalla vibrazione delle corde vocali nella laringe. Questi organi, che variano da persona a persona, si aprono e si chiudono al passaggio dell’aria emessa dai polmoni. Il suono trova risonanza nelle cavità del corpo...
Musica

Tecniche di canto lirico

Per chi è appassionato di musica lirica ed ama cimentarsi in questa particolare arte del canto lirico, sa che bisogna studiare ed esercitarsi molto. Chi segue delle lezioni di preparazioni di canto lirico, sa benissimo che deve conoscere ed applicare...
Musica

La respirazione nel canto

Chi ha una voce bella deve poterla sfruttare al meglio e per far questo, è necessario studiare canto ed imparare ad utilizzarla a dovere. Anche se esiste chi in natura è molto dotato e sa cantare bene, spesso è necessario prendere lezioni per migliorare...
Musica

Come irrobustire le corde vocali

Le corde vocali sono uno "strumento" essenziale nel canto.Approcci errati e trascurare lo studio delle tecniche a lungo andare producono danni irreparabili alla loro integrità e funzionalità. Oltre al riscaldamento che è obbligatorio per non avere...
Musica

Respirazione e diaframma nel canto

Al fine di riuscire in un’ottima performance canora, risulta di fondamentale importanza la corretta respirazione e il sapiente uso del diaframma. È Infatti doveroso ricordare che la respirazione spontanea non è sufficiente a produrre un suono melodioso...
Musica

Tecniche di canto moderno

Molto spesso quando facciamo la doccia, in modo del tutto naturale iniziamo a canticchiare uno dei nostri motivi preferiti. Ma lo facciamo anche in molte altre occasioni: mentre si fa jogging o mentre si aspetta la metro solo per citarne alcuni. Il canto...
Musica

La respirazione nel canto lirico

Il canto è una delle forme espressive più belle ed istintive dell’uomo, utilizzato sin dagli albori della storia umana come strumento universale di comunicazione e di manifestazione artistica. Attraverso l’utilizzo melodico della propria voce si...
Musica

Come utilizzare il vibrato nel canto

Nel canto il vibrato è una tecnica che viene utilizzata per rendere più espressivo il brano e conferirgli maggiore interpretazione. Si tratta di un meccanismo tramite il quale, mentre vengono emesse le note, la voce fluttua. Infatti il vibrato, secondo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.