Come ballare il liscio

Tramite: O2O 07/05/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il ballo è una forma d'arte piuttosto antica che si tramanda di generazione in generazione, e che ogni anno vede migliaia di persone iniziare qualche corso, per poter imparare i passi e le tecniche da riproporre sulle piste da ballo. Nel corso dei secoli molti sono i balli che sono stati creati e tramandati e che ancora oggi esercitano un certo fascino in milioni di persone. Tra questi ci sono i balli latini, e anche i balli più classici originari della nostra bellissima terra.
Esistono moltissimi tipi di ballo tra cui il liscio. Ma da dove deriva il liscio, quali sono le sue origini?
Il liscio è un ballo classico ma che non tramonta mai e che ancora oggi viene insegnato nelle grandi scuole di ballo.
Siamo quindi ben felici e pronti, di proporre a tutte le nostre lettrici e lettori, che amano ballare, una guida, che li guiderà passo dopo passo, nella scelta e nell'esecuzioni dei passi specifici di questo genere di ballo. In particolare vogliamo cercare di dare una mano ad insegnare come e cosa fare per ballare, nella maniera più semplice, veloce ed anche pratica, il liscio, una tipologia di ballo, che piace non solo ai grandi o anziani, ma anche a molte coppie giovani, che decidono di iscriversi a delle scuola di ballo, per impararlo e quindi poter eseguire alla perfezione i passi che lo compongono.
Iniziamo subito questo articolo con il dire che il liscio è un ballo di coppia nato in Emilia Romagna più di duecento anni fa, e comprende diversi stili di ballo, tra cui il valzer. Deve il suo nome al movimento frequente dei piedi dei ballerini, i quali "strisciano", e quindi "vanno via lisci". Per sapere come ballare il liscio vi basterà seguire i pochi e pratici consigli di questa guida e metterli in pratica per fare pratica. Buona lettura ed anche buon divertimento nella realizzazione di questa guida in cui apprenderete i rudimenti di questo ballo e metterli in atto fin da subito.

27

Occorrente

  • conoscenza di base
  • senso del ritmo
37

Le prese del liscio

La prima cosa da imparare nel ballo liscio sono le prese. La presa del cavaliere: l'uomo deve stare in posizione eretta ed a piedi uniti, e la presa consiste nel tenere il braccio sinistro col gomito allineato al dorso, cercando di evitare che questo si muova in avanti e tenendo la mano della dama in modo comodo. Il polso sinistro non deve piegarsi, perciò provate ad immaginare di dover seguire una linea retta che dalle nocche arriva al gomito. Per quanto riguarda il braccio destro, deve essere tenuto morbido, mantenendo il gomito in maniera non troppo aderente al fianco del cavaliere, né troppo in avanti. La mano destra va posizionata sotto la scapola sinistra della partner. Nel posizionamento evitate le prese troppo energiche, perché forzereste i movimenti; ricordate che il palmo della mano sinistra va tenuto sempre rivolto verso l'alto.
La seconda presa è la presa della dama: questa va eseguita in posizione eretta, evitando di alzare le spalle. La dama non deve stare difronte al cavaliere, ma leggermente spostata verso il suo lato destro (quindi alla propria sinistra). Il braccio destro si solleva dal gomito fino ad incrociare la mano del partner, mentre il sinistro si poggia con leggerezza su quello destro del cavaliere, con la mano vicina alla spalla dell'uomo.

47

Il tempo nel liscio

Ogni ballo deve seguire delle tempistiche ben precise per eseguire i passi alla perfezione. Il ritmo dei balli viene dettato dal tempo, il quale è costituito da battiti: ad ogni battito corrisponde un passo. La Mazurca, per esempio, presenta un tempo di 3/4, per questo motivo ciascuna battuta ha 3 passi. In questo tipo di ballo il partner uomo parte col piede destro in avanti e la donna, che è ad esso speculare, parte col piede sinistro indietro. Per poter eseguire la Mazurca bisogna fare un giro a destra, cambio da destra a sinistra (in questo l'uomo è all'indietro), giro a sinistra, cambio da sinistra a destra (l'uomo torna in avanti), passo stop, piroetta a destra, piroetta a sinistra, apertura, piroetta a destra (passando dietro al cavaliere).

Continua la lettura
57

Differenza tra liscio e Mazurca

Il Valzer classico, invece, va eseguito quasi come una Mazurca, ma è più veloce e al posto dello stop si trova un cambio di direzione.
Il Valzer lento, che ha un tempo di 3/4, vede un'esecuzione differente: giro a destra, cambio da destra a sinistra, giro a sinistra, cambio da sinistra a destra.
Imparare il liscio richiede tempo e dedizione, ottime basi per poter iniziare e dedicarsi poi a passi più complessi ed articolati. I consigli di questa guida vi aiuteranno a cominciare ad imparare questo tipo di ballo, ma per apprendere al meglio è bene frequentare qualche corso specifico, che oltre a potersi avvalere di un insegnante qualificato è anche un ottimo luogo per poter fare nuove conoscenze ed apprendere insieme il ballo. Vi auguro quindi buon divertimento.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Danza

Come ballare la musica afro

Ballare la musica afro è qualcosa di estremamente semplice e divertente. È una musica che si discosta completamente da quella etnica e da quella tradizionale africana, rappresentando un nuovo genere musicale. Stiamo parlando di un genere nato dalla...
Danza

Come ballare un lento

Ballare è un'antica forma d'arte che riesce a far compiere, alle persone che la praticano, dei movimenti sinuosi e magnifici. Esistono molti tipi di ballo, differenti stili, ma forse quello più affascinante e che piace di più (anche per la sua facilità...
Danza

Come ballare con chi non sa farlo

La danza rappresenta come il canto, un modo per poter esprimere le proprie emozioni. Attraverso la danza infatti, si riesce a comunicare con il proprio corpo. Ogni individuo ha dei gusti differenti e sceglie il tipo di musica, in base alle emozioni che...
Danza

Come iniziare a ballare il tango

Il tango unisce sensualità e passione. Nasce in Argentina agli inizi del '900 come musica popolare e conosce il massimo splendore negli anni '30 e '40. Il ballo si basava originariamente sull'improvvisazione. Successivamente venne codificato mediante...
Danza

Come imparare a ballare sulle punte a casa

Il ballo sulle punte è una tecnica di danza le cui origini sono da ricollocare nella vicina Francia, nonostante alcune fonti narrino che, in maniera molto più rudimentale, fosse già utilizzata nel XVIII secolo in famose ballate napoletane. Ballare...
Danza

10 consigli per ballare bene in discoteca

Molto spesso si rinuncia a lasciarsi andare sulle piste della discoteca perché convinti di non saper ballare. Ecco, dunque, che si rifiutano gli inviti degli amici con le scuse più banali. Ma quanto bisogna essere bravi per divertirsi in maniera spassionata...
Danza

Consigli per cominciare a ballare la salsa

La salsa è un ballo contagioso. In essa si fondono ritmo, passione e sensualità. Una serie di movimenti ben fatti può aiutarvi ad iniziare con il piede giusto questa fantastica esperienza di ballo. All'inizio sarà tutto un po' più complicato: andare...
Danza

Come ballare in modo sensuale

Da sempre il ballo rappresenta un'arma di seduzione. Il tango, ad esempio, racchiude nel linguaggio corporale sensualità ed eleganza. Dalle grandi star del panorama musicale a quelle del cinema, nei grandi o piccoli locali di tutto il mondo, tutti si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.