Come ballare il cancan

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il cancan è una tipologia di danza molto suggestiva, ha delle origini Francesi che raggiunse l'apice del successo durante gli anni della "Belle époque" presso i cabaret di Parigi. Il nome non ha delle origini certe ma secondo una corrente di pensiero, il ballo deriverebbe dalla quadriglia inventata nel 1850. Ancora oggi il cancan, viene associato al famosissimo Moulin Rouge di Parigi dove la ballerina Louise Weber chiamata la "Goulue" propose le caratteristiche mosse oggi riconosciute come tipiche di questo ballo. Sono ancora molte le persone attratte da questa particolare e suggestiva danza e per chi volesse imparare i diversi passi, in questa breve guida troverà alcuni indicazioni utili su come ballare il cancan.

26

Occorrente

  • musica per cancan
  • Abbigliamento adeguato
36

Il ballo del cancan è molto semplice da mettere in pratica, malgrado da spettatore possa apparire il contrario. È estremamente coreografico e per poterlo praticare, occorre seguire il ritmo della musica adeguata, un po' di allenamento, tanto fiato e un abbigliamento adeguato che vi consenta di completare la coreografia! Chiaramente si tratta di una danza adatta esclusivamente al sesso femminile che ondeggiando la lunga gonna, mette in evidenza le gambe con movimenti ritmati e ripentivi.

46

La caratteristica principale del ballo, infatti è il sollevamento veloce e ritmico delle gambe con conseguente sollevamento della gonna che un tempo lasciava intravedere l'ampia sottogonna. Il cancan è un ballo di gruppo, esercitato da più donne per ottenere una migliore coreografica, ma anche ballato da una singola donna garantisce un ottimo successo. I passi che lo caratterizzano, sono quattro e si ripetono ciclicamente per tutta la durata della musica. Il primo passo, prevede il saltellare sul posto con entrambe i piedi. Nel secondo, si saltella sul piede sinistro e si solleva la gamba destra piegandola verso il ginocchio, si fa un altro salto sullo stesso piede e si slancia la gamba avvicinandola il più possibile alla testa; Nel terzo passo si saltella nuovamente con entrambe i piedi per terra. Ed infine si saltella sul piede destro e si solleva la gamba sinistra come per l'altra gamba, primo slancio piegando il ginocchio e successivo sollevando in alto sino alla testa.

Continua la lettura
56

La maggiore difficoltà, si trova nel sollevare la gamba ad un altezza adeguata, pertanto prima di praticarlo in modo corretto, è necessario esercitate numerosi esercizi di riscaldamento per evitare strati muscolari. Come avete potuto dedurre, si tratta di una danza molto semplice da praticare, ma come in tutte le attività fisiche occorre esercizio e munirsi di una buona dose di pazienza per eseguire i passi in modo corretto!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Praticare molto esercizio

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Danza

Come ballare con chi non sa farlo

La danza rappresenta come il canto, un modo per poter esprimere le proprie emozioni. Attraverso la danza infatti, si riesce a comunicare con il proprio corpo. Ogni individuo ha dei gusti differenti e sceglie il tipo di musica, in base alle emozioni che...
Danza

Come ballare la carola

Il ballo è, da sempre, ritenuto una forma artistica, un'arte fra le più complesse che emoziona, e regala sentimenti sia a chi lo guarda sia a chi lo pratica. È presente in tutte le culture e persiste nel tempo, tanto che è stata celebrata anche in...
Danza

Come ballare la tarantella calabrese

La tarantella calabrese è una particolare danza che ha origini antichissime. Essa risale a rituali anche abbastanza complessi del tarantismo, un fenomeno convulsivo che porta a movimenti molto particolari, tipici di questa danza. Questo fenomeno isterico...
Danza

Come ballare il charleston

Il Charleston prende il nome dall'omonima città della Carolina del Sud. Di derivazione jazzistica, questo ballo nasce negli anni Venti in America diffondendosi rapidamente anche in Europa. Il Charleston ha un andamento veloce. Si basa su movimenti rapidi...
Danza

Come ballare la tarantella pugliese

In tante regioni d'Italia ci sono dei tradizionali balli del luogo i quali hanno musiche, costumi e passi specifici, dando vita a quello che viene definito ballo folclorico regionale. In Puglia è possibile trovare la conosciutissima "pizzica", chiamata...
Danza

Come ballare la virelai

Il sottofondo musicale richiama la melodia medievale francese, simile alla ballata ed al rondeau. La virelai rappresenta una tipologia di danza con torsione medievale, in uso tra il 1200 ed il 1400. Si tratta di un ballo particolare e caratteristico che...
Danza

Come ballare la mazurca

La mazurca è un ballo di origine polacca ma conosciuto e ballato in tutto il continente europeo. Con la sua musica e il suo ritmo è un tipo di ballo in grado di incuriosire anche il meno avvezzo alle pratiche della danza di coppia. Se amate il ballo...
Danza

Come ballare il tango argentino

Il tango è una danza erotica e appassionata, caratterizzata anche da toni malinconici e a tratti inquietanti. Originaria dell'Argentina, è una danza che coinvolge non solo il corpo ma anche l'anima. Comprendere la filosofia che si nasconde dietro al...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.