Carnevale: le maschere italiane più popolari

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il Carnevale è il periodo più divertente dell'anno. Ci si traveste, si organizzano feste in maschera e sfilate per le strade. È l'unico periodo in cui è concesso fare scherzi e burle senza rischiare che qualcuno se la possa prendere!
Ogni città italiana ha le proprie abitudini in tema di festeggiamenti: alcune organizzano parate cittadine in costume, altre lavorano mesi e mesi per la costruzione dei carri ed ovviamente ogni città ha le sue maschere tipiche. Scopriamo insieme quali sono le maschere italiane più popolari!

24

Brighella

Iniziando dal mio preferito: Brighella, è il degno compare di Arlecchino. E mentre quest'ultimo è agile nelle gambe, Brighella ha nella mente ingegnosa la sua caratteristica fondamentale. Egli inganna e prepara trappole per rimediare soldi o cibi succulenti. È un re della bugia, furbo per natura e senza scrupolo alcuno. Il suo costume tipico è una livrea bianca, completata con una giubba e dei pantaloni a strisce verde brillante.
Colombina è la maschera femminile più conosciuta. Vanitosa e civettuola, inventa bugie ma sempre a fin di bene. La sua vivacità e la sua capacità di zittire con due paroline sempre al posto giusto l'hanno resa molto popolare tra i personaggi della Commedia dell'arte. Colombina, oltre ad essere la fidanzata di Arlecchino, è una cameriera, indossa una cuffietta rosa sulla testa, un vestito rosa e un grembiule bianco.

34

Pulcinella

Pulcinella è una maschera tipica della Commedia dell'Arte ed è il simbolo di Napoli e della personalità del suo popolo. Egli è un servo furbo ma pigrone, l'unico suo affanno è procurarsi del cibo! Ha una camminata goffa e non si risparmia in salti, balli e canti. Combatte con spirito allegro e generoso le avversità di tutti i giorni. Pulcinella indossa una camicia e un paio di pantaloni larghi e bianchi, un cappuccio in testa e una maschera nera dal naso ricurvo.
Arlecchino invece, è una maschera bergamasca ed è sicuramente la maschera italiana più popolare. Il suo vestito in origine era tutto bianco, poi a furia di rattoppi è diventato quello che oggi tutti conosciamo: un giubbetto e dei pantaloni a rombi e triangoli di tutti i colori! Arlecchino è un personaggio ingenuo ma ricco di fantasia, un maestro nei salti acrobatici e negli scherzi ai padroni avidi; è sicuramente la maschera più simpatica di tutte.
Pantalone, altro personaggio tipico del Carnevale, è la maschera tipica di Venezia. Rappresenta la figura di un ricco mercante che amministra i suoi averi con avidità. È diffidente con gli uomini ma sempre galante con le donne. È vestito con giubba e calze rosse, porta un mantello sulle spalle e scarpe alla turca con la punta verso l'alto.

Continua la lettura
44

Noleggiare il costume

Nel periodo di Carnevale capita, sempre con stupore e gioia, di incontrare per strada una di queste maschere. Fatevi prendere anche voi dallo spirito della festa: noleggiate il costume del vostro personaggio preferito e partecipate alle mille feste che rendono questo periodo uno dei più suggestivi dell'anno!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Differenze tra teatro greco e romano

L'origine del teatro occidentale, come lo conosciamo è senza alcun dubbio riferibile alle forme drammatiche sorte nell'antica Grecia, così come sono di derivazione greca le parole teatro, scena, tragedia, dramma, coro e dialogo. Gli Ateniesi svilupparono...
Recitazione

Come realizzare un costume da Sherlock Holmes

La guida che state per leggere sarà molto particolare, in quanto il suo argomento fondamentale sarà davvero interessante, anche per i più piccoli. Infatti, come avrete già notato dal titolo che va ad accompagnare la stesura di questa guida, ora andremo...
Recitazione

Breve storia del teatro

Se si vuole trattare la storia del teatro, conviene dividere il fenomeno nei diversi stili che caratterizzano i diversi momenti storici. Per primo troviamo il teatro classico, ossia il teatro greco e romano, poi quello medievale in cui nasce anche la...
Recitazione

Come realizzare un costume da Giulietta Capuleti

Per interpretare al meglio il ruolo teatrale di Giulietta Capuleti, ti servirà un'adeguata preparazione ed ore di studio. Non tralasciare l'importanza del costume di scena. Piuttosto semplice da realizzare, richiederà poco tempo. Dovrai aggiungere solo...
Recitazione

Come realizzare un costume da Pantalone

Poco conosciuta, forse, è la maschera di Pantalone, un vecchio mercante veneziano, avaro e brontolone, che ancora crede nel suo fascino e per questo tenta di insidiare le giovani cortigiane. Prima di scoprire come realizzare un costume da Pantalone,...
Recitazione

Alberto Sordi: vita e filmografia

Alberto Sordi è stato uno dei più apprezzati e popolari attori della commedia italiana e romana; doppiatore di successo, diede la voce a numerosi personaggi tra cui Oliver Hardy; fu attore teatrale e di rivista. Ha ottenuto, durante la sua vita, successi...
Recitazione

Guida al teatro pirandelliano

Quando si parla di Luigi Pirandello ci si riferisce non solo alla sua attività di scrittore ma anche al suo impegno nei confronti dell'arte drammatica. In merito al teatro Pirandelliano dunque ci si rifà ad una serie di fasi le quali raggruppano sia...
Recitazione

Come organizzare uno spettacolo teatrale per bambini

Introdurre i bambini alla recitazione è un attività culturalmente stimolante e pedagogicamente raccomandata per sviluppare l' empatia e lo spirito di gruppo, soprattutto in età scolare. Coinvolgere nella recitazione è anche un modo per tirare fuori...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.