Come accordare una chitarra con l'accordatore

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per accordare qualsiasi tipo di chitarra con l'accordatore è necessario, prima di tutto, conoscere le sei corde dello strumento e sapere quale nota ognuna di essa deve produrre, per rientrare in un'accordatura. Esistono diversi tipi di accordatura possibili per la chitarra, ognuna delle quali implica posizioni completamente diverse quando si va a suonare. Per questioni di convenzionalità in questa guida andremo a vedere soltanto quella principale, più importante, universalmente riconosciuta ed utilizzata e per questo detta standard. Tuttavia, una volta compreso il procedimento sarà ben semplice ricavare anche tutte le altre accordature, se proprio lo si vorrà.

26

Nell'accordatura standard, le sei note che le corde dovranno rispettivamente riprodurre sono, in ordine decrescente di spessore: MI (basso) LA RE SOL SI MI (alto). Notare che le corde sulla chitarra si contano partendo da quella più sottile: il MI alto (detto anche cantino) che è quindi la prima, poi vengono in ordine il SI (seconda corda), il SOL (terza corda), il RE (quarta corda), il LA (quinta corda) e in fine il MI basso (sesta corda). Possiamo adesso vedere come accordare la chitarra in questo modo, avvalendoci dell'aiuto di un accordatore. Nota: i nomi delle note, talvolta (nel il sistema britannico) sono indicati con lettere al posto dei convenzionali DO RE MI FA SOL ecc.. Se non siete abituati ad usare questo sistema, per tradurre velocemente seguite il seguente schema: A = LA, B = SI, C = DO, D = RE, E = MI, F = FA, G = SOL.

36

Le tipologie di accordatore reperibili sono davvero svariate, accordatori elettronici, agganciabili alla chitarra, accordatori a fiato, software per accordare tramite il PC etc.. Tutti validi ed utili allo scopo, ma tutti richiamabili entro due tipologie principali: accordatori analogici ed accordatori digitali. Nell'approfondimento tratteremo anche l'argomento "Accordatori per smartphone e Tablet", quindi vi consiglio la lettura completa di questa guida.

Continua la lettura
46

Gli accordatori digitali, in pratica, posseggono un microfono interno che sente i suoni emessi e determina a quale nota questi corrispondono, con tanto di levetta ad indicare quanto si è vicini alla nota desiderata. Se utilizzate uno di questi, non dovrete far altro che posizionarlo vicino allo strumento e cominciare a suonare una corda, l'accordatore risponderà mostrandovi la nota che state suonando e quanto ci siete vicini attraverso una lancetta come quella visibile nell'immagine. Non dovete far altro che continuare a suonare quella corda e, con l'altra mano, ruotare la meccanica corrispondente, allentando o tendendo la corda fino a che sul display non visualizzate la nota desiderata e la lancetta perfettamente al centro. Ripetete il procedimento per ognuna delle corde.

56

Gli accordatori analogici, invece, in genere non sono elettronici e non hanno un microfono che rileva quale nota state suonando. Questo tipo di accordatore non fa altro che riprodurre una nota, il resto deve farlo il vostro orecchio. Seppure può essere difficoltoso per chi è alle prime armi, consiglio di imparare ad accordare la chitarra con questo sistema a chi ha intenzione di proseguire con gli studi in quanto costituisce anche un allenamento per la vostra sensibilità musicale. Gli accordatori utilizzabili con questo metodo sono anch'essi tanti, in realtà basta qualsiasi cosa che riproduca una nota definita per poter già parlare di "accordatore"; esistono accordatori online ed anche accordatori elettronici-analogici ma vediamo qui come usare il diapason, uno degli accordatori analogici più diffusi ed antichi. Quando battiamo le due barrette parallele del diapason su una superficie, questo comincia a vibrare e la vibrazione produce una nota, precisamente un LA a 440Hz (esistono diapason anche per tutte le altre note) che potete sentire accostando le barrette vibranti all'orecchio o poggiando il pomello del diapason sulla cassa della chitarra, per amplificarne il suono. Ascoltiamo il LA quanto ci basta per riuscire a ricordarlo anche dopo che è svanito e tendiamo/allentiamo la seconda corda della chitarra finché questa non produce quella stessa nota ma un'ottava più in basso. Per fare ciò possono essere necessarie varie prove ed aggiustamenti: regolate la meccanica finché il LA della chitarra è uguale a quello del diapason, provate a farli suonare insieme: vedrete che se non sono uguali, una vibrazione sgradevole sarà subito percepita mentre sentirete solo un piacevole ondeggiare quando le due note sono alla stessa altezza (frequenza). Accordata la seconda corda, suonatela premendo sul suo quinto tasto: la nota che ne verrà fuori sarà un RE che è anche la stessa nota a cui dovrà corrispondere la corda successiva, la terza. Allentiamo / tendiamo quindi la terza corda finché questa non produrrà anch'essa un RE, la stessa nota della seconda corda al 5° tasto. Prendetevi tutto il tempo necessario per far combaciare bene le due note, non siate frettolosi, con il tempo questo migliorerà fino a diventare semplicissimo. Suonate adesso al 5° tasto anche la terza corda: otterrete un SOL, la nota che vi serve per accordare la quarta corda. Per ottenere invece un SI ed accordare quindi la quinta corda, dovrete suonare la quarta corda sul quarto tasto anzichè sul quinto. Accordato il SI, suonate la quinta corda di nuovo sul quinto tasto per ottenere il MI cantino. A questo punto non ci resta che accordare la sesta, il MI basso utilizzando il MI cantino: dovranno produrre la stessa identica nota, alla distanza di un'ottava l'una dall'altra.

66

Gli accordatori software sono molto pratici perché ti permettono prima di studiare al pc di accordare il tuo strumento. Di seguito ve ne farò vedere qualcuno.

Il primo senza dubbio per completezza è: Pitch Perfect di NCH Softwares.

Dispone infatti di numerosi strumenti precaricati tra cui scegliere (chitarra, chitarra baritona, basso, violino, viola, violoncello, contrabbasso, mandolino, ukulele e fiddle); per ognuno di questi strumenti sono state caricate svariate accordature standard e alternative. Oltre che accordare potrete quindi anche sperimentare nuove sonorità, provando intonazioni differenti e accordature open (maggiori e minori).

Il secondo programma, essendo gratuito e più semplice è: Free Guitar Tuner

La grafica è semplicissima ed intuitiva con una finestra con grafica minimale. L’unico motivo per cui ti consiglio di scaricare questo programma è la sua semplicità davvero unica.

Passiamo ai accordatori software per smartphone, sono sempre di ottima qualità è utilizzano il microsofono interno dello smartphone. Le due applicazioni che ho provato è mi sono trovato molto bene sono: "Accordatore per chitarra della Gismart" e "Preciso accordatore cromatico" della FinestAndroid. Com.
Queste due applicazioni le ho testate su uno smartphone Android, ma li trovate anche su Ios o Windows Store. Ovviamente queste applicazioni vanno bene anche per Tablet.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Come accordare la chitarra elettrica

La chitarra, strumento musicale a corde, affascina tutti e specialmente i giovani. I primi approcci musicali si effettuano solitamente proprio con la chitarra. La sensibilità delle corde richiede però una frequente accordatura. Specialmente prima di...
Musica

Come suonare la chitarra classica e acustica

Suonare è una delle forme d'arti più belle che l'uomo abbia mai inventato. Grazie alla moltitudine di melodie che si possono inventare, è possibile creare musiche che colpiscano direttamente il cuore e l'animo di chiunque. Tra gli strumenti preferiti...
Musica

Come accordare una chitarra senza l'accordatore

La chitarra è uno strumento cordofono che viene suonato con le dita o con un plettro. Purtroppo succede che delle volte di debba accordare e, anche se per alcuni può essere impresa decisamente ostica, e a volte addirittura impossibile: si tratta infatti...
Musica

Come scegliere l'accordatura della chitarra

Accordare la propria chitarra è una delle operazioni più importanti per qualsiasi musicista. Comporta tempo e pazienza ma è la maniera per conoscerla meglio ed ottenere da essa il “sound” desiderato. Un’accordatura accurata non serve solo a dare...
Musica

Come accordare la chitarra: metodi

Per ottenere sempre il suono migliore dalla nostra chitarra, occorre prestare molta attenzione alla manutenzione delle corde e alla loro tensione. Una sola corda più allentata o più tesa del dovuto, infatti, può compromettere la qualità sonora di...
Musica

Come accordare la chitarra classica

Accordare una chitarra classica è un'operazione che può risultare alquanto noiosa ed antipatica che spesso induce ad abbandonare questo importante strumento prima ancora di cominciare a suonarlo. Eppure questa è l'attività quotidiana di ogni chitarrista,...
Musica

Come accordare una chitarra acustica senza accordatore

La chitarra è un bellissimo strumento musicale dotato di sei corde, che viene suonato utilizzando i polpastrelli per formare gli accordi e un plettro per far vibrare le corde. Questo strumento è composto da un manico che è la parte su cui si compongono...
Musica

Come accordare una chitarra senza accordatore

La chitarra è uno strumento musicale a corde che si suona con le unghie, con i polpastrelli o con il plettro, un oggetto di materiali differenti che ha la funzione di far vibrare le corde. Per fare in modo, però, che ogni tasto emetta la giusta nota,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.